Annalisa Colzi
denuncia

Ubriaco a 14 anni, la mamma denuncia chi l’ha fatto bere

La schifosa legge del branco

“non vuole che sporga denuncia per paura di essere deriso”

«Prima ti chiedi dove hai sbagliato poi dopo, solo dopo, ti rendi conto che là, fuori, c’è chi non rispetta le regole e che nessuno interviene per punire certa gente. E questo è inaccettabile».

Sabato notte Laura – nome di fantasia – e suo marito hanno vissuto ore di angoscia: hanno trovato il loro figlio, appena quattordicenne, in mezzo ad una strada in stato confusionale dopo aver bevuto cocktail alcolici a base di vodka, «tre o quattro mi ha poi detto» e tre bottiglie di birra. «Gridava frasi senza senso, stava male. Lo abbiamo portato a casa: è svenuto. Abbiamo avuto paura: non reagiva a nessuna sollecitazione. Poi grazie alle cure del medico di famiglia la situazione è migliorata. Lo abbiamo sottoposto ad alcuni esami clinici: sono emersi problemi al fegato, dovranno fare degli approfondimenti. Ha solo 14 anni…».

Laura sospira: ha la voce rotta. Scuote la testa più volte. «È come se lo avessero avvelenato, mi è stato detto da uno specialista. Lui, adesso, sta meglio, ma ha paura e si vergogna. Paura e vergogna di noi, ma anche dei suoi amici – continua la mamma – che lo hanno lasciato solo in quelle condizioni. Ma la colpa principale è evidentemente di noi genitori: abbiamo sempre privilegiato il dialogo, mai una punizione, in famiglia si parla di tutto. Eppure non è servito a niente, purtroppo. E quindi abbiamo sbagliato qualcosa.

Lunedì scorso, di fronte al suo mutismo in risposta ai nostri perchè ho perso la pazienza e gli ho dato uno schiaffo. Ho sbagliato, lo so – racconta Laura – però devo capire. Dobbiamo capire. E non sto drammatizzando un bel niente. Mio figlio ha camminato lungo l’Aurelia, di notte, in stato di semi- incoscienza: poteva finire travolto da un’auto. Si ricorda di una moto che ha frenato a due passi da lui».

Laura ritorna a sabato sera, ai momenti che hanno preceduto l’uscita del figlio da casa. «La scorsa estate era andato ad una festa sul mare con alcuni amici: si ubriacarono tutti. La birra l’avevano comprata in un supermercato – ci aveva poi raccontato – un loro amico più grande, non ancora maggiorenne. Nessuno, alla cassa, aveva chiesto a quel ragazzo un documento. “Fanno tutti così, se vuoi fregarli non c’è problema. Mandi uno che sembra 18enne ed è fatta: ma a me non riaccadrà più” disse allora mio figlio. Non abbiamo sottovalutato l’episodio, io e mio marito, ma abbiamo anche cercato di dargli il giusto peso.

Fino a sabato scorso: l’ho accompagnato in auto all’appuntamento con gli amici fissato per le 9 di sera. Sarebbe tornato mio marito a prenderlo per le 11 e mezzo. In tasca aveva 10 euro. Ma alle 11 e mezzo, non c’era. Mio marito ha cominciato a cercarlo, a chiamarlo al telefonino che suonava però a vuoto. A chiamare un suo amico che aveva il cellulare staccato. Lo ha cercato in lungo e largo a piedi: ha incontrato due suoi compagni di classe, ma non avevano idea di dove fosse finito.

Avvisata ho raggiunto mio marito: abbiamo fatto alcuni giri con l’auto, via Aurelia, la Sarzanese, via Marconi. Siamo tornati a casa. Niente: il cellulare continuava a squillare a vuoto. Stavamo per chiamare la Polizia, perchè era quasi l’una: poi ce lo siamo ritrovati davanti, lungo il viale Apua. Stava cercando di tornare a casa. La nostra abitazione sta in tutt’altra zona di Pietrasanta».

Laura sospira di nuovo: in scia un filo di voce. «Ci ha poi raccontato che lui e i suoi amici avevano trascorso la serata davanti ad un bar che vende senza troppi problemi anche ai minori e che hanno cominciato a bere appena si sono incontrati. Uno di loro aveva portato un cartone di birre il resto se lo sono comprato: evidentemente roba alcolica a due spiccioli. Ci ha confessato che era già accaduto in passato, non ce ne eravamo accorti, e che “fanno più o meno tutti così. Che se non fai così, se resti sobrio fai la figura dello stupido e ti lasciano solo” sono state le sue parole.

E allora ci chiediamo: ma questa o queste persone che vendono alcool ai minori si rendono conto del danno che possono procurare a dei ragazzini? Lo sanno o non lo sanno che infrangono la legge? E ancora: se dei ragazzini sanno che in un determinato bar possono bere alcool senza alcun problema possibile mai che chi di dovere, mi riferisco alle istituzioni, agli organi di controllo, non ne siano a conoscenza e non intervengano cogliendo sul fatto questo esercente?»

«Mio figlio non vuole che sporga denuncia al barista; ha paura che i suoi amici lo deridano e lo mettano in disparte. È la schifosa legge del branco. Ma io e mio marito andremo a parlare con il titolare del bar, nei tempi e nei modi dovuti e cercando di non coinvolgere il ragazzo e poi, successivamente, lo segnaleremo a chi di dovere. Serve l’esempio. Serve il pugno duro e lo dice una che da sempre è stata per il dialogo. La stragrande maggioranza degli esercenti è seria e consapevole del proprio ruolo, ma se ci sono delle eccezioni e vanno perseguite. Mettendoli nelle condizioni di non nuocere di più. Non puoi rischiare la vita di tuo figlio per l’irresponsabilità altrui. Non andrà sempre bene e allora è giusto e doveroso agire con fretta e senza sconto alcuno per chi sbaglia».

Luca Basile

http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2015/05/14/news/ubriaco-a-14-anni-la-mamma-denuncia-chi-l-ha-fatto-bere-1.11418955

OCCORRE CAPIRE I MECCANISMI CHE SPINGONO I GIOVANI AD UBRIACARSI E AD ASSUMERE DROGHE. PER QUESTO MOTIVO VI INVITO TUTTI, SOPRATTUTTO I GENITORI A PARTECIPARE ALL’INCONTRO CHE FARO’ A MANTOVA LUNEDI’ 25 MAGGIO 2015

2 volantino

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

3 commenti

Rispondi

  • Annalisa, perchè non riesco più a copiare i tuoi articoli?
    Riguardo all’alcol venduto ai giovani, è solo uno dei tanti aspetti del degrado sociale: mi sto interessando all’azzardo, definirlo gioco è offensivo, che distrugge tante persone. questa sera ospiteremo l’avvocato Gianfranco Amato che ci informerà sulla teoria gender, oggi non più teoria visto che mamma e papa sono diventati genitore 1 e 2. l’onestà sociale, la politica,… spero che papa Francesco nel suo prossimo documento sull’ambiente scriva qualcosa anche sull’ambiente sociale. quando ci sarà un risveglio cristiano?
    Gesù direbbe quando tornerò troverò ancora la fede sulla terra?

  • Ho tolto momentaneamente la funzione di copia incolla, anche se è possibiel sempre stampare gli articoli. Presto ritornerà la funzione. Un abbraccio Daniele

  • Partiamo dalla definizione di amico. Non sono amici quelli che si comportano lasciandoti solo nel momento del bisogno. Non sono amici quelli che ti deridono se non commetti ca..volate. Sono pessimi esempi da NON imitare. Ci sono passato anche io. Ma avendo sempre avuto un carattere fortissimo io non ho mai fumato, nemmeno sigarette. Non ho mai bevuto se non che una birra (ed ho aspettato i 18 anni per bere la mia prima birra). Il vino ho iniziato ad apprezzarlo solo negli ultimi 4 anni. Ogni tanto. Nemmeno tutti i giorni. Magari accompagnato ad una buona cena. Torniamo ai falsi amici. Cari giovani, dovete capire che volendo appartenere a QUEL branco, appartenete solo ad un branco di ANIMALI. Perdere brutalmente il controllo di voi stessi non vi rende nè più uomini (al contrario vi rende FANTOCCI nelle mani altrui) nè più “fighi”. Per le droghe, il discorso è pari. Identico. Siete dei DEBOLI. Perchè non vi dedicate DAVVERO a trovare i talenti nascosti in voi stessi? ad esempio, cantare, disegnare, scrivere e così via…e coltivate questi talenti facendoli diventare prima hobby e poi, chissà. Diventate uomini. STUDIATE. Perchè più ignoranti siete e più resterete vittime del mondo. E per studio intendo proprio tutte le materie scolastiche. Matematiche ed umanistiche. Ricordate … più ignoranti rimarrete e più sarete FANTOCCI nelle mani dei potenti. E soprattutto studiate la storia. NON imparatela dai romanzi (ad es. quelli di Dan Brown per ciò che concerne la religione. La stragrande maggiornaza di informazioni è FALSA o manipolata). Studiate dai libri di storia ufficiali scolastici. Studiate la vostra madrelingua perchè NON LA COMPRENDETE NEPPURE A FONDO ! E veniamo ai genitori. Che ci fa un ragazzino di 14 anni in giro di notte ? si… è ora di tornare a dei coprifuoco più ragionevoli. Ed aiutate i vostri figli a trovare dei veri amici. Non lasciate che se li scelgano passivamente perchè SEMPRE vengono travolti dai BRANCHI, Dove di amico non ve n’è nemmeno uno. Il dialogo è giustissimo. Ed altrettanto le punizioni. Non si faccia scrupolo di coscienza, per un ceffone, la madre di cui sopra. A volte anche quello è necessario per educare efficacemente. Genitori moderni…PIANTATELA di essere troppo permissivisti. Osservate ciò di cui si nutrono i vostri figli…fumetti…canzoni…libri…osservate. Perchè ciò di cui si nutrono …se lo ritrovano nell’animo. E fatevi un esame di coscienza… ripeto..che ci fa un ragazzino di 14 anni in giro di notte ? E’ DURISSIMA per un giovane essere deriso e non riuscir a farte parte di un gruppo. Aiutateli a capire chi sono. Solo capendo chi sono essi stessi, i vostri giovani si fortificheranno. Io ho preferito…già dai 22 anni allontanarmi da tutte le compagnie. Finchè ora…a 40 anni… ho amici ed amiche…e so perfettamente a chi dar più credito e a chi non dar credito affatto. Sono stato spesso solo all’inizio. Ma meglio così piuttosto che assieme a dei deficienti (in senso etimologico..dal verbo deficere) che si drogano…si ubriacano come massimo divertimento della vita. Io ho riempito la mia anima di conoscenze. Ho studiato per diletto, non solo per obbligo scolastico. Mi sono appassionato di milioni di cose. Arte (pittura, scultura), cultura, astronomia, letteratura, musica…e così via. Ho riempito la mia vita ed ho capito quali9 sono i miei talenti. Ho capito chi sono. Ed in tutto ciò so che cmq ho sempre bisogno di Dio. E soprattutto Lo ringrazio per le stupende cose che ha creato e di cui noi siamo solo degli scopritori. Ora so chi sono e cosa voglio. Ho un bel lavoro, ottenuto con tanta tanta tanta fatica. IO LA NOIA NON SO NEMMENO COSA SIA. Non ho bisogno di diventare vandalo…o di drogarmi…o di bere. So fare di ogni mio giorno qualcosa di bello. Aiutate i vostri figli a fare lo stesso. Ed educateli a pregare ! NON ABBIATE PIU’ PAURA DI SEMBRARE BIGOTTI. Quando vi tacciano di esser bigotti, antiquati… sono solo SCUSE per copire il trionfo dell’Io che il diavolo ha sempre voluto. L’esaltazione dell’essere umano che (secondo i modernisti) può fare TUTTO senza Dio. Secondo loro l’uomo è il Dio di sè stesso. Di cose da dire ve ne sarebbero tante. Sto divagando. Auguri alla mamma disperata e ad Annalisa per l’opera che sta svolgendo. E perdonate la mia prolissità.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: