PAPA FRANCESCO

Liberarsi dall’ipocrisia accusandosi davanti a Dio

Liberarsi dall’ipocrisia

L’ipocrisia è un vero tarlo nel cristianesimo e spesso è la causa dell’allontanamento di chi vorrebbe conoscere il Signore ed amarlo. Purtroppo c’è chi predica bene e razzola male, e questo diventa un vero problema. Il Santo Padre ha detto delle parole stupende, e che tutti noi dobbiamo meditare:
Gesù non tollera l’ipocrita e chiama i farisei “sepolcri imbiancati”. Lo ricorda Papa Francesco. Bisogna guarire dall’ipocrisia e la medicina è saper accusare se stessi davanti a Dio. Chi non sa farlo, dice Francesco, “non è un buon cristiano”.
Il Papa commenta il Vangelo dove Gesù è invitato a pranzo da un fariseo, viene criticato dal padrone di casa perché, prima di mettersi a tavola, non aveva fatto le abluzioni rituali, il Santo Padre afferma:
“C’è un atteggiamento che il Signore non tollera: l’ipocrisia. E’ questo che succede oggi nel Vangelo. Invitano Gesù a pranzo, ma per giudicarlo, non per fare amicizia”.
L’ipocrisia, prosegue, “è proprio apparire di un modo ed essere di un altro”. E’ pensare di nascosto diversamente da come appare.

L’ipocrisia nasce dal diavolo: il bugiardo

Gesù non sopporta l’ipocrisia. E spesso chiama i farisei ipocriti, sepolcri imbiancati. Non è un insulto quello di Gesù, è la verità. “Da fuori tu sei perfetto, anzi inamidato – dice ancora Francesco – proprio con la correttezza, ma da dentro sei un’altra cosa”. E afferma che “l’atteggiamento ipocrita nasce dal grande bugiardo, il diavolo”. Lui è il “grande ipocrita” e gli ipocriti sono i suoi “eredi”.

L’ipocrisia è il linguaggio del diavolo, è il linguaggio del male che entra nel nostro cuore e viene seminato dal diavolo. Non si può convivere con gente ipocrita ma ce ne sono. A Gesù piace smascherare l’ipocrisia. Lui sa che sarà proprio questo atteggiamento ipocrita a portarlo alla morte, perché l’ipocrita non pensa se usa dei mezzi leciti o no, va avanti: la calunnia? “Facciamo la calunnia”; il falso testimone? “Cerchiamo un falso testimone”.

Commenta con facebook
Fonte
VaticanoNews
Tag

Articoli correlati