Annalisa Colzi
sacramento della riconciliazione

Il Sacramento della riconciliazione non è un’invenzione dei preti

Questo articolo potrebbe risultare banale, o utile, dipende cosa rappresenta per voi il sacramento della riconciliazione. Meglio chiarirlo una volta per tutte. Il sacramento della riconciliazione, detto comunemente, confessione, non è un’invenzione della Chiesa come alcuni dicono. Anzi molte volte per il sacerdote diventa un grande sacrificio mettersi in seduto e ascoltare ore ed ore i peccati, e spesso anche i problemi della gente. Posso assicurarvi che non è cosa piacevole! Ma vediamo per bene cos’è e come è nato questo sacramento della riconciliazione:

Gesù Cristo disse agli Apostoli che a loro volta tramandarono questo comando ai loro successori: « I peccati di coloro ai quali li riterrete, saranno ritenuti, ed i peccati di coloro ai quali li perdonerete, saranno perdonati ».
Il ministro di Dio dunque perdona i peccati non a nome proprio, ma a nome del Signore.
Gesù Cristo non stabilì il tempo in cui si sarebbe dovuto chiedere l’assolu­zione sacramentale; ma poiché tanti non si davano pensiero di rimettersi nella grazia di Dio dopo la colpa, il Sommo Pontefice, Capo Supremo della Chiesa, stabilì, già da secoli: « Tutti i fedeli devono confessarsi almeno una volta l’an­no ». Chi non soddisfa a questo precetto ecclesiastico, si rende reo di peccato mor­tale.

Non basta confessarsi; è necessario confessarsi bene.

A volte ci chiediamo cosa serve per poter fare una buona confessione proprio come Dio comanda? Ecco i punti fondamentali per una confessione ben riuscita:
1° Pensare i peccati commessi.
2° Essere pentiti del male commesso.
3° Promettere di non peccare più, col fermo proposito di fuggire le occasioni prossime di peccato.
4° Manifestare al Sacerdote le proprie colpe, con umiltà e sincerità.
5° Compiere opere buone o la penitenza che impone il Confessore, come pegno dei pec­cati commessi.
Si è tenuti a confessare solamente le colpe gravi; i peccati veniali, o leggeri, è bene confessarli, ma non si è tenuti a farlo.
I peccati di pensiero si confessano co­me pensieri, le parole come parole e le azioni come azioni. Perciò chi dicesse: « Mi accuso di un cattivo pensiero con­tro la purezza » e volesse includere an­che il discorso disonesto o l’atto impuro, non si confesserebbe bene.

Il peccato mortale è come una valanga

Oltre al peccato mortale, bisogna con­fessare le circostanze che mutano la spe­cie di peccato, poiché un peccato, per cir­costanze particolari, potrebbe essere dop­pio ed anche triplo. Così, se un padre di famiglia pronuncia una bestemmia da­vanti ai figli, commette due peccati: il primo è la bestemmia ed il secondo è lo scandalo dato ai figli. Un peccato mortale infatti quasi sempre non è mai solo….E’ sempre circondato da altri. Un altro esempio:

Chiedo perdono a Dio anche dei pec­cati che non ricordo. –
I peccati confessati restano perdona­ti direttamente; quelli dimenticati sono assolti indirettamente. Se dopo la Con­fessione ci si ricordasse di qualche pecca­to grave, si resti tranquilli; è lecito acco­starsi alla Santa Comunione. Però alla prossima Confessione, ricordando il pec­cato tralasciato, c’è l’obbligo di confes­sarlo.
Chi nasconde volontariamente una colpa grave, o per vergogna o per altro motivo, non riceve il perdono di alcun peccato, anzi macchia la coscienza di un altro peccato gravissimo, che si chiama « sacrilegio »; se poi va a comunicarsi, raddoppia il sacrilegio. Meglio non con­fessarsi mai, anziché confessarsi male! La medicina lasciataci dal Divin Redentore diventerebbe veleno.
È molto pericoloso il dire: « Pecco … faccio quello che voglio … e poi mi con­fesserò! » Sarebbe questo un abuso della divina misericordia. Guai a sfidare la bon­tà di Dio! … Non si dimentichi che con Dio non si scherza!
Si mettano in pratica i consigli del Confessore, come si fa tesoro della ricet­ta che rilascia il medico del corpo.
Chi sa di essersi confessato male, o per aver taciuto un grave peccato o per mancanza di vero dolore e proposito, de­ve rifare le sue confessioni, a cominciare dall’ultima fatta bene.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 912 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

C’è un tempo per ogni cosa…

c'è un tempo per ogni cosa

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 912 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp