Annalisa Colzi
La mafia a Medjugorje

Monsignor Hoser: “La mafia a Medjugorje non ferma i buoni frutti”

Festival dei giovani, Medjugorje

La mafia a Medjugorje. L’opera del diavolo non ferma i frutti

Monsignor Hoser è partito per Medjugorje dove inizierà a breve la funzione affidatagli da Papa Francesco. Come visitatore apostolico cercherà le giuste soluzioni pastorali affinché la Chiesa cattolica possa meglio soddisfare le esigenze dei pellegrini medjugoriani. Prima della partenza per il suo nuovo compito pastorale, monsignor Hoser, ha celebrato la Santa Messa e, durante l’omelia ha parlato della mafia a Medjugorje: “Un altro posto dove c’è una lotta sempre più agguerrita tra il bene e il male è Medjugorje, dove sto per recarmi come inviato speciale del Santo Padre. A Medjugorje, da un lato troviamo migliaia di giovani che utilizzano il sacramento della penitenza e della riconciliazione. D’altra parte, dobbiamo essere consapevoli che, a causa del massiccio afflusso di pellegrini questo luogo è penetrata dalle mafie, tra cui quelle napoletane, che contano sui profitti”.

“In qualunque luogo io vada, e con me mio Figlio, là mi raggiunge anche Satana”

Satana lavora in tante maniere per smantellare l’opera di Dio. La Madonna nel messaggio del 28 gennaio 1987 dice: “In qualunque luogo io vada, e con me mio Figlio, là mi raggiunge anche Satana”. E naturalmente Satana si avvale di uomini per screditare Medjugorje. Non c’è solo la mafia a Medjugorje ma ci sono anche falsi veggenti che attirano i pellegrini distraendoli dal messaggio di Medjugorje.

La mafia a Medjugorje non è l’unico attacco a Medjugorje ma vi sono personaggi ambigui da cui stare alla larga. Satana cerca in tutti i modi di oscurare i buoni frutti di Medjugorje ma non ci riuscirà mai. E’ importante però fare molta attenzione e avere un sano discernimento.

Occorre tanta prudenza senza lasciarsi affascinare da nuovi veggenti

Il pellegrino che si reca a Medjugorje, secondo me, dovrebbe limitarsi a vivere i momenti di preghiera in parrocchia con la Santa Messa, l’adorazione, la preghiera del Rosario, la confessione. Salire sulla collina del Podbrdo, sul monte Krizevac. Ascoltare le testimonianze dei veggenti quando vi sono. Partecipare alle loro apparizioni quando possibile. Se rimane tempo recarsi in qualche Comunità riconosciuta dalla parrocchia. Queste sono le cose essenziali. Mi sembra inutile e dannoso girovagare alla ricerca dell'”effetto speciale” recandosi in luoghi dove si dice che vi è un veggente diverso dai sei che tutti conosciamo.

Non vi fidate di chiunque vi dica che parla con Gesù, con Maria, con i Santi. A Medjugorje vi sono solo sei veggenti: Ivanka, Mirjana, Vicka, Marija, Ivan e Jakov, gli altri sono falsi veggenti che cercano di distrarvi dall’evento Medjugorje.

 

Commenta con facebook
Condividi:

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

libro sul mostro di firenze

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.829 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

TRATTO DA EVENTI REALMENTE ACCADUTI

FILM IL RITO IN BLU RAY

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 18.829 altri iscritti

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp