Annalisa Colzi
odiare i sacerdoti

Odiare i sacerdoti, ecco il vero perchè, tutto il resto sono scuse

pellegrinaggio a Medjugorje 28 settembre 2018

Odiare i sacerdoti oggi va di moda. Odiare i sacerdoti è quasi un diritto dell’uomo. E con fare dispregiativo lo chiamano: “il prete” o peggio come lo chiamò satana; “Pretaccio”. La verità è un’altra, non questa, diciamocela tutta. La pecora nera vive in ogni famiglia, in ogni categoria. Nel mondo esiste sempre l’opposto; il bello e il brutto, il buono e il cattivo, il bianco e il nero e la categoria dei sacerdoti non è esente. Quante famiglie conosco che sono state beneficate da sacerdoti santi, ricevendo un raggio di luce e di conforto. Tanti sacerdoti riescono ad estinguere un odio familiare; portano conforto agli ammalati. Basta fare giusto qualche nome: San Pio, San Massimiliano Maria Kolbe, Beato don Giustino Russolillo, don Dolindo Ruotolo, don Matteo La Grua, San Giovanni Bosco ecc ecc

Odiare i sacerdoti è la cosa più semplice da fare per un solo motivo:

Vediamo nei Preti un rimprovero alla nostra condotta immorale. L’uomo onesto non ha paura del Ministro di Dio. Chi rifiuta un sacerdote, chi si applica e si prodiga a farlo disprezzare, non è altro che un modo per mettere a tacere la voce della coscienza. Non ci vuole tanto per capirlo. Basta esaminare la condotta della persona che critica i sacerdoti, che odia i sacerdoti. Solitamente chi parla male, tradisce la moglie, o tradisce il marito, bestemmia ed è alla famiglia di peso più che di sollievo.

I sacerdoti hanno le mani consacrate, unte di dell’olio santo nel giorno della loro ordinazione. Gesù attraverso le loro mani scende sull’altare trasformando l’ostia nel Suo Corpo, il vino nel Suo Sangue. Non guarda se quel prete è buono o cattivo. Grazie a quel sacerdote noi possiamo mangiare il Corpo di Cristo.

Non troviamo scuse dicendo: ma perchè devo confessarmi da un uomo e soprattutto da quel prete che ha addirittura l’amante? La risposta è semplice; il prete in quel confessionale non è altro che uno strumento. E’ Dio a darci l’assoluzione, è Dio a darci il perdono.

Molti di noi si autoproclamano anticlericali, cioè uomini contro il clero. E dicono che i sacerdoti sono falsi, sono donnaioli, sono ricchi, sono, sono…e quasi sempre segue la frase: io credo in Gesù ma non nella Chiesa e nei sacerdoti. Ma carissimi, come possiamo credere in Cristo se poi odiamo e critichiamo ciò che Lui stesso ha fondato e voluto? Se ci riteniamo cristiani, dobbiamo smettere di criticare i sacerdoti, piuttosto, preghiamo per loro.

A parte i commenti che leggo ovunque contro i sacerdoti e il Papa, ho poco da aggiungere. Questa è la verità! Non so se debba far paura un sacerdote con la veste nera o un uomo con il cuore infangato!

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

libro sul mostro di firenze

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.880 altri iscritti

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

La vita è una serie infinita di inizi.

l'arte di ricominciare

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.880 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp