Annalisa Colzi
rosario ai confini della Polonia

La crociata del Rosario ai Confini della Polonia

Crociata del Rosario

Il 7 ottobre, festa del Santo Rosario, anche conosciuta come festa di Nostra Signora Della Vittoria, oltre un milione di polacchi si sono recati ai confini e alla cappella aeroportuale della loro nazione per pregare il rosario.

Una catena di persone, circondava l’intero paese.

Dai dati provenienti dalle singole parrocchie, siamo giunti alla conclusione che c’erano da 1.200.000 a 1.400.000 di persone circa”, ha affermato l’organizzatore Maciej Bodasiński.

Lui stesso è andato con la sua famiglia alla laguna di Vistula, a est di Gdańsk, e lì hanno pregato il rosario mentre costeggiavano lungo il confine blu del Mar Baltico.

Un considerevole numero di persone, stava pregando in ogni parte della Polonia: con la radio, nelle chiese parrocchiali, nelle case, negli aeroporti, negli ospedali, nelle strade, nelle cappelle. Incredibile! La gente di tutto il mondo unita in preghiera. Akita in Giappone, la Nuova Zelanda, il villaggio di Stamsund nelle isole Lofoten nel Circolo Polare Artico, la Cina, la Cambogia, Germania, Gran Bretagna, Norvegia, Danimarca, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l’Ucraina, la Bielorussia. C’erano anche i soldati polacchi in preghiera, nella base militare di Bagram, Afghanistan. I fedeli nel Kazakistan e negli USA. La gente scriveva da ogni parte del mondo. Abbiamo ricevuto un messaggio anche dalla spiaggia di Tenerife, che ci informava che erano in preghiera. Alleluia!”.

La logistica del trasporto di centinaia di migliaia di persone ai confini, non è stata semplice.

Due autobus pieni di gente, hanno viaggiato dalla mia chiesa parrocchiale (a Rrzeszów) fino a Krempna. C’era un problema con gli autobus perché c’erano così tanti gruppi di persone che volevano viaggiare fino al confine che non c’erano abbastanza mezzi da noleggiare. Soltanto dalla nostra città, 50 autobus sono partiti per il confine. Solo a Krempna, c’erano 2.500 persone che pregavano il rosario”, ha raccontato Jacek Kotula.

Kotula ha affermato che c’erano molti giovani e bambini lì: “circa la metà, erano persone giovani e famiglie con bambini”.

rosario ai confini

La giornata è iniziata con la Messa e le omelie sul rosario in ogni parte della Polonia.

Poi, il viaggio al confine e lì, finalmente, dalle 14.00 alle 16.00 abbiamo recitato le 4 parti del rosario. L’atmosfera era edificante, gioiosa e di pellegrinaggio. Sapevamo che, simultaneamente, un milione di polacchi, circondavano la nostra amata madrepatria con le preghiere del rosario”, ha continuato Kotula.

Daria Pietrzak di Częstochowa, è andata a Turza Śląska con altre 3.000 persone circa: “la maggioranza aveva più di 50 anni, ma c’erano anche un sacco di giovani”.

Ha partecipato alla Messa al Santuario della Madre di Dio di Fatima (ovvero: Nostra Signora di Fatima) a Turza Śląska.

Non tutte le 3.000 persone sono riuscite a entrare in chiesa.

Nonostante la pioggia, hanno pregato fuori. C’erano momenti in cui il sole brillava e la pioggia cadeva contemporaneamente. A quanto pare, in molti luoghi è apparso l’arcobaleno dopo le 14.00”, ha raccontato Daria Pietrzak.

rosario ai confini

Pietrzak, ha descritto l’umore come ‘concentrato’: “sentivamo che stavamo facendo qualcosa di molto importante, che era un evento storico. Eravamo molto orgogliosi: l’iniziativa aveva raccolto un milione di polacchi ai confini di tutta la Polonia. C’era una sensazione di legame fantastica. In quel momento, tutta la Polonia era circondata dal rosario. C’era unità spirituale”.

Jacek Kotula ha sentito le preoccupazioni riguardo al fatto che il Rosario ai Confini fosse xenofobo e anti-musulmano: “è una completa assurdità. Non c’è stato un singolo atto anti-islamico! Volevamo scusarci e fare penitenza con i nostri rosari, per le grandi blasfemie e gli insulti commessi contro l’Immacolato Cuore di Maria. Abbiamo pregato la Madonna per la salvezza della Polonia e del mondo. Questo non è un evento unico. Milioni di polacchi pregano il rosario ogni giorno, e ciò è qualcosa di ordinario. Quel che è straordinario è che ci siamo riuniti nel ‘Rosario ai Confini’ e abbiamo unito insieme le nostre preghiere e le nostre forze”.

L’organizzatore, Maciej Bodasiński, ha raccontato di non aver assistito a miracoli durante il Rosario ai Confini, ma che più persone gli hanno mandato foto di arcobaleni di cui son stati testimoni durante la preghiera del rosario.

rosario ai confini

L’arcobaleno è un segno dell’alleanza con Dio. I miracoli non sono la cosa più importante. La più importante è la presenza della gente, la presenza della Madre di Dio e la grande preghiera comunitaria, che è una benedizione per la Polonia e per tutto il mondo”, ha affermato Maciej Bodasiński.

Angela

Angela

Mi chiamo Angela e vivo a Mantova. Sono traduttrice, scrittrice e in certi ambiti artista. Dal 2011, sono testimone della presenza e dell’azione di Dio che, dall’inizio dei Tempi fino alla Fine di tutto, ha continuato, continua e continuerà a Convertire, Guarire, Liberare. Più il tempo passa e più mi rendo conto di essere figlia della Divina Provvidenza: se sono qui oggi, è solo grazie alla Sua costante presenza al mio fianco per accompagnarmi, sopra di me per proteggermi e davanti a me per guidarmi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli