RUBRICHE

Charlie Charlie Challenge, lo spiritismo e le fiamme dell’inferno

Charlie Charlie

non c’è nulla di innocuo

C’è un gioco, se vogliamo chiamarlo in questa maniera, che sta spopolando tra i giovani. Si chiama: Charlie Charlie Challenge e sembra provenire da una antica tradizione messicana.
In pratica è una seduta spiritica semplificata, in quanto per evocare un demone si utilizza solo un foglio di carta e due matite.

Come tutte le mode del momento anche questa ha richiamato molti giovani a scherzarci su. Così, i ragazzi si ritrovano ad evocare spiriti demoniaci nelle abitazioni, nelle scuole o in altri luoghi dove si dilettano a provare questa “ebbrezza” senza minimamente immaginare che cosa scatenano.

Si potrebbe chiamare “incoscienza giovanile”, ma preferisco chiamarla “stupidità” e “ignoranza”; in quanto tutti coloro che si dilettano in questa pratica nemmeno comprendono che cosa potrebbe accadergli.

Il demonio, per chi ancora non lo ha compreso, è un angelo decaduto tra i più intelligenti. Non a caso Lucifero, che vuol dire “Portatore di Luce”, era una specie di braccio destro di Dio: intelligente e bellissimo. Quando finì nell’inferno avvenne la sua metamorfosi: la sua luce si trasformò in tenebre e la sua bellezza scomparve e divenne orribilmente brutto ma la sua intelligenza nessuno gliela tolse e questa intelligenza la usa perennemente per acchiappare tante anime da portare con sé all’inferno.

Ebbene, il giochino Charlie Charlie ha questo scopo: rendere schiave le anime attraverso l’evocazione dei demoni.

Cosa succede a coloro che fanno questo gioco? Tante sgradevoli sorprese che nell’arco del tempo peggioreranno.

Quando la matita si muove, chi la fa muovere è sempre un demone che sta prendendo per i “fondelli” rispondendo a delle stupide domande.

Poi, il demone, siccome è stato chiamato rimarrà nell’abitazione producendo una serie di disturbi tali da dover ricorrere all’esorcista. E qui c’è un altro problema: di esorcisti ve ne sono davvero pochi e questi pochi non hanno neanche molto tempo.

A questo punto occorre avvisare i ragazzi del pericolo che corrono. In modo tale da non dover dire un giorno: Non lo sapevo.

Padre Francois Dermine, che per tanti anni ha avuto il mandato di esorcista, racconta.

“Conosco una signora che dopo aver fatto spiritismo ha iniziato a sentire voci che le dicevano di uccidere, di uccidersi e tante altre cose negative che le facevano scoppiare la testa. Ha iniziato una serie di esorcismi ma non è stato facile liberarla, ci sono voluti anni di sofferenza e insonnia”.

Il demonio non scherza. Occorre riflettere sui tanti casi di raptus improvvisi; dove si uccide o ci si suicida, senza alcun apparente motivo. Il motivo, cari lettori, potrebbe essere proprio quello di aver scherzato troppo con il fuoco… dell’inferno.

Annalisa Colzi

 

Commenta con facebook
Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.