Annalisa Colzi
chiesa domestica

Noi, storia di una Chiesa domestica

Festival dei giovani, Medjugorje

Perché un libro?

Noi, Storia di una Chiesa Domestica, è un racconto di vita, una teologia narrativa, come lo ha definito il carissimo Don Carlo Rocchetta nel donarci la sua splendida prefazione.

Non sono una scrittrice di professione, tantomeno mio marito Giorgio, ma quando il teologo Robert Cheaib, che sovente partecipa con noi in Diocesi a tenere i suoi meravigliosi convegni sulla coppia, chiese a me di raccontare la missione di accompagnamento e accoglienza delle persone( di cui ci prendiamo cura in due modi diversi ma complementari) e di realizzare un piccolo libro, non avrei mai potuto comporlo da sola ma necessariamente in coppia!

Normalmente scrivo articoli in cui parlo di matrimonio, ma qui si tratta di ben altro.

Siamo un NOI e dobbiamo raccontarci.

Così abbiamo realizzato questa opera a due voci, scrivendo insieme, in modo armonico e senza soluzione di continuità tra una voce e l’altra.

Non è semplicemente scrivere a quattro mani ma parlare in due, che va oltre, perché ha a che fare con i linguaggi e con la profondità del cuore nell’unità dello Spirito.

OGGI siamo la «coppia più bella del mondo», citando la famosa canzone, IERI eravamo belli ma non sapevamo di essere anche “poveri”, cioè così fragili, come ogni essere umano, da non comprendere il significato del matrimonio è cioè: due povertà che si donano.

Ecco perché raccontiamo il passaggio dalla morte alla vita perché, nella coppia, occorre puntare al massimo della bellezza per cui sei chiamato.

Ed ecco perché abbiamo presentato il volume dicendo:

«Costruire il NOI è come edificare una casa ed è un grandissimo investimento.

Ogni mattone è necessario perché si unisce a tutti gli altri.

In questa storia di vita, raccontata a due voci nel libro, abbiamo dovuto abbattere i muri e riaccendere i lampadari ma, riedificando le fondamenta, oltre alla casa, anche il giardino è fiorito e tutto risplende sotto un bellissimo SOLE»!

Noi abbiamo sempre sperato e desideriamo accendere speranza in chi ha perso la pazienza. La pazienza di attendere un oggi pieno di gioia.

Cristina e Giorgio

noi storia di una chiesa domestica

Un libro quindi tutto da scoprire, soprattutto oggi dove la famiglia ha un grande bisogno di diventare NOI poichè il mondo con i suoi inganni tende a separare facendone di essa un IO – TU- LORO.

Costruire il noi è come edificare una casa ed è un grandissimo investimento. Ogni mattone è necessario perché si unisce a tutti gli altri. In questa storia di vita, raccontata a due voci, si è dovuto ristrutturare la casa dalle fondamenta; si sono dovuti abbattere i muri e riaccendere i lampadari. Anche il giardino è rifiorito e tutto ora risplende sotto un bellissimo “Sole”. Una storia di conversione di coppia raccontata a due voci. Una testimonianza di rinascita come figli di Dio e come sposi.

noi storia di una chiesa domestica

Commenta con facebook
Condividi:

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

libro sul mostro di firenze

Aggiungi commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.831 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

TRATTO DA EVENTI REALMENTE ACCADUTI

FILM IL RITO IN BLU RAY

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.831 altri iscritti

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp