Annalisa Colzi
nuovo libro di Papa Francesco quando pregate dite padre nostro
le anime del purgatorio e madre speranza

Madre Speranza parla con le anime del Purgatorio

bracciale ave maria

Le anime del Purgatorio sono a noi vicine

La beata Madre Speranza aveva un rapporto stretto con le anime del Purgatorio. Istituì persino una Fondazione affinché venissero celebrate le Sante Messe per le anime del Purgatorio. Ella ben comprendeva la sofferenza delle anime in questo luogo di purificazione. Pietro Iacopini, suo figlio spirituale, ancora vivente, ha raccontato questo meraviglioso episodio riguardo le anime del Purgatorio.

“Un giorno stavo conversando con padre Gino, padre spirituale di Madre Speranza, quando la santa monaca si avvicinò al suo confessore e gli disse: ‘Padre questa notte il Signore mi ha detto che domani mattina devo andare subito a Todi per chiedere al Vescovo di riconoscere questa Cappella come Santuario dell’Amore Misercordioso. Mi ha detto di andare con celerità perché il Vescovo ha un tumore e tra pochi giorni se lo porto via. Ha aggiunto che il Vescovo non sa ancora di avere un tumore ma che tale tumore è già diffuso in tutto il corpo ed ha i giorni contati. E mi ha detto di stare serena che il Vescovo darà l’approvazione e Io nel Santuario gli darò la ricompensa’.

Il Signore aveva detto alla Madre che il Vescovo sarebbe morto in breve tempo

La mattina Madre Speranza partì con padre Gino alla volta di Todi. Tornò raggiante e ci comunicò ciò che il Vescovo le disse: ‘Domenica darò l’approvazione al Santuario. Preghi per me, perché non sto bene e non riesco più a dormire la notte’.

La risposta della beata fu: ‘Eccellenza se sta tanto male vada all’Ospedale per un controllo, si curi e così starà meglio’, ma a noi aggiunse: ‘Il Signore mi ha detto che se lo porta via, che deve morire. Ma io non gliel’ho detto altrimenti sarebbe morto di infarto prima del tempo’.

Il Vescovo rispose alla Madre che prima sarebbe venuto a Collevalenza per l’approvazione e il lunedì sarebbe andato in Ospedale per un controllo.

Al controllo in Ospedale vi fu la seguente diagnosi: Tumore diffuso in tutto il corpo. Fu deciso di mandarlo all’Ospedale di Roma.

Papa Giovanni XXIII era stato compagno di scuola del Vescovo e quando seppe della grave malattia del suo amico decise di andarlo a visitare. Per tutto il tempo i due amici parlarono di Madre Speranza. Il Vescovo gli disse: Ho dato l’approvazione al Santuario ma non ho avuto il tempo di mandare a Roma tutti gli incartamenti. Il Papa lo rassicurò dicendogli: Hai fatto bene a dare l’approvazione al Santuario perché per me Madre Speranza è una grande santa. Per quello che riguarda il Vaticano ci penso io, stai tranquillo. Dopo due giorni il Vescovo morì.

Due ore in Purgatorio sono più lunghe di 80 anni di vita sulla Terra

Appena lo venne a sapere, Madre Speranza comunicò alla Curia di fermare la bara a Collevalenza per la Santa Messa. La bara arrivò alle 18.00 e dopo poco l’inizio della Santa Messa, Madre Speranza andò in estasi.

Gli apparve prima il Signore che gli disse: “Ti faccio vedere con quanta gloria il Vescovo entra in paradiso perché ha dato l’approvazione al primo Santuario del mondo dell’Amore Miserciordioso”. Poi, il Signore scomparve ed arrivò il Vescovo con il suo corpo glorioso. Il Vescovo gli disse: “Madre Speranza il Signore mi ha mandato a te per ringraziarti perché tu mi hai chiamato a dare l’approvazione al Santuario e il Signore è stato molto contento. Adesso avrò per tutta l’eternità la gloria del Paradiso. Però devo dirti che io, prima di andare in Paradiso, ho sofferto tanto in Purgatorio.” Al che la Madre replicò: “Eccellenza, lei è morto ieri a Roma, perché mi dice che ha sofferto per tanto tempo se sono passati solo due giorni?” Il Vescovo le rispose: “Madre Speranza il tempo dell’aldilà non è uguale a quello che si vive sulla Terra. Ho sofferto molto, molto di più in questi due giorni di purgatorio che non in 80 anni della mia vita sulla Terra perché quando si muore l’anima si presenta davanti a Dio e in presenza di Dio l’anima si vergogna. Si vergogna del comportamento che ha avuto in vita trascurando il Signore. Deve dire a tutti che l’aldilà esiste e che sulla Terra la cosa più importante è amare il Signore, tutto il resto non serve a niente”.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

il mio cuore trionferà

Prossimo Pellegrinaggio Medjugorje

Capodanno Con MariaDic 29, 2017
275 ore.

Iscriviti per ricevere gratis i miei articoli

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 18.576 altri iscritti

Seguici su facebook

Per capire come manipola la mente una setta

michelle huzinker

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Una fedeltà senza fili, che unisce un piccolo esercito di mendicanti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

misericordina rosario dell'anima

Seguici

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli