Annalisa Colzi
Luigi Colle

Luigi Colle apparve e parlò del Paradiso

Questa è la storia di Luigi Colle, un giovane ammalato morto in stato di grazia. Quanto segue è reale e comprovato dall’autorità di un grande luminare della Chiesa; San Giovanni Bosco.

Nel 1881 il Conte Colle, di Tolone, pregò Don Bosco che andasse a benedire il figlio diciassettenne, Luigi Colle, gravemente infermo. Il Santo andò dall’ammalato e restò ammirato dell’ingenuità e del candore del giovane; sembrava un altro San Luigi Gonzaga. Dopo circa un mese, il Colle ricevette gli ultimi Sacramenti ed il 3 aprile moriva. Prima di spirare, Luigi Colle disse ai genitori: Vado in Paradiso; me l’ha detto Don Bosco! 

Don Bosco scrisse anche un opuscolo su Luigi Colle, presentandolo quale modello alla gioventù.

Dio permise che Luigi apparisse una ventina di volte a Don Bosco, facendogli conoscere la felicità che egli godeva in Paradiso. Don Bosco registrò tutto affinchè fosse testimonianza reale quanto accaduto e tutt’oggi è pubblicato presso i salesiani. Qui riporto i tratti salienti di qualche apparizione, descritta direttamente da Don Bosco:

Mi apparve Luigi Colle in un mare di luce, bellissimo nell’aspetto, con vesti bianco-rosate e sul petto ricami d’oro, con una collana a vari colori, bianco, nero e rosso; ma con questi tre ve n’erano infi­niti altri, da non potersi descrivere. Gli domandai:

Perché vieni, caro Luigi?

Non è necessario che io venga; non ho bisogno di camminare.

Sei felice?

– Godo perfetta felicità.

Non ti manca proprio nulla?

Soltanto la compagnia del babbo e della mamma.

Perché non ti fai loro vedere?

– Ci vuole il permesso di Dio. Se io parlassi a loro, le mie parole, non otterrebbero stesso effetto. Bi­sogna che queste passino per lei.

Cosa devo dire ai tuoi genitori?

– Che si facciano precedere dalla luce e si procaccino amici nel Cielo.

Dice Don Bosco: Il volto di Luigi era radioso e di una luminosità che cresceva sino ad abbagliare la vista; i suoi linea­menti erano gli stessi di quando era in vita.

Dimmi, Luigi: Tu sei morto o vivo?

– Sono vivo.

Eppure sei morto!

– Il mio corpo è sepolto; ma io vivo.

Non è il tuo corpo quello che io vedo?

– Non è il mio corpo.

È il tuo spirito?

Non è il mio spirito. 

È la tua anima?

– No!

Cosa è dunque ciò che io vedo?

– È la mia ombra.

Ma un’ombra come può parlare?

– Per permissione di Dio.

E l’anima tua dov’è?

– È presso Dio, sta in Dio e lei non può vederla.

E tu in che modo vedi noi?

– In Dio si vedono tutte le cose; il passato, il presente e il futuro, e si ve­dono come in uno specchio.

Che cosa fai in Cielo?

– Dico: “Gloria a Dio!” A Dio si rèn­dono grazie! Grazie a Colui che ci ha creati, a Colui dal quale tutto ha princi­pio! Grazie! Lodi! Alleluia! …

Dimmi ancora: Come va che tu sei in Paradiso ed anche qui?

– Più presto della luce e con la rapi­dità del pensiero io vengo qui, nella casa dei miei genitori e altrove.

Dimmi qualche cosa utile ai gio­vani!

– Bisogna che i giovani prendano Gesù Eucaristia con frequenza. Devi ammetterli presto alla Santa Comunione. Dio vuole che si nutrano della Santa Eucaristia.

Ma come si fa a comunicarli, quan­do sono ancora troppo piccoli?

– Dai quattro ai cinque anni si mostri loro la Santa Ostia e preghino Gesù guar­dandola. I fanciulli devono essere ben com­presi di tre cose: amore di Dio, Comunione frequente e amore al Sacro Cuore di Gesù.

Prima di lasciarmi, dammi un’altra spiegazione! I tuoi genitori ed io pregam­mo perché tu non morissi. Perché non fu esaudita la nostra preghiera?

– Fu meglio che io non guarissi.

Come mai? Avresti fatto opere buone, avresti dato molte consolazioni ai genitori, ti saresti occupato maggiormente a far glorificare Dio.

– Ne è lei ben sicuro? Pronunziò lei stesso la sentenza, amara per me, amara per i miei genitori, ma tuttavia fu per il mio bene. Quando lei domandava la mia guarigione, la Santa Vergine diceva a Gesù: Luigi adesso è mio figlio; lo voglio prendere ora che è mio!

Quando ci dovremo preparare noi per venire in Paradiso?

– In seguito le darò la spiegazione che desidera… 

L’apparizione cessò.

Quando Don Bosco fece la narrazione di tutto ai Conti Colle, osservò:

È indicibile la bellezza degli ornamenti che rivestiva­no la persona di Luigi. La sola corona che gli cingeva la fronte, avrebbe richiesto non giorni o mesi, ma anni per esaminarla par­ticolarmente, divenendo sempre più bril­lante e dilatandosi a misura che la si con­templava

La Contessa Colle prese appunti sulla narrazione avuta ed aggiunse:

Don Bosco era commosso quando parlava ed i suoi occhi si bagnavano di lacrime. 

Luigi Colle è un caso quasi raro oggi, perchè purtroppo per la maggior parte i giovani sono lontani da Dio e vivono nel buio, ignorando Dio, vivendo come se un giorno dopo la vita, tutto finirà. Cari amici, cari giovani, il Paradiso esiste e dobbiamo vivere questa vita conquistandolo ogni giorno di più.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 881 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 881 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp