NEWS

L’ultima follia di La5: sdoganare il porno come risorsa economica

Il porno

cosa buona e giusta!?!?!?!?

di Annalisa Colzi

Ipocrisia, bassifondi, latrina. Non trovo altre parole per commentare quello che da diverso tempo a questa parte sta passando attraverso la televisione.

Non voglio perdere troppo tempo a commentare questa latrina televisiva. Faccio solo un breve excursus per cercare di far capire al popolo italiano quanta spazzatura mediatica viene rovesciata addosso a mogli, mamme, mariti, bambini e ragazzi.

La televisione, o meglio i poteri forti che vi sono alle spalle, stanno cercando di far passare il porno come un lavoro normale. E come fare per far credere al popolo che il porno è un lavoro come un altro? Si invita il re del porno, Rocco Siffredi, nei vari programmi televisivi

E così, quest’uomo, che ha fatto la sua fortuna con film porno, in poco tempo è diventata la star di tanti programmi televisivi che, a detta di Chiambretti, ogni volta che c’è lui l’audience aumenta.

Ma vediamo la sua escalation televisiva:

Nel 2012 Antonella Clerici lo invita nel programma E’ stato solo un flirt

A seguire: su Cielo tv conduce Ci pensa Rocco dove il porno attore aiuta le coppie in crisi (mi piacerebbe sapere come…).

Poi: Isola dei famosi, Verissimo, l’immancabile Barbara D’Urso con le sue pessime trasmissioni che, purtroppo, vengono seguite da molte casalinghe. (vorrei chiedere cosa vi trovino in quel tipo di programmi) e ancora Grand Hotel Chiambretti, una cloaca di programma dove i doppi sensi sono all’ordine del giorno; ed infine, udite udite a breve il top per tutte le casalinghe e non: il reality da casa Siffredi. Leggiamo da uno dei tanti siti che lo promuovono:

Ci sarà poi la parte del programma interamente dedicata al lavoro di Rocco e alla sua Hard Acedemy – l’«università del porno» dove il divo insegna il suo mestiere a giovani aspiranti pornoattori.

«Voglio far conoscere il mio modo di lavorare, tra i miei principi ci sono sempre umiltà e ironia: non puoi essere una pornostar e prenderti sul serio», ha aggiunto Siffredi.

«Vedrete come lavora la Siffredi Hard Academy, ovvero l’università del porno; terrò un corso di due settimane per 15 ragazzi e ragazze scelti tra le migliaia che mi hanno contattato. Ci saranno una serie di prove, dal modo di porsi davanti alla telecamera alle tecniche di recitazione. Oggi il sesso è diventato molto più complesso di prima; c’è un nuovo mondo sessuale da imparare e da insegnare».

Infine, il porno attore lo ritroviamo in tanti settimanali e mensili per famiglie e in un film con Massimo Boldi.

Ovvia, a questo punto la porno attività è sdoganata come cosa buona e giusta. La massoneria è riuscita anche questa volta a far passare per normale una cosa che normale non è.

 

 

 

Commenta con facebook
Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.