ARTICOLI

La fede? E’ come essere in volo e guardare dall’alto

E’ suggestivo, per le prime volte, essere in volo, sospesi in aria e ritrovarsi tra cielo e terra. Il brivido che proviamo la prima volta è la paura ma che subito viene contornata da una forte voglia di vivere quei momenti unici. Diciamo che la paura è secondaria, perchè se riflettiamo, in aereo si viaggia comodamen­te, senza scosse; sembra di stare fermi.

Quando siamo in volo, possiamo guardare dal fine­strino, quelle grosse nuvole dall’impressione di essere morbidose, fatte di zucchero filato. E se giù piove, quelle saette guizzano scaricandosi sulla terra; sull’aereo invece splende il sole, perché si sta molto in al­to e si è al di sopra di questi disturbi at­mosferici.

Si sta fermi, comodamente seduti, ep­pure si divorano i chilometri. In aereo è una piccola immagi­ne della vita di fede.  Chi non ha fede e vive nel mondo e del mondo, deve respirare l’aria asfis­siante del materialismo e non può guardare le bellezze che sono nell’alto dei cieli, poichè non riesce a sollevarsi in volo verso l’immenso.
Chi non ha fede, per non restare schiac­ciato da questi assilli, cerca di distrarsi e si getta a capo fitto nei piccoli e tran­sitori piaceri del momento. Trascorre la vita come un viandante sbandato, tra nebbia e tenebre.

Invece chi ha fede è sempre sotto la luce del Sole Divino; è come l’aereo che vola in alto.

Sa perché è stato creato e sa che è di­retto alla patria celeste; è sicuro che mo­rendo continuerà a vivere, perché sa per fede che con la morte non viene tolta la vita, bensì viene mutata.

Chi ha fede, comprende che la soffe­renza è purificazione e fonte di meriti, è caparra di felicità eterna, basandosi sulle parole di Gesù Cristo: La vostra soffe­renza si cambierà in gaudio.

Fa il bene a piene mani, anche agl’in­grati, perché aspetta la ricompensa da Dio e non dagli uomini.

Chi ha fede, lavora per ubbidire ad una legge universale, imposta da Dio; si contenta del necessario, non sperpera il denaro e si serve del suo superfluo per beneficare i bisognosi.

Pur trovandosi sulla terra dei disagi, vive nella pace di Dio, supera col divino aiuto le prove della vita e muore rassegnato e sereno, fiducioso di assere am­messo al gaudio eterno.

Beato chi ha fede e vive di fede! In­felice chi ne è privo, perché vive irre­quieto e morrà male, senza aver avuto la gioia di sperimentare quella dolce emozione di ritrovarsi in volo, sospeso tra cielo e terra.

Commenta con facebook
Tags

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

Articoli simili