Essere genitori una questione sempre più complicata

Essere genitori una questione sempre più complicata

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Essere genitori, alla ricerca dell’equilibrio

Essere genitori autorevoli o genitori autoritari? O forse, invece che essere genitori solamente, non sarà meglio essere anche amici dei figli?

Quanto è difficile essere genitori oggi! Abbiamo visto come sia in forte espansione il triste fenomeno dei giovani suicidi. Il suicidio giovanile è la seconda causa di morte dei ragazzi al di sotto dei vent’anni. Cosa manca ai giovani? Cosa manca oggi per essere bravi genitori? Certo, non esiste un modello prestampato per essere buoni genitori. Si sbaglia come figli e si sbaglia anche quando siamo genitori. Pur con coscienza di voler fare il meglio per i nostri figli.

Lasciamo stare i genitori-amici

Innanzitutto credo sia importante essere consapevoli della propria posizione. Credo che un genitore non debba mai porsi sullo stesso piano dei figli. E’ il fatto di essere genitore che impone un ruolo completamente diverso da quello del figlio. Il genitore non è il compagno di scuola o l’amico del figlio.

I cosiddetti genitori-amici, a scapito del ruolo, non fanno che creare confusione e incertezza nella mente e nella psiche già così fragile degli adolescenti. Se di fronte al genitore il figlio pensa di confrontarsi con un coetaneo, il ruolo genitoriale verrà irrimediabilmente a mancare.

essere genitori oggi è sempre più complicato

E per timore di perdere l’affetto dei figli, noi genitori spesso ci poniamo sullo stesso piano per dimostrare che siamo loro vicini, che con noi possono confidarsi. Vogliamo calarci al loro piano perché abbiamo paura che si allontanino. Il genitore arriverà ad implorare l’attenzione dei figli e i figli cercheranno da altre parti quei punti di riferimento che non troveranno in casa. I ruoli si sono invertiti, le regole non ci sono più. E allora?

E anche i genitori autoritari

Appurato (a mio parere) i ruoli diversi e che il genitore deve fare il genitore e non l’amico, bisogna anche non rischiare di essere genitori autoritari. I genitori non detengono il potere sui figli; non possono svilirli, imporre regole su regole dietro al “si fa così e basta!”, pena la ribellione anche violenta alla ricerca di libertà e autonomia.

Coscienti quindi dei ruoli diversi che impongono comportamenti diversi, non dobbiamo mai mancare di essere attenti e premurosi, capaci di ascoltare e di “perdere” tempo con loro. I figli, fin da piccoli, “bevono” ciò che vedono dai genitori.

Punti fermi

E l’esempio parte da come siamo noi. Se siamo onesti nel lavoro e nei rapporti; se siamo coerenti con quello che diciamo e facciamo. I figli vedono e capiscono benissimo se viviamo una vita conforme al nostro credo. Se manteniamo le promesse fatte. Se ammettiamo i nostri errori quando sbagliamo. Se sappiano chiedere scusa quando agiamo istintivamente e bruscamente. Se viviamo le nostre emozioni con loro, se stiamo bene con loro, se sono parte della nostra vita.

Essere genitori il rapporto genitori figli

E capiscono che il ruolo dei genitori è diverso dal loro. Perché il genitore è colui che mette i punti fermi, che delimita i confini, riuscendo a spiegare e a comunicare il “perché” di certe scelte e certi limiti. E quando nasce la ribellione, i genitori comunque sono sempre presenti. Perché lo sono stati fin da sempre. Sempre presenti, nella libertà dei figli di scegliere e anche di sbagliare.

Senza dimenticare la mano materna di Maria a cui li abbiamo affidati fin dal grembo materno.

Queste sono semplicemente considerazioni personali, su cui si può non essere concordi; non sono verità rivelate.

Ma se facciamo, o meglio tentiamo di fare un cammino cristiano alla sequela di Gesù, su una cosa non possiamo non essere d’accordo. Nel processo educativo e di crescita dei nostri figli, non può e non deve mancare la nostra preghiera quotidiana per loro. Una preghiera viva perché lo sguardo di protezione di Gesù non manchi mai.

E pregare con costanza per i propri figli non è certo l’ultimo dovere di noi genitori.

Giovanni

Avatar

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Articoli correlati

All’inizio della mia vita c’è Dio

All’inizio della mia vita c’è Dio

Ci vuole coraggio per recitare il PADRE NOSTRO

Ci vuole coraggio per recitare il PADRE NOSTRO

L’alfabeto delle anime purganti

L’alfabeto delle anime purganti

Monsignor Hoser: Medjugorje – L’Apocalisse è iniziata

Monsignor Hoser: Medjugorje – L’Apocalisse è iniziata

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, per ricevere i miei aggiornamenti.

Unisciti a 1.100 altri iscritti




Seguici su facebook

telegram esercito di maria