Annalisa Colzi
big mouth

Big Mouth elogia le bravate sessuali dei bambini

La nuova serie Netflix per adolescenti: Big Mouth

L’ultimo cartone animato di Netflix è pornografia minorile animata, secondo i critici.

Il 29 settembre, Netflix lancerà una nuova serie, “Big Mouth”, e il suo trailer promozionale ha portato ad accuse di sessualizzazione minorile e promozione di pornografia minorile.

Lo spettacolo animato si concentra su bambini preadolescenti e pubescenti, e sulla loro scoperta del mondo sessuale che li circonda.

Big Mouth” mostra masturbazione esplicita, pornografia e tanto altro.

Il contenuto è troppo esplicito ed offensivo per esser destinato a un pubblico famigliare.

I sostenitori pro-infanzia e pro-famiglia dicono che il cartone animato sessualizza i bambini ed è fonte di fantasticheria per i pedofili.

Un commentatore online, Swaggy Thunder, ha criticato Netflix dicendo: “questa è pornografia minorile. Non so perché alcune persone difendano questo programma”.

Swaggy Thunder ricapitola: “Big Mouth è come un’intera serie che elogia le bravate sessuali dei bambini…mostrando letteralmente bambini nudi”.

Si è poi rivolto a Netflix senza mezzi termini mostrando un’immagine estratta dal cartone raffigurante le parti intime dei bambini: “dovete portare un programma che normalizza la pedofilia?”.

Anthony Khoury della The Vigilant Community, ha accusato Netflix di avere un’intenzionale programmazione per sessualizzare i bambini.

Lentamente ma sicuramente, il nuovo contenuto viene spinto oltre i limiti, allontanandosi un po’ troppo, cancellando l’educazione morale bersagliando la sessualità del bambini”.

Khoury allora ha meditato sul perché Netflix vuole sessualizzare i bambini: “perché? Perché Hollywood e l’elite mondiale sono pieni di molestatori di bambini e vogliono normalizzare il loro squilibrio mentale”.

Jay Greenberg, del Neon Nettle, ha accusato Netflix di promuovere la pedofilia: “un nuovo cartone animato su Netflix sembra promuovere una programmazione con inquietanti venature che sessualizzano la relazione fra adulti e bambini. E’ come un cartone animato per la pedofilia”, ha scritto.

E’ così. Sai cosa? Tornerò in chiesa la domenica. Non posso vivere in questo modo. Come può essere accettabile una cosa di questo genere? Gesù aiutaci, pensaci Tu”, scrive una donna esasperata.

Non lo capisco. L’oscenità e la maleducazione, lo rendono inadeguato per un pubblico giovane, e il fatto che riguardi ragazzi che affrontano la pubertà lo rende inadeguato per un pubblico adulto. E’ strano”, scrive un altro commentatore.

Dall’altra parte, i Liberali, esprimono ammirazione per la serie.

Mat Whitehead, del The Huffington Post, lo ha definito “dannatamente spassoso”, tra gli altri superlativi.

Daniel Kurland, del Den Of Geek, ha dedicato un intero post sul blog per elogiare il programma, scrivendo: “è divertente e innocuo, e se foste dei bambini che lo guardano, potrebbe davvero aprirvi gli occhi in alcuni eccitanti modi”.

Greenberg ha fatto un passo indietro per ridimensionare il programma.

Per decenni, Hollywood ha spinto i confini di ciò che è accettabile sfidando costantemente tabù culturali per il gusto di “scandalizzare”. Poiché i programmi competono per diventare più scandalosi, alla fine oltrepassano la linea di quel che è accettabile e finiscono per normalizzare il peggio assoluto dell’umanità”, ha spiegato.

Il giornalista del Neon Nettle, ha citato il Presidente russo Vladimir Putin, che ha criticato i leader occidentali per aver distrutto la civiltà creando una cultura di “esorbitante, spropositato politically correct (politicamente corretto)”.

Greenberg conclude: “questo potrebbe essere un esempio di forze oscure al lavoro, il tentare di cooptare la mentalità della società quando si tratta di abuso di minori?”.

La serie include le voci di star come John Mulaney, ordan Peele, Nick Kroll, Maya Rudolph, Jenny Slate, Jessi Klein, Jason Mantzoukas, Fred Armisen, and Kristen Wiig.

L’intera serie di 10 episodi, sarà rilasciata venerdì su Netflix.

Netflix sta spendendo più di sei miliardi di dollari per la produzione di programmi nel 2017.

Trailer:

Questo articolo non è pro-pedofilia, ma di natura informativa per mettere in guardia le famiglie e i giovani.

Angela

Angela

Mi chiamo Angela e vivo a Mantova. Sono traduttrice, scrittrice e in certi ambiti artista. Dal 2011, sono testimone della presenza e dell’azione di Dio che, dall’inizio dei Tempi fino alla Fine di tutto, ha continuato, continua e continuerà a Convertire, Guarire, Liberare. Più il tempo passa e più mi rendo conto di essere figlia della Divina Provvidenza: se sono qui oggi, è solo grazie alla Sua costante presenza al mio fianco per accompagnarmi, sopra di me per proteggermi e davanti a me per guidarmi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli