Annalisa Colzi
la vita spirituale è come scalare una montagna

Scalare una montagna fa parte del nostro cammino di fede

Pellegrinaggio a Medjugorje dal 30 agosto al 3 settembre 2018

Qualcuno potrebbe chiedersi: Scalare una montagna fa parte del nostro cammino di fede? Ma che significa?

Domanda lecita che esige una risposta netta: Il nostro cammino non è una strada ma una scalata. Credere, avere fede, seguire la via stretta del Vangelo, vincere le tentazioni, amare chi ci disprezza e ci fa del male…è faticoso, molto più che scalare una montagna. Il cammino quindi di un cristiano non è cammino, ma una scalata. Armiamoci quindi o cari amici di piccone, di corda, e di tutto ciò che ci aiuterà a salire sul monte.

Scalare una montagna è possibile!

Se devo quindi dare un’immagine che rappresenti il nostro cammino di fede, lo paragono ad una scalata di montagna. Dio è nell’alto dei cieli…Dio sul monte Sinai ci ha dato la sua legge. Gesù sul monte Tabor si è trasfigurato dinanzi ai suoi discepoli. Gesù per redimerci è salito sul monte Golgota. Anche noi quindi dobbiamo salire, ascendere verso il cielo. Questo monte qualche volta potrà somigliare al monte Tabor, altre volte a quello del calvario, ma dobbiamo salire e mai fermarci fino a che non raggiungeremo la vetta (DIO IL NOSTRO UNICO SCOPO DI VITA).

 La perfezione cristiana consiste nello scalare una mon­tagna spirituale. Tutti siamo chiamati a questa sublime ascensione, perché tutti siamo stati creati per raggiungere il Pa­radiso.
« Siate perfetti, dice Gesù Cristo, com’è perfetto il Padre vostro che è nei Cieli » (Matteo, V-48).
Queste parole divine non sono rivolte solo ai Sacerdoti, ai Frati, alle Suore, ma a tutti coloro che sono battezzati.
La perfezione spirituale non ha limiti; ogni anima raggiunge quel grado che vuo­le, secondo la misura a grazia di Dio e proporzionata al grado dei buona volon­tà che vi mette.

Ma è possibile conseguire la perfezione cristiana, cioè vivere intensamente la vita spirituale?

Certo, perché il Signore non comanda l’impossibile e non invita a cose assurde; poiché dice « Siate perfet­ti », è sua volontà che ognuno si sforzi di conseguire la perfezione di cui è capa­ce, secondo i talenti ricevuti e secondo lo stato di vita che ha abbracciato.
Chi dicesse: Non posso vivere una vita spirituale, perché sono nel matrimo­nioperché desidero accasarmi … perché devo guadagnarmi il pane … chi così dicesse, sarebbe in errore. L’unico impedimento alla vita spirituale è la pigrizia e la cattiva volontà; ed allora è il caso di dire: Signore, liberaci dalla cattiva volontà. 

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

libro sul mostro di firenze

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.849 altri iscritti

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

La vita è una serie infinita di inizi.

l'arte di ricominciare

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.849 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp