Annalisa Colzi
il diario di santa veronica
cambiata da medjugorje

Mi ubriacavo ma sono cambiata da Medjugorje

Cambiata da Medjugorje ho iniziato una nuova vita

Ho sempre creduto all’esistenza di Dio ed ho sempre saputo di avere una Mamma in cielo, ma non sapevo quanto fosse grande il suo amore. Sono tornata cambiata da Medjugorje dopo aver sperimentato l’amore di Maria.

Sono arrivata a Medjugorje dopo aver conosciuto colui che diventerà mio marito. Partimmo insieme il 12 agosto 2007. Per me era la prima volta, per lui la seconda. Ricordo le lacrime di paura e di angoscia all’arrivo e le lacrime di gioia alla partenza.

Mai mi sono sentita amata come in quei quattro giorni. I miei sbagli venivano sommersi dall’amore di Maria. Capii che la felicità non la si trova nello sballo del venerdì sera ma nel conoscere l’amore, quello vero, quello puro.

Sì, sono tornata cambiata da Medjugorje ed insieme al mio fidanzato iniziai un cammino di fede che ci portò al matrimonio.

Dopo quattro anni dal matrimonio e la nascita della prima figlia iniziano i problemi spirituali.

Il sacramento del matrimonio spezza i legami di Satana

Nel 2013 iniziai ad accusare vari disturbi fisici ma a niente servirono le varie visite da specialisti. Una sera, durante una preghiera di liberazione, mi sentii male e così scoprii che i dolori che avevo erano causati dal maligno. Ricorsi subito a Gesù dicendogli: “Io non so perché mi sta succedendo questo, ma so che con il tuo aiuto troverò la forza per reagire. Gesù ti offro tutte le mie sofferenze”. Da quel momento ho sentito Gesù vivo e presente accanto a me, a lottare con me contro il maligno.

Ed ho sperimentato anche il grande potere del sacramento del matrimonio contro Satana. La notte, durante gli attacchi, io e mio marito pregavamo insieme e i dolori si allontanavano. Con il tempo la situazione è molto migliorata e abbiamo avuto la grazia anche di una seconda figlia.

Ma adesso devo raccontarvi come ero prima che tornassi cambiata da Medjugorje.

La mia droga era l’alcool e spesso tornavo a casa ubriaca

I miei genitori sono sempre stati splendidi. Persone credenti che mi hanno trasmesso rispetto e valori. In questo caso non posso dare la colpa ai genitori ma solo alla mia testardaggine.

Come tanti miei coetanei dopo la Cresima ho mollato la Chiesa e mi sono gettata fra le braccia del mondo. Amavo molto i weekend con gli amici. Con loro, tra una chiacchiera e l’altra, iniziarono i primi bicchieri di birra, di cocktail e di droghe. Grazie a Dio, queste ultime non hanno mai fatto parte della mia vita. Credo che sia stato l’Angelo Custode ad aiutarmi a non assumerle. Ogni volta che mi venivano offerte sentivo una voce che mi diceva di rifiutare. Ma con l’alcool non ce l’ha fatta. Era più forte di me e ogni tanto tornavo a casa ubriaca per poi non ricordare più niente.

Di quel periodo ricordo la grande euforia del venerdì e del sabato e il mal di stomaco e i sensi di colpa della domenica e del lunedì. In quei momenti sentivo la voce interiore che diceva: “Basta, basta”. Per tutta risposta alzavo il volume della radio o cominciavo a cantare. Non volevo ascoltare il rimprovero della mia coscienza. Ma Dio aveva preparato un luogo straordinario anche per me, il suo nome è Medjugorje.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

il mio cuore trionferà

Prossimo Pellegrinaggio Collevalenza

Santuario del Divin AmoreFeb 3, 2018
17 giorni.

Iscriviti per ricevere gratis i miei articoli

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 18.639 altri iscritti

FILM DVD IL RISVEGLIO DI UN GIGANTE

IL RISVEGLIO DI UN GIGANTE STREAMING

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

misericordina rosario dell'anima

Seguici

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli