Annalisa Colzi
Nel Segno della Gospa

Nel segno della Gospa

Nel Segno della Gospa

la storia di Medjugorje

Appena tornata da Lourdes ho ricevuto la bella notizia della prossima uscita del mio libro sulla storia di Medjugorje: Nel Segno della Gospa.

Non è stato semplice capire il filo degli avvenimenti che in tanti anni si sono susseguiti. Non è stato facile soprattutto capire gli inizi e i luoghi dove la Madonna è apparsa nei primi quattro giorni.

una lunga storia

E’ stato però molto bello ricostruire una storia che dura oramai da 34 anni. In questo viaggio alla scoperta della verità, ringrazio di cuore Marinko Ivankovic, il meccanico che fin dagli inizi aiutò i veggenti e che ricorda molte cose dei primi giorni.

Grazie anche a padre Miro, coetaneo e amico di Ivan Dragicevic, divenuto sacerdote dopo le apparizioni. E’ stato bello sentire dalla sua viva voce che cosa è accaduto il 24 giugno del 1981 in quel piccolo paese dell’Erzegovina.

testimonianze

In questo libro, oltre alla storia cronologica dei fatti, ho inserito diverse testimonianze di conversione avvenute in quel luogo di grazia. Vi ho messo anche una cartina che ripercorre i luoghi dei primissimi anni: le case dei veggenti, il luogo della famosa apparizione del 2 agosto 1981 e altro ancora…

La presentazione del libro l’ho chiesta a padre Gabriele Amorth poiché fin dal 1981 vi si è recato ed ha sempre sostenuto queste apparizioni.  Ha inoltre tradotto e corretto uno dei libri più importanti su Medjugorje e di cui io mi sono avvalsa: “Mille incontri con la Madonna” di padre Janko Bubalo.

Vicka, a sorpresa, mi ha scritto una lettera che ho inserito all’inizio del libro e per rendere il tutto ancora più piacevole vi ho inserito 16 pagine di foto a colori.

Spero, con questo libro, di farvi entrare nel grande mistero che da tanti anni avvolge Medjugorje.

Il libro misura 13 x 21

le pagine sono 336 di cui 16 sono foto a colori

il costo è di 14,00 euro ma se avete occasione di acquistarlo dalla sottoscritta il prezzo è scontato a 10,00 euro.

Annalisa Colzi

Si trova anche su Amazon: http://www.amazon.it/Annalisa-Colzi-segno-della-Gospa/dp/B0106MEXB8/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1435049534&sr=8-1&keywords=nel+segno+della+gospa

 

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

14 commenti

Rispondi

  • Un carissimo augurio per il suo libro signora Annalisa, sono sicuro che porterà tanto bene.

  • sono sicura Annalisa che diventerà un besteller.
    Io vivo a zurigo ma ho un cugino a Torino e vorrei farmi arrivare 5 copie del tuo bellissimo libro. Mi mettero in contatto santa notte
    Anna

  • Ti conviene ritirare il libro e aggiungere un capitolo sulla CAPITOLAZIONE dell’imbroglio!

  • Aspettiamo con ansia che pubblichi anche un vangelo tutto tuo… i tuoi adepti ne hanno bisogno!

  • Non pensi che sia arrivato il momento di aggiornare il tuo libro “Come Satana corrompe la società”? Penso che si possa ampliare notevolmente visto tutto quello che succede!

  • Cara Elisabetta… dì al verità, ti piacerebbe aver ragione eh?

  • Ci sono, cara Annalisa. Semplicemente non condivido il tuo atteggiamento a volte superbo nei confronti di chi non la pensa di te riguardo a Medjugorje. Ma continuo a credere che il tuo lavoro riguardo la messa in guardia da Satana e dai suoi accoliti nel mondo sia molto utile. Non per forza debbo condividere tutto ciò che fai per poter apprezzarne invece una parte. Riguardo Medjugorje abbiamo idee diverse, ma ribadisco che da parte mia non c’è nessunissimo pregiudizio, tanto è vero che inizialmente credevo alle apparizioni.

  • Caro Ale, anche io non condivido quello che scrivi su Medjugorje ma non per questo scrivo battutacce (come la tua) nei tuoi confronti. A me, personalmente, non me ne importa niente di quello in cui credi.

  • Se posso darti dei consigli, ci sono tantissime serie TV che riguardano di famiglie allargate e anche omogenitoriali oltre che cotte omosessuali tra ragazzini chiaramente incoraggiate (esempio telefilm americano “The Fosters”. Anche Disney channel non scherza, con serie tv frivole dai messaggi new age e materialistici. La nuova serie Fox “Lucifer” invece presente il Principe di questo mondo come un affabile e misericordioso supereroe. Riguardo i cantanti ti invito anche a soffermarti non solo su quelli che hanno una chiara apparenza diabolica ma anche sui ragazzi italiani e non il cui messaggio è profondamente ateo e materialista, ma all’apparenza sembra si tratti di canzonette. Ti ripeto Annalisa guarda NON solo la dove vi sono evidenze ma soprattutto dove sembra che tutto sia improntato alla leggerezza ed alla spensieratezza. Ti invito a leggerti alcune conversazioni che i giovanissimi hanno su ask.fm vedrai in quali oscenità ti imbatterai, vedrai ragazzini di appena 13 anni parlare con disinvoltura di sesso, fumo e affini. Vedrai chi sostiene come normali nozze gay e comportamenti omosessuali. Parla della moda pericolosamente narcisistica dei selfie, anche quella solo apparentemente innocua e divertente. Parla della moda di pubblicare bischerate ai limiti del legale sui internet per far farsi notare. Parla dell’incoscienza dilagante tra i minori e giovanissimi. Parla degli scout che in mattinata sono andati a San Pietro dal Papa e nel pomeriggio al gay pride. Parla delle fiction come braccialetti rossi che strumentalizzano il dolore e negano negandogli qualsivogliia valore redentivo. Cara Annalisa c’è una miriade di cose che puoi denunciare. Non soffermarti, ti ho già detto, su quelle evidenti, cerca di approfondire quelle apparentemente innocue. Ad esempio è uscito un video di tal vincitore di XFactor Lorenzo Fragola “#fuoriceilsole” che sembra far passare come normale il furto(i ragazzi non pagano il cameriere e corrono via ridendo), le offese gratuite (nei confronti di un signore che li rimprovera per la musica troppo alta) uso sconsiderato di alcool, allisioni sessuali, idea orami passata come assunto del carpe diem ad ogni costo. Vedrai che seguito che anno questi messaggi. Spero di esserti stato utile. Anche se su alcune cose la pensiamo diversamente siamo soldati che combattono nello stesso esercito.

  • Parlare di battutacce mi sembra fuori luogo sono sempre stato più che rispettoso nei tuoi confronti. Mi si lasci passare una battuta, non battutaccia. Comunque spero che tu dia seguito ai miei consigli perché mi piacerebbe regalare il tuo libro su Satana, una volta ampliato, ai genitori dei ragazzi cui faccio catechesi.

  • Dici “non mi importa niente di quello in cui credi”. Cara Annalisa, io credo SOLO in Dio Padre, Dio Figlio e DIo Spirito Santo. Avresti dovuti dire “quello A CUI credi” perché, ti ripeto, crediamo NELLE stesse Verità e Medjugorje non necessita di un atto di fede obbligatorio,
    anche qualora venisse riconosciuta. Sei tu, Annalisa, che forse senza accorgerti ti rivolgi con poco rispetto e misericordia nei confronti degli altri.

  • In ogni caso ci tengo a ribadire che io ho rispetto per tutti quelli che si recano con fede a Medjugorje, ho solo espresso delle perplessità che, a me, sembrano fondate. Almeno mi si riconosca la sincerità nel dire ciò che penso anche se ciò può costarmi l’essere etichettato come un irrispettoso, insensibile guastafeste. E insisto nel dire, cara Annalisa, che il tuo(e di altri cosiddetti medjugorjani) modo di fare non è sempre corretto. Non puoi pretendere di avere la Verità in tasca. Medjugorje è un fenomeno che, ti piaccia o no, ha i suoi chiaroscuri. La gente che vi si reca spesso, non mi riferisco a tutti, lo fa per affrancarsi da un modo di intendere la fede considerato troppo noioso e piatto. Molti vanno senza avere punti fermi e finiscono per ritagliarsi una fede su misura. Questo è purtroppo un dato oggettivo. Non è possibile fingere di non vederlo. E non è giusto attaccare con malcelata cattiveria chi si prende la briga di porre in questione anche ciò che non depone a favore delle presunte apparizioni. Con affetto, Alessandro

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: