Annalisa Colzi

Le lampade e la Luce

Don Camillo e le cento lampade

luce della Rivelazione

tratto dal libro  Guareschi Don Camillo e il suo gregge

Gesù dice a don Camillo: “Cosa intendi tu per idea?”

“Idea, per me, povero prete di campagna, è una lampada che si accende nella notte profonda dell’ignoranza umana e mette in luce un nuovo aspetto della grandezza del Creatore”.

Il Cristo sorrise.

“Con le tue lampade non sei lontano dal vero,  povero prete di campagna. Cento uomini erano chiusi in un’immensa stanza buia e ognuno d’essi aveva una lampada spenta. Uno accese la sua lampada ed ecco che gli uomini poterono guardarsi in viso e conoscersi. Un altro accese la sua lampada e scoprirono un oggetto vicino, e mano a mano che si accendevano altre lampade, nuove cose venivano in luce sempre più lontane, e alla fine tutti ebbero la loro lampada accesa e conobbero ogni cosa che era nell’immensa stanza, e ogni cosa era bella e buona e meravigliosa.

Intendimi, don Camillo; cento erano le lampade, ma non erano cento idee. L’idea era una sola: la luce delle cento lampade, perché soltanto accendendo tutte le cento lampade si potevano vedere tutte le cose della grande stanza e scoprirne i dettagli. E ogni fiammella non era che la centesima parte di una sola luce, la centesima parte di una sola idea. L’idea dell’esistenza e dell’eterna grandezza del Creatore. Come se un uomo avesse spezzato in cento pezzi una statuetta e ne avesse affidato un pezzo a ciascuno dei cento uomini.

Non erano cento immagini di una statua, ma le cento frazioni di unica statua. E i cento uomini si cercarono, tentarono di far combaciare i cento frammenti, e nacquero mille e mille statue deformi prima che ogni pezzo riuscisse a combaciare perfettamente con gli altri pezzi. Ma alla fine la statua era ricomposta.

Intendimi, don Camillo: ogni uomo accese la sua lampada, e la luce delle cento lampade era la Verità, la Rivelazione. Ciò doveva appagarli. Ma ognuno invece credette che il merito delle belle cose che egli vedeva non fosse del Creatore di esse, ma della sua lampada che poteva far sorgere dalle tenebre del niente le belle cose. E chi si fermò per adorare la lampada, chi andò da una parte e chi dall’altra, e la gran luce si immiserì in cento minime fiammelle ognuna delle quali poteva illuminare soltanto un particolare della Verità.

Intendimi, don Camillo: è necessario che le cento lampade si riuniscano ancora per ritrovare la luce della Verità. Gli uomini oggi vagano sfiduciati, ognuno al fioco lume della propria lampada; E tutto sembra loro buio intorno e triste e malinconico. Non potendo illuminare l’insieme, si aggrappano al minuto particolare cavato fuori dall’ombra dal loro pallido lume.

Non esistono le idee: esiste una sola idea, una sola Verità che è l’insieme di mille e mille parti. Ma essi non la possono vedere più. Le idee non sono finite perché una sola idea esiste ed è eterna; ma bisogna che ognuno torni indietro e si ritrovi con gli altri al centro della immensa sala”.

Don Camillo allargò le braccia: “Gesù, indietro non si torna…” sospirò.

“Questi disgraziati usano l’olio delle loro lucerne per ungere i loro mitra o le loro sporche macchine”.

Il Cristo sorrise: “Nel Regno dei Cieli l’olio scorre a fiumi, don Camillo”.

 

 

 

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

7 commenti

Rispondi

  • Bellissimo! Tutti siamo piccole fiammelle di una unica Luce. Sta a noi accenderci senza crederci Luce, perché la Luce è una sola. Il nostro compito è quello di accenderci, tutti, affinché il mondo veda. Se sta prevalendo il Buio lo dobbiamo proprio a noi cristiani “spenti”

  • Bellissimo… Tocca il cuore..
    sono bellissimi i dialoghi tra Don Camillo e Gesù..
    Grazie Annalisa per i tuoi articoli…

  • e’ un chiaro invito che GESU’ fa a tutti noi a imboccare in modo deciso e fermo la strada della cooperazione xche’ mi piace citare questa metafora _SIAMO ANGELI CON UNA SOLA ALA POSSIAMO VOLARE SOLO RESTANDO ABBRACCIATI _ e se ci guardiamo attorno mi sembra di poter affermare che ognuno di noi puo’ fare qualcosa in piu’ in questa direzione indicataci

  • grazie a te Annalisa, che ci fai conoscere tutte queste storie , che comunque ,non ci possono che far bene,dopo giornate pesanti, dove si sente soltanto parlare di violenze terribili, fermarsi a riflettere su queste 100 lampade , e rilassante , e viene spontaneo.dire grazie SIGNORE che dai queste persone , che con grande disponibilita,’ di tempo di sapienza,e d’ amore x il prossimo. ti auguro una santa notte ANNA

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: