Annalisa Colzi

La famosa profezia sulla Chiesa di Joseph Ratzinger

La Chiesa di Joseph Ratzinger

apparirà come la casa dell’uomo

Veramente stupenda questa profezia sulla Chiesa di Joseph Ratzinger. Non nega che la Chiesa attraverserà tempi difficili, ma dona la certezza che, da queste prove, nascerà una Chiesa ancora più forte e fedele a Dio.

così parlò Joseph Ratzinger nel 1969

“Dalla crisi odierna emergerà una Chiesa che avrà perso molto. Diventerà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi.

Non sarà più in grado di abitare molti degli edifici che aveva costruito nella prosperità. Poichè il numero dei suoi fedeli diminuirà, perderà anche gra parte dei privilegi sociali…

la Chiesa troverà di nuovo la fede nel Dio Uno e Trino

Ma nonostante tutti questi cambiamenti che si possono presumere, la Chiesa troverà di nuovo e con tutta l’energia ciò che le è essenziale, ciò che è sempre stato il suo centro: la fede nel Dio Uno e Trino, in Gesù Cristo, il Figlio di Dio fattosi uomo, nell’assistenza dello Spirito, che durerà fino alla fine.

Ripartirà da piccoli gruppi, da movimenti e da una minoranza che rimetterà la fede e la preghiera al centro dell’esperienza e sperimenterà di nuovo i sacramenti come servizio divino e non come un problema di struttura liturgica.

uscirà dalla Chiesa una grande forza

Sarà una Chiesa più spirituale, che non si arrogherà un mandato politico flirtando ora con la sinistra e ora con la destra. Essa farà questo con fatica. Il processo infatti della cristallizzazione e della chiarificazione la renderà povera, la farà diventare una Chiesa dei piccoli, il processo sarà lungo e faticoso…

Ma dopo la prova di queste divisioni uscirà da una Chiesa interiorizzata e semplificata una grande forza.

si stanno preparando per la Chiesa tempi molto difficili

Gli uomini che vivranno in un mondo totalmente programmato vivranno una solitudine indicibile.

Se avranno perduto completamente il senso di Dio, sentiranno tutto l’orrore della loro povertà. Ed essi scopriranno allora la piccola comunità dei credenti come qualcosa di totalmente nuovo: lo scopriranno come una speranza per se stessi, la risposta che avevano sempre cercato in segreto…

A me sembra certo che si stanno preparando per la Chiesa tempi molto difficili. La sua vera crisi è appena incominciata. Si deve fare i conti con grandi sommovimenti.

la Chiesa conoscerà una nuova fioritura

Ma io sono anche certissimo di ciò che rimarrà alla fine: non la Chiesa del culto politico… ma la Chiesa della fede. Certo essa non sarà più la forza sociale dominante nella misura in cui lo era fino a poco tempo fa. Ma la Chiesa conoscerà una nuova fioritura e apparirà come la casa dell’uomo, dove trovare vita e speranza oltre la morte”.

http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/papa-el-papa-pope-benedetto-xvi-benedict-xvi-benedicto-xvi-22434/

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

18 commenti

Rispondi

  • Sono certo che la Profezia del Papa Emerito è precisissima. Si parla anche nella Sacra Scrittura di un Piccolo Resto che darà vita alla nuova Chiesa che basa tutto sulla Fede in Gesù Cristo e sarà una Chiesa che si è liberata dell’aspetto politico che come vediamo bene ogni giorno non rispetta più in alcun modo, a sinistra come a destra, con lievi sfumature, i Valori Cristiani immodificabili, Valori che più che essere proclamati vanno vissuti nella quotidianità. Ora, in questo tempo si prepara attraverso Maria quella Chiesa, che sarà perseguitata prima di diventare lievito della nuova società. Quando cominceranno le grandi prove si scremerà il Popolo entusiasta della Chiesa di Papa Francesco e affiorerà la Chiesa di Benedetto, della Sua Profezia!

  • Sorprendenti riflessioni, che risalgono al 1969.
    E anche il paragone storico con la Chiesa di Pio VI, morto in prigionia nel 1799 (vd. link).
    Oggi, 14 luglio 2014, 225° anniversario della presa della Bastiglia, inizio della Rivoluzione francese e Repubblica in Francia. Impero napoleonico e suo crollo a Waterloo nel 1815. Sembrava chissà cosa.
    Napoleone muore il 5 maggio del 1821, in esilio e sorvegliato a vista a S. Elena, un’isoletta del sud Atlantico. Ma territorio inglese, come gli era stato promesso.
    Sic transit gloria mundi.
    Davvero non avevo idea della lungimiranza e profondità di pensiero di questo Papa teologo.
    Dicono che gli europei più intelligenti siano i tedeschi e gli olandesi. Ma su un Ratzinger non si può discutere.

  • 1938-Mentre stavo per terminare la Via Crucis, il Signore cominciò a lamentarsi delle anime dei religiosi e dei sacerdoti, perché queste anime elette mancano di amore. “Permetterò che vengano distrutti i conventi e le chiese”. Risposi: “Ma, Gesù, tante anime nei conventi Ti lodano”. Il Signore rispose: “Questa lode ferisce il Mio Cuore, poiché l’amore è stato bandito dai conventi. Anime senza amore e senza spirito di sacrificio, anime piene di egoismo e d’amor proprio, anime superbe e presuntuose, anime piene di perfidia e d’ipocrisia, anime tiepide che hanno appena quel tanto di calore per mantenersi in vita esse stesse. Il Mio Cuore questo non lo può sopportare. Tutte le grazie che riverso su di loro ogni giorno, scivolano via come sopra una roccia. Non li posso sopportare, poiché non sono né buoni né cattivi. Per questo ho fatto sorgere i conventi, perché venisse santificato il mondo per mezzo loro; da essi deve scaturire una potente fiamma d’amore e di sacrificio. E se non si convertiranno e non si infiammeranno del primitivo amore, li consegnerò allo sterminio di questo mondo… Come potranno sedere sul trono promesso, a giudicare il mondo, se le loro colpe sono più gravi di quelle del mondo, e senza penitenza, senza riparazione?…O cuore, che Mi hai ricevuto la mattina e a mezzogiorno avvampi di odio contro di Me sotto le forme più svariate! O cuore, ti ho forse scelto in modo particolare perché tu Mi procurassi maggiori sofferenze? I grandi peccati del mondo feriscono il Mio Cuore quasi in superficie, ma i peccati di un’anima eletta Mi trafiggono il Cuore da una parte all’altra…”. Dal “Diario” di Santa Faustina Kowalska, Libreria Editrice Vaticana, pag.560

  • Questa riflessione mi ha sempre incuriosito molto..è molto bella,ma non sono mai riuscito a capire se sia autentica oppure no. Annalisa Colzi,per caso lei ne conosce la fonte da cui proviene questa profezia? il titolo di un libro,un messaggio radiofonico,un intervista…qualsiasi..la ringrazio molto!

  • Condivido pienamente quanto detto dal Papa Emerito.
    Purtroppo i sacerdoti oggi vivono il loro ministero come un lavoro e non come una missione. Devono essere più presenti nelle loro parrocchie e dedicarsi di più alla cura delle anime a loro affidate. Però ci sono sempre le eccezioni.
    Si la Chiesa deve tornare alle origini deve pensare a evangelizzare amando.

  • Verissimo, era un ciclo di 5 interventi radiofonici. In fondo all’articolo c’è un link.

  • è stato un papa che mi ha fatto sempre tanta tenerezza ,persona umile, si è tirato indietro perché non riusciva a gestire il suo pontificato e vedendo quanto di corrotto c’era al vaticano. Speriamo che Papa Francesco
    riesca a risanare e dare una nuova spiritualità alla chiesa

  • Quando si dimise, un’amica mi disse:
    Si, è stato bravo, ma semplicemente bravo. Non è un santo, e non lo vuole essere.
    Io risposi:
    Vedremo.

    Un anno e mezzo dopo, e oggi leggendo questa propfezia, ho avuto la conferma di aver ragione.
    Si, è un santo, anche nel senso mistico e profetico del termine.
    E lo è perché in questo secolo i papi non possono essere altro. Devono essere santi. Non possono rifiutarsi di esserlo.
    In fondo già Madre Teresa di Calcutta lo aveva detto di tutti i cristiani:
    essere santi è un dovere.

  • Cara Daniela, sono d’accordo, purtroppo molti sacerdoti sono diventati amministratori di parrocchie e non di anime quindi affidiamoci alla misericordia di Dio. Andiamo anche alla ricerca di chi ha provocato questi cambiamenti in negativo e offriamo Sante Messe e Novene per chi li ha provocati. Io suggerisco qualche data. 1776 – 1789 – 1917 – 1968 Buona notte a tutti

  • NON Sono molto daccordo, Leopoldo con le ultime righe del tuo intervento, pur approvando quanto hai espresso come concetto, nel senso che non credo proprio che ci sara’ una scremata, come tu l’hai definita, tra il popolo entusiasta di Papa Francesco e quello di Papa Benedetto e questo semplicemente perche’ sono l’uno il successore dell’altro. Io come tanti adoro Papa Francesco e credo che sia proprio lui quello che fara’ e sta facendo ripartire la Chiesa di Gesu’ Cristo ed era cio’ che ci voleva ma naturalmente dobbiamo ringraziare Papa Benedetto per la difficile decisione presa ma che sembrava proprio essere inevitabile. In quel gesto credo che tutti abbiamo scoperto di amarlo perche’ molti come anche me non hanno sentito un grande affetto per Benedetto. La sua rinuncia e’ stata esemplare ma ora dobbiamo rispettare ed amare la Chiesa di Francesco che e’ – si’ entusiasta ma anche profondamente umile e semplice nel dialogare con tutti e dunque evangelizzare nella sua forma piu’ caritatevole. Non credo che bisogna fare paragoni tra prima ed ora. Questo e’semplicemente il tempo di Papa Francesco in un contesto storico sociale molto particolare e difficile dove si legge una forte decadenza dei valori cristiani e quest’uomo sta riportando la gente, anche i piu’ lontani, a riflettere e credere

  • In questa epoca in cui viviamo lo Spirito Santo soccorritore nostro ci ha donato due Papi: uno dedito all’orazione continua e l’altro all’azione. Confidiamo sempre in Dio.

  • Ciao, penso che il Signore abbia un grande progetto di riforma della Chiesa, in questo sono d’accordo con Ratzinger, e lo si vede dai Papa stessi. Come avrebbe potuto Francesco fare ciò che fa se prima non ci fosse stato Benedetto ? Così per gli altri precedenti: ognuno è partito dal lavoro del precedente ..
    . .ad esempio come avrebbe potuto Carol testimoniare Dio come padre che ha un amore viscerale per noi se prima Albino non avesse sconvolto tutti dicendo che Dio è padre e madre ?

  • I tempi sono quasi maturi perché il più grande inganno bimillenario sia scoperto da tutti. E la vera chiesa, la umile sposa di Cristo, tornerà alla sua identità originale, alla povertà, all’ amore, al perdono. Tutta la base di sterco del diavolo su cui poggia ancora oggi la falsa chiesa romana – il più grande inganno di satana – crollerà nell’ abisso portando con sé il suo impero e le sue legioni.
    Nessuna profezia. Solo la lucida visione di un martire dei giorni nostri, accortosi e addivenuto al soglio troppo tardi, quando ormai l’ anticristo è padrone di tutto questo mondo.
    Parole non mie.
    Abbiamo Fede. Cristo ha vinto già dal principio. Il Bene rischiarirà i nostri umili volti.

  • cara annalisa sono Giampietro e sai chi sono… come ha detto bene il caro ex papa quando vidi il suo volto per prima in televisione chiesi a Gesù che ci fa questo uomo in san pietro sembra un demone e strano ma mero a poco quel gran calo di fede lo fece dimettere dal suo incarico, ricorda solo io decido chi deve servire gli uomini, a proposito ti saluta padre amorth e ti ringrazia di on avergli mai consegnato il mio messaggio lo vedrai alla fine dei tuoi giorni, a presto

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Per capire come manipola la mente una setta

michelle huzinker

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: