Annalisa Colzi
jenus, fumetti, don alemanno

Non solo Jenus mi fa schifo ma mi fa pure pena

Cosa non si fa per accumulare danaro

intanto il mondo va sempre peggio

Sono tre la parole chiavi che ci portano a riflettere sull’argomento: Jenus, fumetti, don Alemanno. Tre parole per capire il livello basso di alcune persone. Questo articolo fu scritto in risposta ad un altro articolo. Desidero riproporlo con la speranza che ci aiuti a riflettere.

Ma quanti signorini e signorine si sono sentiti punti nel loro orgoglio di atei o satanisti, non so, non li conosco, ma certo che i commenti al vetriolo che sono stati postati sul blog sotto l’articolo “Don” Alemanno, ti dico quello che penso: che schifo!!  mi hanno fatto scompisciare dalle risate.

Quante inutili idiozie sono state scritte al riguardo dell’articolo suddetto. Mah! Persino bestemmie e ingiurie verso la mia persona. Sapete che vi dico: Chi se ne frega. Siete talmente inglobati nel mondo dei media che neppure vi rendete conto di quello che i media hanno prodotto nel vostro cervello. Don Alemanno, ovvero colui che ha fatto soldi grazie a tutti coloro che lo difendono, vi ringrazia.

jenus, fumetti, don alemanno

Comunque, visto e considerato, che parlate di libertà di espressione, salvo poi contraddirvi quando qualcuno dice la propria opinione su una cosa che vi sta a cuore, ho deciso di farvi sapere il mio pensiero al riguardo. A tutti coloro che mi hanno attribuito l’articolo contro Jenus, dico: Lo condivido in pieno e aggiungo che oltre a farmi schifo mi fa anche pena. Povero “don” costretto  a farsi chiamare come un sacerdote nonostante non lo sia e tutto questo solo per soldi, money, dinero.

jenus, fumetti, don alemanno

Provo pena per tutte quello persone che mi hanno scritto, le quali si sono presi la briga di difendere l’indifendibile perdendo tempo e facendomi perdere tempo.

Bene, a tutte queste persone vorrei dire:

1 – Non mi sono mai sognata di difendere la rivista blasfema “Charlie” perché la libertà di espressione si deve fermare quando questa libertà lede il Credo degli altri.

2 – Certamente non approvo gli attentati ma neanche coloro che della blasfemia ne fanno il loro lavoro per guadagnare deridendo la Fede altrui.

3 – Chi ha bestemmiato o irriso con stupidaggini varie nel mio blog (cancellati) sono il risultato di queste vignette.

4 – Esiste ancora il reato di blasfemia ma, sinceramente, non ce ne importa un tubo di far guerra a persone che la guerra se la fanno da sole  e, siatene certi, che da questa guerra non ne uscirete vittoriosi.

L’ARTICOLO 724 DEL CODICE PENALE

Comma primo, versione originale (1930):

«Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità o Simboli o le Persone venerate nella religione dello Stato è punito con l’ammenda da lire ventimila a seicentomila».

Comma primo, come modificato dalla Sentenza della Corte Costituzionale n. 440 (1995):

«Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con l’ammenda da lire ventimila a seicentomila».

Comma primo, come modificato dal Decreto Legislativo n. 507 (1999, versione vigente):

«Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa da lire centomila a seicentomila».

5 – Cosa accadrebbe se iniziassi a fare le stesse vignette di Jenus mettendo accanto la vostra madre? Vogliamo provare ad inserire la faccia di vostra madre nei vari fumetti? Qualcuno mi ha scritto che sua madre è reale e Dio no. E io rispondo: “Chi ti dice che tua madre è reale? Reale è una donna accanto a te in carne ed ossa ma che sia tua madre lo dovrei aver visto con i miei occhi in sala parto, quindi siccome non l’ho vista posso offenderla dicendo tutte le cattiverie che mi passano per la testa nei confronti di quella che tu ritieni tua madre. Giusto? Per il padre poi, ancora peggio. Come faccio a sapere che è tuo padre? Quindi posso offenderlo tanto per me è qualcosa di irreale. Se poi ti offendi è un problema tuo che non sai apprezzare la satira”.

jenus, fumetti, don alemanno

6 – Vedi come è facile offendere il prossimo? Quello che tu non hai visto non puoi pretendere che altri non l’abbiano visto, quindi occorre rispetto reciproco. Se Jenus non vuole sentirsi dire che fa schifo e pena, occorre che per primo porti rispetto.

E non scrivete stupidaggini tanto verrete cancellati. Non offendetevi ma ho altro da fare che mettermi a leggere castronerie varie.

Buona vita

 

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

40 commenti

Lascia un tuo commento

  • Cara Annalisa, chi legge e difende quelle porcherie non sono altro che quei maiali ai quali non è consigliato dare le perle.
    Facciamoli nutrire delle ghiande…
    Da discepoli non stanchiamoci mai di spargere la Santa Parola del nostro maestro, ma non dimentichiamo la sua esortazione: ” dove non sarete accolti togliete la polvere dai sandali e proseguite altrove”.
    A tutti i bestemmiatori…auguri…

  • GRANDE ANNALISA !!!!
    DIO TI BENEDICA SEMPRE !!!!!
    UN ABBRACCIO
    GIOVANNA

  • Mah…. Io prima della conversione, quando ero satanista, non mi sono mai permessa di andare a disturbare i cristiani nonostante odiassi Dio, bestemmiassi, e ce l’avessi a morte col cristianesimo. Ho sempre rispettato la libertà individuale e chi non la pensava come me anche perché sono dell’idea che se uno vuole rispetto dovrebbe darlo per primo.

    Coraggio Annalisa, stai facendo un ottimo lavoro! Avanti tutta!

  • Dal momento che i sostenitori di jenus per giustificare questi BESTEMMIATORI tirano in ballo il diritto di espressione, è giusto aver ricordato loro l’esistenza di un reato di bestemmia! E se questi individui, accecati dalla superficialità della loro vita, non capiscono dove sia il reato perchè pensano di offendere Chi per loro non esiste, è bene far loro presente che esistono PERSONE che si sentono offese perchè qualcuno deprezza quello in cui credono.
    Ci sono persone che hanno fede perchè hanno sofferto e hanno avuto risposte concrete…TRA LE QUALI IO…che si permettano ancora di postare i miei commenti e scherzarci sopra come bambinetti idioti, tutti presi a umiliare gli altri per far piacere (leccare) il loro idolo di superficialità che si serve di loro per guadagnare con fumetti di pessima qualità.
    Questi personaggi si fanno beffa delle persone che credono senza curarsi di ferire dei sentimenti profondi. Ci sono persone che sono arrivate alla fede dopo aver toccato il fondo, scoperto la sofferenza e la disperazione…e se hanno fede è perchè Qualcuno li ha aiutati e cambiati. Auguro a tutti questi superficialoni, che hanno fatto della loro vita solo un misero luna park di comicità di basso livello, giochini idioti e social network dove sfogare il loro vuoto e la loro frustrazione, che Dio non li faccia passare per la sofferenza per aprir loro gli occhi….ma che li faccia ragionare prima!

    P:S: a chi dice che i cristiani non sanno ridere….esistono cose molto più edificanti, di qualità create con intelligenza e umorismo vero, che vale la pena seguire…non ci interessano le vignette sdoganate con lo scopo di provocare e guadagnar facile, da un incompetente che non sa nemmeno disegnare.

  • T’è piaciuta la visibilità che ti abbiamo dato ieri eh?
    E ora vorresti il bis… INGORDA! 😉

    Sei una notizia vecchia, come è vecchio il tuo modo di fare, di pensare, di insultare e di avere fede..
    Cioè “fede”.. la tua non è fede, la tua è arroganza. Tu rappresenti l’arroganza becera della fede, non la fede.
    Detto questo, sono problemi tuoi.

    Ci vediamo dall’altra parte, non vedo l’ora di vedere la tua faccia quando il tuo Dio ti chiederà di render conto della tua arrogante superbia.
    Non vedo davvero l’ora di sentire cosa balbetterai per giustificare tutto il veleno che hai sputato in nome suo.

    Non ti preoccupare per me che se tutto va bene, siamo nella merda entrambi 😉

    Buona fortuna Annalisa,
    fai spazio in cantina per le travi 🙂

    Angius

  • Come fai a sapere che mia madre e mio padre sono realmente i miei genitori? Hai mai sentito parlare di esame del DNA per esempio? Scienza…questa sconosciuta.

  • Andrea, allora prova a farlo questo esame e facciamolo a tutti per essere sicuri

  • Caro Angius, prima di parlare di Dio sciaquati ripetutamente la bocca e seconda cosa: non erano i tuoi fan a gongolare per la pubblicità che, involontariamente, vi avrei fatto?

  • Angius è talmente convinto di essere nel giusto che pecca pure di presunzione. Pensa già che dall’altra parte sarà li a pregustarsi la dannazione degli altri…occhio che solo questo basta ad essere nel torto….. Questa è arroganza….

  • E, sempre per Angius, personalmente non mi sono fatta nessuno pubblicità visto che ai veri cristiani delle tue cavolate non interessa a nessuno mentre sono venuti in tuo soccorso schiere di angeli neri

  • Sig.ra Colzi, rispetto il Suo punto di vista, capisco che da credente Lei, come molti altri, possa sentirsi offesa dalla satira. Quello che non capisco però è perché spesso si pretende rispetto per la propria fede senza dare rispetto agli altri. Posso accettare le critiche che fate alla satira sulla religione, però smettete di chiamare “satanisti” gli atei/agnostici, smettete di discriminare chi non condivide il vostro credo.

  • Porella 😀 La libertà d’espressione NON finisce dove inizia il credo altrui, fatevene una ragione e tornatevene nel tugurio di tristezza e di fandonie nel quale vi piace crogiolarvi. Pace e bene

  • Ok, ho contato fino a 10, ma poi ho continuato fino a 100, per cui ora sono tranquillo e posso non offendere alcuna persona.

    Dunque:
    1. Lei dice che “la libertà di espressione si deve fermare quando questa libertà lede il Credo degli altri”, bene, chi stabilisce quale è un Credo? Nel momento in cui chiunque fa una battuta nei miei, nei Suoi o nei Loro confronti va a ledere il Credo degli altri. Stando alla Sua affermazione non si potrebbe più scherzare né fare alcuna satira senza offendere.
    2. “Certamente non approvo gli attentati ma neanche coloro che della blasfemia ne fanno il loro lavoro per guadagnare deridendo la Fede altrui.” Sicuramente la frase sarebbe stata più felice se Lei avesse scritto: “Ovviamente gli attentati sono qualcosa di assolutamente indegno per ogni essere umano, per cui non possono essere in alcun modo giustificati. Certo è che la Satira nei confronti di Dio (con la D maiuscola come preferisce lei…) non è comunque una cosa corretta.” Così dicendo senza dubbio avrebbe dato meno enfasi all’accostamento attentati-satira…
    3. “Chi ha bestemmiato o irriso con stupidaggini varie nel mio blog (cancellati) sono il risultato di queste vignette.” No, sono il risultato dell’inciviltà che la mancanza di Cultura di oggi ha reso ancora più visibile…
    4. Sì, esiste ancora il reato di Bestemmia, ma ricordiamoci anche che l’articolo 121 del T.U.P.S. del 18 giugno 1931, terzo comma, vieta il mestiere di ciarlatano. A Milano c’è una Legge che dice che se gli abiti non sono in ordine, si rischiano 40 euro di multa…
    5. Se Lei toccasse mia madre come dice il Suo Papa, sarei autorizzato a tirarLe un pugno in faccia? Se Lei si ricorda Papa Francesco disse queste parole… Il paragone per cui non regge per niente, mi dispiace per Lei…
    6. Offendere il prossimo è molto facile eccome. A me può dare fastidio sentirLe recitare il rosario, ma per rispetto nei Suoi confronti starei zitto. Se invece io Le dicessi che non credo in Dio (sempre con la D maiuscola così è più serena…) Lei sicuramente avrebbe da ridire. La libertà negata la si vede solo quando va contro i propri interessi, mai quando si è noi ad impedire la libertà altrui.

    Non ho usato termini volgari, non ho offeso e non ho bestemmiato. Non ho fatto niente di male se non esprimere un mio parere. Le auguro una buona giornata con le tante cose da fare che Lei ha…

  • Johnny, forse dovevi contare fino a 10.000 ne poteva venire fuori qualcosa

  • Dimenticavo, sempre per Johnny. Mi dispiace deluderti ma se tu non credi in Dio a me non me ne frega niente. Anche io non credo in tua madre ma non la offendo. Non capisco perché dici che avrei da ridire se non credi in Dio. Sono senza parole. Ripeto: Non me ne interessa niente. mi spiace per te ma ognuno è libero. Quando io recito il Rosario non ho te davanti e per rispetto in coloro che non credono, quando sono fuori, me lo dico interiormente. Quindi, non capisco davvero cosa vuoi dirmi.

  • Perché continua a nominare mia madre?
    Perché deve criticare il mio pensiero diverso dal Suo?
    Non Le ho dato il permesso di darmi del “Tu”, quindi La pregherei di rimanere distaccata…
    Ripeto, non ho offeso alcuna persona e Lei reagisci così? Bene, La ringrazio, mi ha fatto capire che ho ragione, come sempre il fanatismo è il Male di questo mondo!

  • Johnny. E tu perché continui a nominare la religione? Tu hai offeso il mio Dio ma, come volevasi dimostrare, non sopporti che venga criticata tua madre o il tuo pensiero. Se non ti va bene il “tu” libero di non scrivere più sulla mia bacheca

  • Rammento che il dissentire non è sinonimo di fanatismo mentre il pretendere che la si pensi nello stesso modo sì.

  • Quand’è che io avrei offeso il Suo Dio? Io non sopporto che venga criticata gente che non è inerente all’argomento, è Lei che va fuori tema parlando di mia madre. Parlo della religione in quanto argomento inerente al Suo post. Detto questo La ringrazio per aver allietato la mia giornata con le Sue argomentazioni.

  • Da agnostico convinto (se un agnostico possa mai definirsi convinto), e da persona che ride con piacere alle battute di Jenus ti dico… che il tuo discorso non fa una piega. Hai perfettamente ragione. Per mia natura personale non provo dolore o rabbia nel momento in cui qualcuno offende qualcosa in cui credo.. ma io sono cosi’ e non possono pensare che lo siano anche gli altri: se vado a infastidire un cane, non posso arrabbiarmi se poi il cane mi morde, magari dicendo che il cane ha esagerato mordendomi quando poteva ringhiarmi e basta, ma lo lascio stare; se non lo faccio ne accetto le conseguenze prendendomi la responsabilità per la mia scelta…E’ la vita. Se per i mussulmani il loro dio è cosi’ importante, o per un mio amico la propria madre, io ne prendo atto e mi comporto di conseguenza, senza offenderli… Perchè a prescindere dall’importanza che quei simboli (reali o non) abbiamo per me, semplicemente non trovo piacere nel creare dispiacere agli altri. Quindi continuerò a leggere Jenus (che spesso apprezzo per il tipo di umorismo), ma allo stesso tempo capisco e condivido il tuo punto di vista, sapendo con quanta forza e fede alcune persone credono e quanto avvilimento e rabbia possano provare nel leggere quelle vignette.

  • Grande Annalisa e grazie per quello che fai.
    E’ proprio vero che siamo in un periodo di falsi ed eretici profeti! Ma è anche vero che tante persone li combattono e sono certo della loro sconfitta.

  • Allora mettiamola cosi..
    Quello che manca oggi è l’idea si business. Ossia qualcosa che permetta di vendere. Che risponda ad un bisogno o meglio ancora ne crei uno. Il buon Alemanno ha fatto uno più uno e come dire ci sta provando.. Utilizzando l’eco di quanto successo alla tanto blasonata neoilluminista Francia con ‘charlie’ e abbinato alla ormai risaputa buonagine dei cristiani, ha dato libero sfogo a questa salza unta e bisunta di una pseudo satira da giornaletto da bagno di autogril.. Il buon Alemanno non ha capito invece che cosi facendo e cosi esagerando..si è messo bel oltre la barricata della controparte cristiana, facendo un vero e proprio servizio per l’evangelizzazione, affinché tutti possano rendersi spettatori di quanto possa essere capace l’uomo che rifiuta Dio. Se la sua fosse una sorta di ‘missione’ anticristiana lo faccia gratuitamente come tanti cristiani sgozzati che nel silenzio annunciano Ctisto! O meglio ancora se gli sta tanto sulle scatole ‘Dio’ perché non si esprime anche nei confronti dei musulmani!

  • Vorrei dire la mia su quanto affermi, sempre che non ti senta lesa da un commento pacato e civile.

    Cito dal tuo articolo:

    “E io rispondo: “Chi ti dice che tua madre è reale? Reale è una donna accanto a te in carne ed ossa ma che sia tua madre lo dovrei aver visto con i miei occhi in sala parto, quindi siccome non l’ho vista posso offenderla dicendo tutte le cattiverie che mi passano per la testa nei confronti di quella che tu ritieni tua madre. Giusto? Per il padre poi, ancora peggio. Come faccio a sapere che è tuo padre? Quindi posso offenderlo tanto per me è qualcosa di irreale. Se poi ti offendi è un problema tuo che non sai apprezzare la satira”.”

    Ora, non mi va di scadere nel banale e nell’insulso, non sono una fan di Don Alemanno (che vi piaccia o no è il suo nome d’arte), ma è ridicolo porre sullo stesso piano la Fede e i genitori biologici (oppure no) di una persona.
    Ho la certezza che mia madre sia reale in quanto è una manifestazione fisica presente davanti a me. Il fatto poi che magari non sia la mia vera madre, che potrei esser stato adottato, o quel che meglio credi non prescinde dal fatto che si tratti di una persona realmente presente, e io sono liberissimo di definire mia madre anche una persona che, dal punto di vista biologico, non ha nulla a che vedere con me, ma che mi ha fornito tutto ciò di cui necessitavo per diventare una persona completa.

    Ora, è chiaro come al mondo ci siano tante persone quante opinioni, ma per definizione la satira si accanisce contro dogmi e tutto ciò che viene definito politically correct.
    Il non riuscire ad accettarla in quanto tale dimostra un’assenza di apertura mentale allucinante; bisogna essere disposti ad accettare che alcune persone credono e altre no, così come alcune, pur credendo, riescono a mettere da parte la Fede e farsi una risata o due senza malignità.

    Se le vignette in questione avessero attaccato l’Induismo, il Buddhismo o lo Shintoismo avresti reagito allo stesso modo? Avresti predicato rispetto, o avresti riso con gli altri?
    Infine, ti chiedo una sola delucidazione: in che modo, di grazia, i media avrebbero influenzato la percezione di chi trova Jenus divertente? Grazie a quali diavolerie?
    E fa’ attenzione, perché so di cosa parlo quando metto in campo i media.
    Una persona lucida sa distinguere benissimo la spazzatura che i media rifilano dai contenuti di qualità; ragion per cui, infatti, sempre più giovani abbandonano la TV per dedicarsi a offerte più ampie e meno manovrate.

    Evitiamo ipocrisie, molte delle vignette di Don Alemanno sono brillanti. Una cosa che tollero poco è l’esistenza di persone che, come molti fedeli e praticanti, predicano il rispetto e a fatti insultano.

  • @Johnny

    Visto che apprezzo sinceramente il tuo senso logico ti commento punto per punto:

    1)hai perfettamente ragione, la morale varia da persona a persona cosi’ come il credo, ognuno da il valore che crede a ogni concetto e oggetto di questo mondo e pretende che gli altri la vedano come lui, quindi si, il tuo ragionamento è perfetto, si rischia sempre di offendere qualcuno o qualcosa.

    2)Come da punto 1 non credo in una morale comune e universale (che non sia culturale e in ogni caso relativa a un momento storico), ma solo in una di tipo personale, e quindi ritengo che anche se la nostra cultura (occidentale) ritenga l’uccidere il taboo estremo, per altre culture (come anche in natura) uccidere non è così raro ed estremo, ed è magari più grave offendere (cultura mussulmana e magari anche la “siciliana”, senza dover tornare indietro nel tempo ) , non voglio quindi esprimermi su quale sia giusta e quale la sbagliata visto che apparentemente ognuno ha la sua e ha tutto il diritto di perseguirla (accettandone le conseguenze dal mondo naturalmente).
    4)
    hai di nuovo perfettamente ragione, la legge di per se non può soddisfare tutti e ha i suoi evidenti limiti (se non assurdità) in molte situazioni… se stiamo cercando di argomentare in base alla ragionevolezza delle nostre parole forse dovremo evitare di tirare in ballo le leggi.
    5)
    A me personalmente è piaciuto il discorso del Papa (sono agnostico solo per specificare).Mi è sembrato volesse dire in parole povere: sai che c’è gente per cui quella cosa è importante, se tocchi un nervo scoperto poi non ti arrabbiare se la reazione arriva, e magari arriva più potente di quello che ti aspetti. Fa parte del prendersi la responsabilità delle proprie azioni. Non viviamo in un mondo perfetto, e sicuramente è palese che viviamo in un mondo dove in molti la pensiamo diversamente: quindi “tolleranza e rispetto” è la regola per poter vivere un po’ più tranquilli (si ritorna al punto 1 lo so)
    6) E’ molto facile davvero offendere una persona e sicuramente quasi tutti i movimenti estremisti (tra cui alcuni gruppi di cattolici ma non tutti) hanno in comune il fatto di essere particolarmente suscettibili e allo stesso tempo poco tolleranti con le opinioni altrui, ma in generale mi sembra che il cattolico medio non sia per niente offeso dalla mancanza di fede di un ateo (parlo per esperienza personale ovviamente).

  • Siamo proprio alla frutta!
    Ma quanti anni ha questo idiota?
    No jenus (minuscolo), non fai schifo e non fai neppure pena….
    Sei semplicemente indegno di qualsiasi considerazione e commento.
    La vera tragedia è che esiste gente che ti prende in considerazione!!!

  • @Valerio. Complimenti per la risposta intelligente. Grazie di vero cuore. Finalmente qualcuno che ha compreso cosa vuol dire la parola “rispetto”. Grazie.

  • Grazie Annalisa per tutto quello che dici, ti STIMO. Condivido….POVERI!!!!!

  • Val: appoggio pienamente il tuo discorso!

    Valerio: appoggio perfettamente il modo in cui ti poni, hai compreso perfettamente il significato delle mie parole e civilmente hai detto la tua. Abbiamo opinioni diverse, ma questo non vuol dire che non ci si debba rispettare, a differenza di quello che fa qualcun’altra…

  • Se posso dare un parere sul fumetto jenus, oltre ad essere blasfemo e di un’ironia pessima con battute di scarso livello, è pure disegnato male. Don alemanno trovati un lavoro….vai a lavorare!

  • Il reato di ‘vilipendio alla religione’ esiste ancora eccome : solo che è stato modificato di recente, ovvero, diversamente dal passato, si innesca il meccanismo giuridico su ‘querela’ ; la multa parte dai 1000 euro sino a 5.000 euro. Nei casi più gravi c’è l’arresto e la detenzione fino a 2 anni. Che dire…..quanto costa attivare/procedere con una querela ? Ci sono avvocati che ……. Anche un giudice che si è laureato in Giurisprudenza con 66/110, lo vede che le vignette di cui sopra sono blasfeme.
    Purtroppo , cara Annalisa, ci sono persone che capiscono solo quando mettono mano al portafoglio ! Potrebbero cavillare sul ‘jenus di nazareth’, ma , insomma, la vedo amara a difendere tanta sfacciataggine ed esplicitezza : se vuoi, io il mio (piccolo) contributo in denaro lo metto da subito. Coraggio !

  • Signora Colzi mi permetta,lei ha perfettamente ragione su tutto quello che ha scritto,ma non cada in provocazioni….

  • Mi sono guardato e riguardato le foto di don Alemanno in questo post. Nella prima vestito da sacerdote con il dito medio in bella evidenza nel famoso gesto da tutti conosciuto lo vedo serio , arcigno , fronte corrugata non di certo un viso da cui traspare gioia o amore o altri sentimenti. nella seconda più o meno siamo li ; viso un po più duro, calice in mano per parodiare l’offerta del sangue di Cristo , maglietta ironica con le parole che tutti possono leggere. Gesto blasfemo per cui noi discepoli di Cristo ci offendiamo , ma l’ultima parola spetta a Lui. Mi viene da dire Per te caro don Alemanno posso solo pregare; non mi è chiesto di fare altro. Solo lo spirito Santo può intervenire nella tua vita ed io da Cristiano ho il dovere di pregare per te. Cari saluti a tutti sempre in Cristo e Maria

  • Dal vangelo secondo Johnny. ..in principio era il caos…alla fine credo in un solo Jenus. … mi sa che di agnostico…maria regina dell’estate…siamo a Filippi
    Sempre LIRReverendo

  • Un conto è fare satira intelligente, un conto fare vignette cretine e offensive al solo scopo di offendere la sensibilità altrui.
    Sbagliatissimi (sotto ogni profilo) fare come gli integralisti che vanno ad ammazzare la gente come però ritengo sbagliata la rassegnata sopportazione di noi cattolici che dovremmo iniziare a denunciare chi offende i nostri valori.
    Ed è perfettamente inutile che ci diciate che per spirito cristiano si deve perdonare e sopportare quando viene offesa la nostra fede. Io devo stare zitta quando vengono dette delle emerite ca…….te su quello in cui credo e che ha aiutato la mia vita a prendere un verso?
    Cornuto e bastonato? Eh no mi dispiace, non ci farete rimanere in silenzio; se aveste letto la Bibbia sapreste che anche Cristo ha ammonito quelli che profanavano il tempio. Dunque smettiamola con questi commenti perchè non siamo cretini.

    Poi. Visto che vedo che Annalisa Colzi è stata accusata di far soldi vendendo i libri che scrive, almeno ciò che scrive aiuta le persone a crescere spiritualmente; ovviamente non è l’unica che fa questo tipo di lavoro, e ritengo siano da apprezzare anche scrittori e scrittrici non cristiani.
    Non credo che fumetti di questo tipo possano portare un altro contributo alla società. Perché le sane risate si fanno con comicità di tutt’altro tipo.
    Certo, a giudicare dal livello di certi commenti si capisce il livello di crescita intellettuale e psicologica di chi legge o anche difende la satira di questo basso livello.
    Ma se siete convinti del contrario, vi invito ad esplicitare il contributo che questi fumetti che denigrano la fede di milioni di persone portano alla società.
    Intanto fumetti di questo tipo hanno portato una strage a Parigi ovviamente operata da dei pazzi………………..ma c’è stata.
    Allora che facciamo? Prendiamocela con quei tontoloni dei cristiani che tanto non reagiscono.
    Ti piace vincere facile eh? Ponzi ponzi popopon………………..

    Poi come sempre, i soliti luoghi comuni sulla chiesa che prende i soldi (magari tralasciando che parte di soldi destinata alle missioni per i paesi poveri), che i preti sono pedofili (ovviamente per voi sono tutti pedofili, non esistono preti che danno la vita in missione ad esempio)………………e quindi? se ALCUNI preti sono pedofili? Cosa c’entra con le vignette?
    Noi cristiani siamo tutti pedofili? Beh ragazzi scrivere cose di questo tipo sono da denuncia eh……………
    Per quanto mi riguarda la pedofilia è cosa da condannare sia che uno sia prete sia che sia ateo, laico, uomo o donna)

    Ma voi – tanto per capire – cosa fate per aiutare il prossimo?

  • Ci sono testimoni della mia nascita (medici, infermiere, parenti, un filmino inquietante) e ci sono i test del DNA per ricollegare il mio corredo genetico ai miei genitori. Di un Dio antropomorfo che ha creato l’umanità dal nulla, non ci sono prove (anzi, fossili di dinosauri e di ominidi hanno provato l’esatto contrario), né testimoni attendibili, a meno che non vogliamo dare per vero che chi sente le voci, senta davvero la voce di Dio, perché, se così fosse, allora anche molti serial killer schizofrenici che sostengono di aver obbedito ad ordini divini, dovrebbero essere presi sul serio al pari dei profeti. L’argomento me la prendo con la vostra mamma perché voi ve la prendete con Dio era già abbastanza infantile e patetico nella sua impostazione, cercare di dargli una spiegazione razionale, ha superato l’apoteosi dell’idiozia.

  • Volevo solo aggiungere,ai cosiddetti che devono venire a creare caos e bestemmiare,non venissero in questo blog. Se sono atei come dicono non dovrebbero bestemmiare o criticare coloro che credono.Anche perché fanno la figura degli idioti perché vanno contro se stessi.Se sei ateo non te ne dovrebbe fregare na cippa Delle religioni,non dovrei essere MINIMAMENTE interessato od indignato,semmai completamente indifferente.Queste persone che si adorano contro chi crede sono individui che non sanno come sfogare le frustrazioni dla vita,e se la prendono col primo che capita come fanno i bulli adolescenti.Ragazzi ,sveglia ,non siete più a scuola..E si c’è gente che ,come dite voi, crede alle favole. Bhe, fatevene na ragione.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
/* ]]> */