Annalisa Colzi
piegare le ginocchia dinanzi a Dio

Supplicare vuol dire saper piegare le ginocchia e umiliarsi dinanzi a Dio

Supplicare significa piegare le ginocchia: un gesto che dice umiltà ma rivela anche la paura dinanzi ad una minaccia è possibile o anche solo eventuale. La supplica è una preghiera accorata che raccoglie ed esprime  l’eco del dolore e dell’angoscia in cui si trova l’orante, posto in una condizione oggettiva di pericolo. E’ l’espressione di un’umanità che ha paura di restare sola nella notte oscura dove tutte le cose perdono forma e identità.

Piegare le ginocchia è come proclamare la nostra miseria, accettarla pienamente. Quando un uomo si pone dinanzi a Dio ed è pronto a piegare le ginocchia, in quel momento solleva una preghiera umile che sconfigge l’istintiva arroganza, una preghiera semplice che chiede l’essenziale: non qualcosa ma Qualcuno. A questa supplica il Signore risponde con una promessa:«Io sono con voi» (Mt 28,20)

In ogni preghiera c’è sempre una supplica o una richiesta da presentare al buon Dio. Pregare infatti è come salire sul monte, in compagnia dei dolori del mondo e di quel piccolo mondo degli amici che il buon Dio ha affidato alle nostre cure. La preghiera non è sempre un’oasi di consolazione, a volte proprio la preghiera ci fa sentire mezzo alla tempesta. Chi prega cerca, domanda, soffre. Come un naufrago, un mendicante, un povero, un affamato. La preghiera ci riporta alla verità di noi stessi, alla più semplice ed essenziale verità, quelle di creature fragili in cammino verso la pienezza.

Spesso supplichiamo con arroganza, quasi con pretesa e se la supplica non si tramuta in grazia ricevuta, abbandoniamo tutto con un semplice: DIO NON ESISTE!

Dobbiamo supplicare invece prima con il cuore, avendo la piena convinzione e conoscenza della nostra miseria e della grandezza di Dio che solo Lui tutto può. Poi dobbiamo supplicare con il corpo. Come? Piegare le ginocchia, questo gesto ci umilia sottomettendoci a Dio. Infine supplichiamo con le parole, attraverso un’umile preghiera fatta con il cuore o recitata con devozione (nel caso la preghiera sia stata scritta da qualcun altro). Una supplica quindi ha valore solo se accompagnata dalla vera umiltà e dal pieno abbandono in Dio.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp