ARTICOLI

Evviva le Crociate e i crociati Stop alla persecuzione contro i Cristiani

Dalla Terra Santa

ringrazio per i crociati

Percorrendo i luoghi santi di Gerusalemme, ho ringraziato vivamente i Crociati e la loro azione, il loro intervento in Palestina, la Terra Santa. Senza di loro e l’intervento di san Francesco non avremmo più nemmeno un pezzetto della gloriosa Terra di Gesù.

Tanti Santi, tra cui santa Caterina da Siena, hanno spronato gli uomini a partire con i Crociati per liberare la Terra Santa da coloro che stavano sgozzando, violentando, uccidendo nel peggiore dei modi uomini, donne e bambini.

Ed ecco perché non capisco i “buonisti”, cioè coloro che sparano a zero sui Crociati facendoli passare come dei pazzi pronti ad uccidere chiunque. Adesso, a questi “buonisti” chiedo: “Che cosa dovremmo fare con gli appartenenti dell’Isis che stanno facendo, né più né meno, ciò che facevano i loro antenati nella Terra Santa?”.

Vi lascio con questa domanda su cui riflettere ed intanto vi invito ad aderire a questa iniziativa:  https://www.facebook.com/events/281521762051907/

Intanto guardate e leggete le barbarie che stanno compiendo i musulmani dell’Isis:

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2014/08/19/isis-posta-video-decapitazione-giornalista-usa-rapito-in-siria_e31c5f31-af9a-410b-a560-1439f521eff0.html

E allora lasciatemi dire, lasciatemi gridare senza alcun tipo di problema: Evviva le crociate! Evviva i crociati!

E la mia preghiera ai cristiani che in tutto il mondo sono continuamente perseguitati e martirizzati.

Annalisa Colzi

Commenta con facebook
Tags

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.