Annalisa Colzi
sant'antonio di padova

Sant’Antonio di Padova e Gesù bambino: 1 giorno di novena di Natale

Tutti sappiamo il grande legame che c’è tra Sant’Antonio di Padova e Gesù bambino ma pochi conosciamo il perchè.

Poco prima di morire Antonio ottiene di ritirarsi in preghiera a Camposampiero, vicino a Padova, nel luogo  che il conte Tiso, aveva affidato ai francescani, nei pressi del suo castello.

Camminando nel bosco, Antonio nota un maestoso noce e gli viene l’idea di farsi costruire tra i rami dell’albero una specie di celletta. Tiso gliela allestisce. Il Santo passa così in quel rifugio le sue giornate di contemplazione, rientrando nell’eremo solo la notte.

Una sera, il conte si reca nella stanzetta dell’amico, quando, dall’uscio socchiuso, vede sprigionarsi un intenso splendore. Temendo un incendio, spinge la porta e resta immobile davanti alla scena prodigiosa: Antonio stringe fra le braccia Gesù Bambino. Quando si riscuote dall’estasi e vede Tiso commosso, il Santo lo prega di non parlare con nessuno dell’apparizione celeste. Solo dopo la morte del Santo il conte racconterà quello che aveva visto.

Preghiera

Sant’Antonio, la tua purezza è stata così grande da aver avuto il privilegio di stringere tra le braccia il Figlio di Dio, il Giglio delle Convalli, Gesù bambino. Intercedi per noi e fa che possiamo amare con la tua stessa tenerezza, Gesù. Aiutaci o glorioso Santo a far nascere nei nostri cuori l’innocenza. O glorioso Sant’Antonio, specialissimo Protettore dei bimbi e dei fanciulli, a te ricorro con piena fiducia e fede nel chiederti Protezione per questa creatura che a me sta tanto a cuore.
Tutti riconoscono in te la “ purezza” evidenziata dal bel giglio bianco e l’amore che nutri per i bimbi in espressione del “Bimbo Gesù” che porti tra le braccia.
Non guardare a me e a i miei peccati, ma concedimi il tuo fraterno aiuto ed intercedi per me presso il Signore. Non mancherò di beneficiare, secondo le mie possibilità ed in segno di devozione e riconoscenza, i piccoli che vivono negli Istituti sorti a nome tuo. Amen

A Natale Dio ci dona tutto Sé stesso donando il suo Figlio, l’Unico, che è tutta la sua gioia. (Papa Francesco)

Fioretto

Adorniamo la culla di Gesù nell’attesa della sua nascita con 10 Gloria al Padre, per essere riconoscenti del suo grande amore per noi misere creature.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 882 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 882 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp