Annalisa Colzi
amicizia vera

La vera amicizia fa a gara nello stimarsi a vicenda

Possiamo ancora parlare di vera amicizia? Quella nella quale si lotta non per avere il primo posto, ma per cederlo all’altro

La nostra amica Cristina Epicoco ci fa dono di una sua riflessione sulla vera amicizia, sulle difficoltà legate a questo tipo di rapporto e sulle parole dell’Amico per eccellenza: Gesù.

L’amore è la volontà di accogliere l’altro così come è, decidendo di amarlo per fondersi in quell’alterità affinché sia generato un noi.
L’amore non pretende, ma esige di trarre il meglio dalla meraviglia che già l’altro è ai propri occhi, portando all’esterno ciò che interiormente sorge come un talento.

ma dell’amico ne vogliamo parlare?

Più scrivo e meno è facile perché, ad esempio, io non ho avuto la cosiddetta amica del cuore o amica preferita che, spesso, invece è anelata da ogni fanciullo.
Per molti, altresì, l’amicizia, può essere stata fonte di sofferenza perché, alcuni trovavano, anche a prezzo di affamate conquiste, l’amico del cuore, mentre altri ne rimanevano sprovvisti tanto da “accattonare” amicizie magari non desiderate, piuttosto che rimanere senza!
Spesso i primi amici sono quelli che hanno prodotto le ferite della vita perché, da loro, partivano le peggiori critiche, le sfide e la necessità di essere un giullare per attrarre le simpatie. Una specie di elemosina d’amore nel corredo amicale presente.

la vera amicizia fa a gara nello stimarsi a vicenda

I nostri quattro figli hanno spesso sperimentato questo “sgomitare” alla ricerca d’attenzione nel periodo scolastico tanto che, sovente, mi veniva riferito dai docenti, di un comportamento “clownesco” nei confronti dei compagni.
Spesso mi sono anche domandata quanti clowns ci potessero essere in una classe tenendo presente la necessaria contagiosa emulazione tra gli adolescenti.
In realtà ciò veniva confermato dagli stessi professori che concludevano nella generica affermazione «sono tutti uguali questi ragazzi».
Come mai in sostanza, tanti di noi, hanno dovuto essere “pagliacci” per poter attrarre amici? E’ questa la vera amicizia?

è faticoso stringere amicizie

Si definisce l’amicizia come il “reciproco affetto costante e operoso tra persona e persona, nato da una scelta che tiene conto della conformità dei voleri e dei caratteri e da una prolungata consuetudine”.
L’amicizia si fa.
L’amicizia si stringe.
L’amicizia si costruisce.
L’amicizia si guasta.
L’amicizia si rompe.
Il primo vero rapporto da costruire, dopo quello naturale coi genitori e coi fratelli è proprio l’amicizia.
È faticoso stringere amicizie.
Quante volte noi adulti abbiamo avuto, per i nostri figli, la preoccupazione delle amicizie giuste o sbagliate, sane o delinquenziali. Conosco abitudini meridionali in cui la prima domanda che si pone, riguardo ad una nuova conoscenza è: “di chi è figlio?” come dire “da quale famiglia viene l’amico che frequenti?”.
Spesso infatti l’uomo, per risolvere sbrigativamente la faccenda dell’amicizia, ha preferito affermare che il cane è il miglior amico dell’uomo.

un amico fedele è una protezione potente

Che fatica l’amicizia! Che fatica vivere una vera amicizia!
Eppure c’è un amico speciale, davvero l’amico del cuore di ciascuno di noi, che afferma con autorevolezza:
«Un amico fedele è una protezione potente. Chi lo trova, trova un tesoro. Per un amico fedele non c’è prezzo, non c’è peso per il suo valore. Un amico fedele é un balsamo di vita, lo troveranno quanti temono il Signore. Chi teme il Signore è costante nella sua amicizia perché, come uno è così sarà il suo amico…» (Sir.6,14 ss).

dai tuoi amici guardati

E ancora, in un piccolo passo indietro, Gesù, il nostro Amico degli amici, parla del nemico, piuttosto che dell’amico e addirittura di un amico che si tramuta in nemico.
Cerchiamo di capire cosa vuol dirci Gesù!
Se andiamo ai versetti dal 5 al 13 del medesimo capitolo del Siracide si recita:
«Una bocca amabile moltiplica gli amici, un linguaggio gentile attira i saluti.
Siano in molti coloro che vivono in pace con te ma i tuoi consiglieri uno su mille.
Se intendi farti un amico, mettilo alla prova; e non fidarti subito di lui.
C’è infatti chi è amico quando gli fa comodo ma non resiste nel giorno della tua sventura.
Nella tua fortuna sarà come un altro te stesso, e parlerà liberamente con i tuoi familiari. Ma se sarai umiliato si ergerà contro di te e dalla tua presenza si nasconderà.
Tieniti lontano dei tuoi nemici, e dai tuoi amici guardati».

chi è l’amico per me?

Molti nostri “amici” Santi stringevano bellissimi rapporti tra loro, di vera amicizia. Sentiamo cosa diceva San Gregorio Nazianzeno del suo amico San Basilio:
«Ci muoveva lo stesso desiderio di ottenere ciò che c’è di più desiderabile: la scienza.
Non avevamo invidia, ma valorizzavamo l’emulazione. Entrambi lottavamo, non per vedere chi raggiungeva il primo posto, ma per cederlo all’altro. Ciascuno considerava la gloria dell’altro come propria».

La vera amicizia fa a gara nello stimarsi a vicenda

Ecco allora alcune domande che dobbiamo porci:
Chi è l’amico per me?
Che amico sono io per l’altro?
Ho una bocca amabile?
Ci sono bocche amabili verso di me?

Dice ancora un grande Santo:
“Ama tutti gli uomini con un grande amore di carità cristiana, ma non stringere amicizia se non con quelle persone la convivenza con le quali possa darti beneficio, e quanto più perfette sono queste relazioni, tanto più perfetta sarà la tua amicizia”.
“Al mondo è necessario che coloro che si dedicano alla pratica della virtù si uniscano con una santa amicizia, per esortarsi a vicenda e mantenersi in questi santi esercizi” (San Francesco di Sales).

taglia ciò che ci nuoce

Come vediamo, i nostri amici Santi non erano certo dei buonisti, anzi, severamente è come se ci dicessero: “taglia ciò che ti nuoce!”.
Ecco allora ciò che muove tutto: la carità!
Solo l’affettività cercata con carità, e dico cercata perché dobbiamo chiederla, potrà muovere l’amicizia e tutto ciò che deriva da essa.
I nemici ci saranno, di tutti i generi, ma dovremo intenderli come i nostri pensieri di “inimicizia”.
Quando mi chiederò che tipo di amico sono per l’altro dovrò necessariamente partire dai miei pensieri.
Se avrò sentimenti ed emozioni amicali, i miei saranno veri amici e la mia sarà vera amicizia!
Se avrò sentimenti ed emozioni d’inimicizia i miei saranno i nemici!
E viceversa, ovvio che vale anche per gli altri!

0ccorre essere amici prima che sposi?

Così, vorrei concludere con la sponsalità.
Occorre essere amici prima che sposi?
Certo che sì! Perché tutto ciò che ha a che fare con l’alterità e con l’affettività, dunque qualsiasi relazione, passa prima per un rapporto amicale.

Dice Papa Francesco nell’Amoris Laetitia al n.120:
“La carità ė l’amore che unisce gli sposi, santificato, arricchito e illuminato dalla grazia del Sacramento del matrimonio. È un’unione affettiva, spirituale e oblativa che però raccoglie in se la tenerezza dell’AMICIZIA e la passione erotica, benché sia in grado di sussistere anche quando i sentimenti e la passione si indebolissero”.

E infine al n.127:
“L’amore di AMICIZIA si chiama CARITÀ quando si coglie e si apprezza l’alto valore dell’altro”.

Questo accade nel matrimonio.

Che amico sono io per te, fratello che il Signore ha messo sulla mia strada?
Che amico sono io per te sposo o sposa della mia vita?

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

/* ]]> */