Annalisa Colzi

9 giorno di novena a San Giuseppe: esempio di uomo

Papa Francesco ci parla di San Giuseppe e dice: San Giuseppe è colui che cresce da padre il Figlio di Dio e lo accompagna alla maturità. San Giuseppe è sommo esempio di uomo che nulla prende per se stesso.

Francesco lo dice commentando l’odierno Vangelo di Matteo, in cui si legge di Gesù che nascerà da Maria, Sposa di Giuseppe. Il Papa ripercorre le emozioni di Giuseppe quando nella Madonna iniziano a essere «visibili» i segni della maternità: i «dubbi» dell’uomo, il «dolore», la «sofferenza», mentre incominciano a serpeggiare «le chiacchierone del paese». Giuseppe «non capì», ma è certo che sua moglie è «una donna di Dio», perciò decide «di lasciarla in silenzio». Non la accusa «pubblicamente». E ad un certo punto «intervenne il Signore»: con un Angelo, in sogno, che gli illustra come il bambino «generato in lei» provenga «dallo Spirito Santo». San Giuseppe non ha dubbi: «Credette e obbedì».

Il falegname combatte dentro di sé; e in quella battaglia interna, ecco la voce di Dio: «Ma alzati – quell’“alzati”, tante volte, all’inizio di una missione, nella Bibbia: “Alzati!” – prendi Maria, portala a casa tua. Fatti carico della situazione: prendi in mano questa situazione, e vai avanti».

San Giuseppe non cerca gli amici per sfogarsi e chiedere suggerimenti, non va «dallo psichiatra perché interpretasse il sogno… no: credette. È andato avanti. Ha preso in mano la situazione». Ma che cosa «doveva prendere in mano, Giuseppe? Qual era la situazione? Di quale cosa Giuseppe doveva farsi carico? Di due cose. Della paternità e del mistero».

San Giuseppe deve dunque «farsi carico» della paternità del Figlio del Signore. E questo s’intuisce già nella «genealogia di Gesù», in cui è chiaro come «si pensava fosse il figlio di Giuseppe: Lui si è fatto carico di una paternità che non era sua: veniva dal Padre. E ha portato avanti la paternità con quello che significa: non solo sostenere Maria e il bambino, ma anche far crescere il bambino, insegnargli il mestiere, portarlo alla maturità di uomo. “Fatti carico della paternità che non è tua, è di Dio”». E questo, «senza dire una parola. Nel Vangelo non c’è alcuna parola detta da Giuseppe. L’uomo del silenzio, dell’obbedienza silenziosa».

Preghiamo:

Ricordando la morte santa di San Giuseppe, fra le braccia di Gesù e di Maria, preghiamo per tutti i moribondi e perché la nostra morte sia dolce e serena come la sua. Con piena fiducia, ricorriamo a lui raccomandandogli l’intera Chiesa.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre.

Commenta con facebook
Condividi:
Ugo

Ugo

Sono la conferma che Dio sceglie lo scarto del mondo per confondere i sapienti e i superbi. Sono la conferma che Dio usa misericordia con chi accetta di essere sconfitto dal Suo Amore.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp