Annalisa Colzi
la porta stretta

La porta stretta mi basterà?

Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!»(MT 7,13-14)

Non sono mai stata brava in matematica, ma, leggendo questa parola mi viene in mente una di quelle proprietà dove x sta a y e roba simile.

Nel senso che, attraverso la porta larga ne entrano molti, attraverso quella stretta invece pochi ma soltanto quest’ultima conduce alla vita.

In sostanza se la porta larga conduce alla perdizione e molti sono quelli che vi entrano, ciò significa che, nel mondo, la percentuale dei “vivi” è davvero bassissima.

Se mi soffermo dovrei starci per ore davanti a questa parola perché il suo “avvertimento” è vitale, fondamentale, imprescindibile.

Ma come fare a trovare la porta stretta se davvero essa è appannaggio di pochi?

Si potrebbe ridurre la massa dei versetti semplicemente in questo: «Entrate per la porta stretta e quanto pochi sono quelli che la trovano!»

Detta così penso che chiunque desidererebbe trovarla al più presto questa porta eppure mi sembra di capire che non sia affatto semplice o desiderata.

Stretto è qualcosa di non comodo, che ci fa sentire co-stretti, impediti nei movimenti, quasi a toglierci l’aria. Pensiamo ad un vestito stretto, o a tutte le volte che diciamo….questa vita mi va stretta. Quante volte abbiamo affermato che gli amici o i fratelli in Cristo sono molto meglio dei parenti stretti. Quante volte la vita coniugale è desiderare la libertà piuttosto che pochi metri quadrati in cui si comincia a stare stretti.

Il letto ad una piazza? È stretto!

Il letto matrimoniale? È stretto!

Perché è vero, se sto da solo vorrei di più.

Se sono insieme all’altro mi manca il posto.

Ciò che è stretto è difficile.

porta stretta

Ha ragione la parola: NOI CERCHIAMO CIÒ CHE È SPAZIOSO!

La cosa curiosa che mi viene in mente è che, desiderando tutti lo spazio e la comodità per arrivarci, la gran parte delle persone che si trova in ambito largo erano quelli che si sentivano stretti, dunque, pian piano, ci si troverà stretti anche in un luogo apparentemente spazioso.

Faccio un esempio.

Ho conosciuto una coppia il cui marito, stanco della vita stretta con la propria moglie e incapace di portare il peso dei loro quattro figli (lui voleva sentirsi libero, comodo) cominciò a scalpitare per un desiderato spazio di autonomia e boccata d’aria dai normali limiti umani che ti offre una qualunque relazione nella differenza caratteriale, maschile e femminile di base. Cominciò così a varcare la soglia e a cercare i propri spazi manifestando, all’interno della sua vita stretta, grande insofferenza.

Non ce la fece a decidere di amare e volle passare per la via larga e spaziosa della libertà chiedendo la separazione. Nella sua fragilità non riuscì e cercò altri spazi, altre realizzazioni altre gratificazioni. La via larga non conduce alla riflessione vera e, tanto è grande la boccata d’aria che, riempiendo i polmoni tutto d’un fiato, spesso guida a soddisfare i propri impulsi. E così si legò ad un’altra donna!

Che strano….un uomo incapace di sostenere la relazione con un essere diverso da te, come potrà pensare di sostenerne un’altra quando la diversità, anche se diversa(gioco necessario di parole) uscirà allo scoperto e diventerà stretta come la prima?

Quando non sei capace di amare una volta non lo saprai fare una seconda, una terza e così via.

E comunque la passione ebbe la meglio.

E poi? Ma guarda un po’ ebbero un figlio, una bella bambina.

E come farà quello stesso uomo che a mala pena riusciva a gestire i figli del primo matrimonio a prendersi cura di un neonato e di tutte le implicazioni relazionali di tutti e cinque figli e le due mogli?

Dalla fuga della vita stretta all’approccio di una vita super complicata il passo è breve anche se spaziosa è la via per arrivarci.

Insomma si capisce bene quanto sia comune che pochi siano quelli che trovano una porta stretta da amare. Le strettezze non si desiderano ma gli avvertimenti di Cristo sarebbe bene ascoltarli.

C’è un tempo, nella vita, dove non sarà facile ed è probabile che molti falsi profeti cercheranno di portarti nella via larga fratello mio perché, spesso, chi ti dice “ti voglio bene” non vuole esattamente il tuo bene ma vuole confonderti. Del resto tu, a chi ti riportasse alla tua verità cosa risponderesti? Lasciami fare di testa mia!

C’è un’ ultima cosa:

Ci sarà un momento in cui sarai chiamato ad entrare nella porta stretta da solo e in quel momento non potrà esserci nessuno perché tuo Papà Dio aspetta soltanto te e neppure tuo marito con cui sei una sola carne, può aiutarti in questo passo!

Quella porta è personale e ti ci devi misurare.

Cammina fratello il sentiero della tua vita e desidera essere pronto per quella porta, piccola ma così tanto preziosa dove vedrai sempre sorgere il sole!

Commenta con facebook
Condividi:
Cristina Righi

Cristina Righi

Mi chiamo Cristina Righi, sono Umbra e vivo a Perugia. La mia vocazione è anzitutto essere moglie, poi madre di quattro figli e poi figlia di un Padre che mi venne a cercare e mi ha trovata!

Con mio marito Giorgio, proprio perché rinati nella coppia, serviamo a tutto campo la famiglia. In particolare io vivo l'accompagnamento spirituale alle persone ferite per donare la GIOIA e uscire dalla tenebra. Insieme a Giorgio siamo Padrini di battesimo di ben 41 figliocci.

LA VERGINE MARIA E IL DIAVOLO NEGLI ESORCISMI DI FRANCESCO BAMONTE

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Segui Annalisa su facebook

Facebook Pagelike Widget

Libri interessanti

gli uomini vengono da marte le donne da venere

Segui l’Esercito di Maria su facebook

Facebook Pagelike Widget

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 886 altri iscritti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

WhatsApp LogoContattaci su Whatsapp