Annalisa Colzi
il vero amore proviene solo da Dio

Il vero amore di Dio è infinitamente più caldo del sole

IL VERO AMORE LO TROVI SOLO IN DIO PERCHE’ QUELLO DEGLI UOMINI E’ SURROGATO.

Ci sono 10 comandamenti, ma Gesù fa una distinzione, mette uno al primo posto: “Amerai il Signore Dio tuo, con tutto il tuo cuore, con tutta l’a­nima tua e con tutta la tua mente.” Se ameremo quindi di vero amore, il Signore con ogni fibra del nostro essere, avremo realizzato il più grande comandamento d’amore.

Queste parole divine non hanno biso­gno di molta spiegazione; in breve dico­no tutto e con chiarezza. Gesù avrebbe potuto dire: Il primo co­mandamento è di amare Dio. Invece ha voluto aggiungere di amarlo con tutte le nostre forze, per farci comprendere che siccome Dio ci ama svisceratamente, con amore eterno ed infinito, così vuole che le sue creature lo amino, senza misura in tutti gli istanti della lo­ro esistenza.

Dio è vero amore

Il sole, che arde emanando luce e ca­lore, è una debolissima immagine di Dio. Il Creatore dell’universo è una fornace ardente di vero amore; crea per amore, con­serva gli esseri nella loro esistenza per amore; segue ciascuna delle sue creatu­re con infinito amore; perciò San Gio­vanni Evangelista disse: Dio è amore!

Dio ci ama in modo folle, perchè noi stessi ci chiediamo? Ma perchè Dio ama uno come me così imperfetto, così inutile, così malvagio, così peccatore e soprattutto così disinteressato a Lui? Ecco la risposta:

L’uomo è il capolavoro della creazione

L’uomo è il capolavoro della creazione. Dio gli diede un corpo che racchiude in sé tutte le meraviglie del creato. Per amore creò la luce, affinché l’occhio uma­no potesse vedere; creò i dolci suoni per allietare l’udito; mise in seno alla natura una grande varietà di profumi e di fiori per appagare l’odorato dell’uomo; creò una sterminata varietà di cibi, di frutta, affinché il gusto potesse saziarsi. Quante funzioni delicate e complicatissime si svolgono nel nostro corpo per conservar­si nell’esistenza e tutto ciò avviene con ordine meraviglioso in forza di leggi chi­miche e fisiologiche, senza che l’uomo abbia a preoccuparsi. Tutto questo solo per amore.

Dio ci ama così tanto da concederci di chiamarlo Padre, e un giorno poter essere felici nel suo Regno glorioso. Dio è la felicità per essenza; per conseguenza non ha bisogno di nessuno, eppure quanti privilegi ci dona, tutto perchè è vero amore. Tutte le crea­ture riunite non potrebbero aumentare di un minimo grado la sua felicità. Co­me si spiega allora che Egli ami tanto gli uomini, sino a mendicare, per così di­re, un poco di amore? Se vi aspettate una risposta, mettete l’anima in pace perchè tutto questo è un mistero. Possiamo però dire: MENOMALE CHE SIA COSI!

Dio ci ama non solo a parole ma lo ha dimostrato morendo per noi sulla croce

Commesso il primo peccato dai nostri progenitori, il Paradiso rimase chiuso per essi e per i loro discendenti. Ma il buon Dio, che è vero amore, volle rime­diare e nella pienezza dei tempi attuò il piano della redenzione.

Se l’Incarnazione non fosse un fatto compiuto, sarebbe stoltezza il pensarla. Ma Dio, Essere infinito, che non ha bi­sogno di alcuno, che forma la felicità perfetta di sterminate schiere di Angeli, prende un corpo simile a quello delle sue creature ed una anima umana. 

Gesù Cristo per salvare il mondo avreb­be potuto contentarsi della sola Incar­nazione; ma, il suo amore essendo senza limite, volle abbracciare una vita di sa­crifici e di tormenti. Nacque pove­ro in una stalla visse in un’umile botte­ga esercitando il mestiere di falegname, per tre anni andò in giro predicando il regno dell’amore e facendo bene a tutti. Quale morte vergognosa volle avere Gesù! L’amore lo spinse a farsi annove­rare tra i malfattori, condannato a mo­rire in croce, inchiodato, insultato….Vera vittima di amore.

L’amore di Gesù per l’umanità non si esaurì con la sua vita terrena; volle per­petuare per tutti i secoli la sua dimora in mezzo agli uomini con la vita eucari­stica. Gesù dunque, trovando la sua de­lizia nello stare con i figli degli uomini, istituì il Sacramento dell’amore, pronto a darsi in cibo alle anime desiderose di nutrirsi delle sue Carni. L’Apostolo Giovanni poté scrivere nel suo Vangelo che, avendo Gesù amato i suoi, li amò sino alla fine, cioè sino all’estremo limi­te dell’amore.

L’umanità ingrata

L’uma­nità come corrisponde a tanta bontà di Gesù? Con l’ingratitudine! Chi lo be­stemmia; chi lo perseguita, in pubblico e in privato; chi è indifferente; chi neppure lo conosce e non si cura di conoscerlo; chi l’offende con sacrilegi, profanando il Sacramento dell’amore; chi dice di amarlo, ma con i fatti dimostra il con­trario…

Davanti a tale ingratitudine, Gesù soffre e sente il bisogno di lamentarsi. Egli volle un giorno mostrare il suo Cuo­re sanguinante ad una Suora della Visi­tazione, Santa Margherita Maria Alaco­que le si presentò nella sua sacra uma­nità, col volto triste, il Cuore circondato di spine e sormontato da una piccola cro­ce; il cuore era palpitante in mezzo a fiamme, simbolo di amore. «Ecco, o Margherita, quel Cuore che ha tanto a­mato gli uomini e dai quali è così poco amato!… In cambio di amore ricevo di­sprezzi e indifferenza!…»

I Santi furono rapiti da questo fuoco di amore, ne compresero la preziosità e niente risparmiarono per rendersene de­gni…! Beato colui che mette la sua fe­licità nel corrispondere all’amore di Ge­sù! Gode il Paradiso anticipato ed attra­versa questa valle di lacrime nella gioia più pura del cuore.

Infelice al contrario chi disprezza Ge­sù o non si preoccupa di amarlo! Avrà l’amarezza nel cuore perennemente, pur nuotando nei miseri piaceri di questo mondo!

Commenta con facebook
Condividi:
Francesco Lampredi

Francesco Lampredi

"Mi chiamo Francesco Lampredi e sono un Nutrizionista. Mi occupo principalmente di alimentazione per lo sport. Sono sposato con Emanuela e ho due figli: Giuseppe e Giosuè. Abitiamo a Perugia, vicino ad Assisi.
Maria ci ha chiamati a Medjugorje e da allora ho l'impressione di vivere dentro agli Atti degli Apostoli. Grazie Maria!"

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 881 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 881 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp