Annalisa Colzi

Troppo povera per essere madre…

Ha rifiutato di abortire e ha scelto di tenere il bambino

ma è troppo povera…

by admin

Credo ci sia poco da aggiungere, sperando inoltre che dietro non ci sia nulla… (chiedo perdono se mi possa anche venire il sospetto che dietro questa triste vicenda ci sia qualcosa di poco chiaro e non sto parlando della povera mamma…)

Troppo povera per essere mamma: il tribunale le toglie il bambino

Aveva appena dato alla luce suo figlio. Nonostante si trovasse in una situazione difficile, nonostante il suo reddito mensile fosse di soli 500 euro: la giovane trentina ha rifiutato la possibilità di abortire e scelto non solo di portare a termine la gravidanza, ma di tenere con sé il bambino e crescerlo. Una scelta coraggiosa, ma non irrazionale. Consapevole di quanto sia difficile crescere un figlio in una situazione economica precaria, la ragazza ha chiesto un affido condiviso, una procedura che consente a genitori in difficoltà di farsi aiutare da un’altra famiglia nell’allevare il bambino.

La madre verrà “studiata” per mesi per accertarsi che sia in grado di rivestire il ruolo di genitore

Il Tribunale di Trento, però, ha deciso diversamente: senza nemmeno interpellarla, ha dato il via alla procedura di adottabilità. Come se il piccolo fosse stato abbandonato dalla madre alla nascita. La mamma ha immediatamente chiesto di parlare con i giudici, ma è stata ricevuta solo a distanza di un mese. Il risultato? Il giudice ha avviato una perizia sulle capacità genitoriali della madre. In pratica, la madre verrà “studiata” per mesi per accertarsi che sia in grado di rivestire il ruolo di genitore e solo di fronte al giudizio finale del tribunale potrà riabbracciare suo figlio. Una procedura solitamente riservata a casi gravi, come violenze domestiche.Va sottolineato che la donna non ha mai avuto episodi di tossicodipendenza ed è assolutamente incensurata. L’unico motivo per cui le hanno tolto il bambino sono le sue limitate risorse economiche.

La vicenda è stata resa nota dallo psicologo Giuseppe Raspadori, consulente del Tribunale di Trento, che senza mezzi termini ha commentato: “L’affidamento a terzi di un minore è un’ipotesi che dovrebbe essere perseguita per gravissimi ed eccezionali motivi. I procedimenti con cui il Tribunale dei minorenni separa i bambini dalle madri in nome dell’incapacità genitoriale sono un abuso scientifico”.

Davanti alla difficile crisi economica che ha colpito quasi tutti i lavoratori, viene da chiedersi in quanti rischiano di fare la fine della mamma di Trento. E soprattutto se questo significhi davvero agire per il bene dei bambini… Con tanto parlare di “diritto alla vita” e “valori della famiglia”, allo stato non spetterebbe aiutare, invece di negare?

E’ vero, l’amore non basta. Ma non è forse la cosa più importante, in una famiglia?

Articolo da: http://mammaoggi.it/troppo-povera-per-essere-mamma-il-tribunale-le-toglie-il-bambino/

Immagine da: http://www.my-personaltrainer.it/Foto/Lacrimazione/lacrime_femmine_maschi.html

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Aggiungi commento

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 284 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

App Ufficiale Android

Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 284 altri iscritti

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes

/* ]]> */