Annalisa Colzi
Santa Gertrude-visione di Gesù

Quella prima visione di Gesù

Avevo ventisei anni ed era il giorno che pre­cedeva la vigilia della festa della Purifica­zione della Madonna. Era sera, dopo Com­pieta, e Gesù venne a dissipare le tenebre che mi circondavano; cominciò a placarsi il turbamento, che già da un mese stava nel mio cuore. Quella crisi era destinata a rovesciare la fortezza della mia vanaglo­ria e della curiosità letteraria e scientifica, che io avevo innalzato nel mio insensato orgoglio, benchè portassi il nome e l’abi­to di Suora. Pertanto, nell’ora sopra detta, stando in mezzo al dormitorio, vidi da­vanti a me un giovane splendente di gra­zia e di bellezza; poteva avere circa sedici anni ed il suo aspetto era tale che i miei occhi non avrebbero potuto ammirare nul­la di più attraente. Con accento di grande bontà Egli mi disse: La tua salvezza non tarderà. Perche ti consumi nel dolore?

Quella visione di Gesù mi cambiò la vita

Quella fu la prima visione di Gesù, una delle tante… Gesù continuò nel dire: “Non hai un consigliere che possa calmare queste tue angosce? Io ti libererò; non temere di nulla.” Detto questo, Egli pre­se la mia mano destra nella sua mano no­bile e delicata; poi soggiunse: “Ritorna finalmente a Me ed io ti inebrierò al tor­rente dei piaceri divini.” Mentre così Egli parlava, scorsi tra lui e me una siepe lunga; la sua superficie era coperta di spi­ne molto fitte. Questa siepe non mi per­metteva di passare per stare a fianco di Gesù. Ero titubante, quando Egli stesso, tenendomi la mano, mi sollevò senza dif­ficoltà e mi pose al suo fianco. Scorsi al­lora su quella mano una sacra Piaga. Da quel momento la mia anima ritrovò la se­renità ed incominciò a gustare le dolcezze dell’amore divino.

prima visione di Gesù

 

 

Ma di chi stiamo parlando? Di santa Gertrude, grande santa e grande mistica. Trovo davvero unico questo racconto tratto dai suoi scritti, sulla sua prima visione di Gesù. Dove per la prima volta Dopo questa visione Geltrude venne trasformata da intellettuale a spirituale; lasciò lo studio profano e si dedicò allo studio della Sacra Bibbia, agli scritti dei Santi Padri ed allo studio della Teologia. Divenne così istruita sulle questioni reli­giose da divenire consigliera a molte persone, che andavano a trovarla nel Mona­stero.
Scrisse anche libri spirituali, ricchi di grande soavità per il suo stile di scrittrice chiaro e convincente. Nel parlare era dol­ce e penetrante, persuasiva ed efficace:; in taluni ispirava sincero pentimento dei pec­cati; in altri ispirava la luce per conosce­re Dio e ad altri dava sollievo e conforto; in molti accendeva la fiamma del divino amore.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 911 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

C’è un tempo per ogni cosa…

c'è un tempo per ogni cosa

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 911 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp