Annalisa Colzi
peccato

Il vero problema è il peccato: causa di tutti i mali

Il peccato causa di tutti i mali

in un mondo che si è dimenticato di Dio

Il peccato e le sue conseguenze…

Stiamo assistendo, impotenti, allo sconvolgimento del mondo: guerre, omicidi, suicidi, violenze della peggior specie… Sembra che il mondo stia impazzendo e – nonostante il progresso – siamo scesi ad una bassezza tale che l’uomo di Neanderthal appare come un signore sopraffino.

Che cosa sta avvenendo? Di chi è la colpa di questa regressione umana? Semplice: del nostro peccato.

Il mondo “moderno” si è dimenticato di Dio. E si è lasciato sedurre dal maligno; le conseguenze sono sotto i nostri occhi.

Certamente vi sono uomini che – sotto istigazione di satana – eseguono le più tremende nefandezze, ma Dio permette che ciò avvenga perchè il mondo è nelle tenebre e ha bisogno di essere purificato.

Il 6 agosto del 1982 la Madonna a Medjugorje dà questo messaggio: “Se i fedeli si confesseranno una volta al mese, presto intere regioni potranno essere guarite”.

Conversione del cuore, ecco quello che serve per fermare tanta carneficina.

La Madonna a Fatima disse: “La guerra sta per finire; ma se non smetteranno di offendere, durante il Pontificato di Pio XII ne comincerà un’altra ancora peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni della Chiesa e al Santo Padre”.

Da queste parole della Vergine Maria, si evince che la Seconda Guerra Mondiale fu causata principalmente dai nostri peccati.

Vi è anche un altro episodio molto interessante che ci fa capire come senza conversione non vi è vittoria. Risale al tempo delle Crociate, quando san Francesco si recò a Damiata presso i Crociati.

peccato

Un giorno, avuta notizia che i nostri si disponevano a battaglia, si addolorò fortemente e rivolto al compagno disse: “Il Signore mi ha mostrato che, se avverrà oggi lo scontro, andrà male per i cristiani”. Riferì la cosa ai Crociati ma essi non vi credettero e quel giorno persero 6000 uomini.

Ma non pensiate che san Francesco disse di non combattere quel giorno perchè non era d’accordo sulle armi. Il motivo era ben diverso, i Crociati si erano lasciati andare ad una serie di peccati e questo fece sì che Dio non fosse più al loro fianco nella battaglia.

La Madonna a Medjugorje da 33 anni ci spinge alla conversione del cuore. E a pregare per coloro che ancora non hanno conosciuto l’amore di Dio. Quando l’amore di Dio avvolge l’anima il primo frutto che assapora è la pace, quella vera, quella del cuore.

Imploriamo con tutta l’anima e con tutto il cuore che la Vergine Maria, come nel Cenacolo, faccia piovere su di noi un torrente di Spirito Santo.  Un fiume immenso di Grazia. Una Nuova Pentecoste che incendi i cuori e fermi il peccato nel mondo.

 Annalisa Colzi

Commenta con facebook
Condividi:

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

11 commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 890 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

C’è un tempo per ogni cosa…

c'è un tempo per ogni cosa

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 890 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp