I grandiosi frutti della preghiera

I grandiosi frutti della preghiera

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’efficacia della preghiera è indiscuti­bile. Se il Signore ci concede di poterle pregare, è segno che è disposto ad accogliere le nostre suppliche.

L’umanità ne ha fatto sempre la dol­ce esperienza.

Il popolo ebreo, uscito dalla schiavitù d’Egitto, aveva peccato, essendosi co­struito un vitello d’oro, al quale rendeva gli onori divini.

Dio, che aveva molto beneficato quel popolo, rimase offeso e stabilì di punirlo; perciò disse a Mosè: Questo popolo è di dura cervice; ora lasciami fare, affinchè il mio furore si accenda contro di esso e lo stermini!

Mosè si appigliò al gran mezzo della preghiera, fiducioso di evitare il minac­ciato castigo. Allora pregò cosi: Perchè, o Signore, t’infiammi nel furore contro il tuo popolo, che hai tratto dall’Egitto con forza grande e mano potente?… Si calmi il tuo sdegno e lasciati placare per le iniquità del tuo popolo!

Come un padre offeso dai figli si placa se un figlio buono chiede perdono a no­me dei fratelli, cosa Dio si placò alla sup­plica di Mosè e non fece al suo popolo quel male che aveva minacciato.

Se non fosse
intervenuta la preghiera del grande condottiero, gli Ebrei in quel­la
occasione sarebbero stati sterminati.

Il viaggio del popolo ebreo dall’Egitto in Palestina durò quarant’anni e molti erano i pericoli ed i bisogni, di quella massa pellegrinante. In ogni, occasione Mosè pregava ed otteneva da Dio; se ometteva o rallentava la preghiera, il popolo ebreo non era assistito dal Signo­re. Ecco un esempio: Gli Ebrei stavano per attaccare battaglia contro gli Amaleciti. Mosè per ottenere la vittoria cominciò a pregare sul la vetta del monte e teneva le braccia aperte, protese al cielo. Finchè stava in atto, di supplica, gli Ebrei vincevano. Essendosi prolungata la battaglia, si stan­cò ed abbassò le braccia; i nemici ebbero subito il sopravvento.

Visto ciò, Mosè si sedette sopra una pietra ed ordinò che due uomini, Aronne ed Hur, gli sostenessero le braccia stan­che. In tale posizione stette sino al tra­monto e la vittoria fu degli Ebrei.

Si legge nella Sacra Scrittura: Ezechia, re degli Ebrei, cadde in una malattia mortale; andò a trovarlo il Pro­feta Isaia, che gli disse: Il tuo Signore Dio dice così: Metti in ordine le tue cose, perchè tu morrai e non potrai più vivere. Ezechia, voltata la faccia verso la pa­rete, pregò il Signore dicendo: – Te ne prego, o Signore, e ti scon­giuro di ricordarti come io abbia cam­minato dinanzi a te nella verità e con cuore perfetto ed abbia fatto ciò che è gradito davanti ai tuoi occhi. – Ezechia poi diede in pianto dirotto.

Isaia non aveva ancora passata la me­tà dell’atrio, quando gli fu indirizzata la parola del Signore in questi termini: – Ritorna a dire ad Ezechia, capo del mio popolo: Queste cose dice il Signore: Ho sentita la, tua preghiera, ho veduto le tue lacrime ed ecco ti ho risanato. Fra tre giorni salirai al Tempio del Signore; anzi aggiungerò quindici anni alla tua vita (IV-Re-XXA… ).

Se il re Ezechia non avesse pregato, sarebbe morto quindici anni prima.

Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

Articoli correlati

Come sarebbe più bello il Mondo se seguissimo questa saggia segnaletica che Dio ci ha dato

All’inizio della mia vita c’è Dio

All’inizio della mia vita c’è Dio

L’alfabeto delle anime purganti

L’alfabeto delle anime purganti

Dobbiamo avere il coraggio di rischiare

Dobbiamo avere il coraggio di rischiare

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, per ricevere i miei aggiornamenti.

Unisciti a 1.100 altri iscritti




Seguici su facebook

telegram esercito di maria