Annalisa Colzi
istigazione

Scopri le differenze…

Istigazione al suicidio

ditemi voi dove sta la differenza

L’istigazione del prefetto e l’istigazione dei cantanti

Rimosso il prefetto di Perugia a tempo di record dopo le frasi choc sui giovani e la droga. Intervenendo ad una conferenza stampa Antonio Reppucci aveva detto: «Se una madre non si accorge che il figlio si droga dovrebbe suicidarsi». Il premier Renzi: «Non può stare al suo posto».

Mai vista tanta celerità come in questo caso da parte delle Istituzioni…

rimozione del prefetto

… Dopo aver sentito le parole del prefetto il presidente del consiglio Matteo Renzi si è detto «furente». E a stretto giro è intervenuto anche il ministro dell’interno Angelino Alfano annunciando la rimozione del prefetto. «Ho sentito le sue dichiarazioni, sono gravi e inaccettabili. Non può restare lì nè altrove. Assumerò immediati provvedimenti». «Le frasi del Prefetto di Perugia sono inaccettabili, specie per un servitore dello Stato. Sono grato al Ministro Alfano per l’intervento» ha twittato poco dopo Matteo Renzi ufficializzando la rimozione del prefetto… 

Dichiarazioni gravi e inaccettabili… leggo, rifletto e poi mi tornano in mente alcuni testi di canzoni…

i nostri bei cantanti

Ci sono cento modi per morire, funzionano tutti se in giro vedi un ponte, cazzo fai, non ti butti?
il modo migliore per morire è con la droga un mix di pasticche, eroina e altra roba…

Ma guarda un po’ cosa canta il nostro amico Fabri Fibra… Non vi sembra un’istigazione al suicidio? E leggiamo un testo dell’amico Emis Killa, altro cantante rap…

…Diretto al bar, zero, vodka e lemon soda bevo jack e coca… sapessi che coca. meglio non mischiare gin rum sangria che poi finisce tipo “bim bum bam” via. rivoluzionario alcolico, bevo molotov e poi le sbocco sul posto di blocco. uno shot due shot tre shot baby e il posto mi gira attorno tipo rock steady, so crazy, sono fuori. come jay-z, butto giù butte finché mi buttan fuori al ritorno se uno stronzo mi fa la perquisa ho più gradi io in corpo che lui sulla divisa…

Questa canzone mi sembra una vera e propria istigazione ad ubriacarsi e ad assumere cocaina (… sapessi che coca…)

A questo punto leggiamo anche due testi del cantante più amato dai giovanissimi: Eminem.

Seguitemi e fate esattamente quello che dice la canzone: fumate erba, prendete pillole, marinate la scuola, uccidete la gente e bevete.

Prendo sette — da — e li metto tutti in fila. Aggiungo un AK 47, un revolver, una calibro 9, un mack 11 e un fucile d’assalto, un mio problema: un bullo di vecchia scuola e sparo a tutti in una volta sola.

Quindi i sopracitati cantanti utilizzano la musica per istigare i giovani a suicidarsi, drogarsi, ubriacarsi e diventare assassini.

DOMANDONE FINALE: COME MAI LE ISTITUZIONI NON LI HANNO ANCORA RIMOSSI DAL LORO INCARICO DI DISTRUZIONE DELLE MASSE?

COME MAI? SE VOGLIONO ABBIAMO VISTO CHE LO FANNO, QUINDI NE DEDUCO CHE… NON VOGLIONO INTERVENIRE, ANZI SONO BEN FELICI DI OSPITARLI NELLE LORO CITTA’ E, OVVIAMENTE, IN TELEVISIONE.

Annalisa Colzi

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

12 commenti

Rispondi

  • Tutta la mia solidarietà’ al Prefetto se non altro per avere detto espressamente come la pensa. Certo che dietro a questi fenomeni in escalation in Umbria, qualche mancanza della famiglia c’è’. Comunque la prassi della rimozione immediata per il prefetto o questore che “sbaglia” e’ una prassi consolidata da lunga data nel Ministero dell’Interno.

  • appena letto l’articolo l’ho mandato a Matteo Renzi dichiarandomi offesa a nome di tutti i genitori,e non credo di essere stata la sola.
    Non dico che è merito mio,ok? dico solo facciamolo sempre!
    Un politico vicino alla gente,non è quello che sta sempre in mezzo,ma quello che viene informato su quello che succede.
    Dalla sua risposta ho visto che (almeno stavolta) Matteo c’è stato.

  • Chissa’ cara omonima se Alfano o Renzi conoscono questobtesti tanto amati e ascoltati dai giovani.
    Il procuratore sara andato giu pesantevma msi vome canzoni perchevnon le mandi sgli “indignati”politici Renzi e Alfano?

  • Sei un pessimo amministratore e fai carriera.
    Dici una scomoda verità e ti esautorano.
    Mai NSGC fu tanto arrabbiato come contro l’ipocrisia!

  • Tutto ciò è squallido, ma la dice lunga sui politici che non amano contrastare le lobby, sopratutto quelle mediatiche, mentre se la prendono con i servitori dello stato per una minima dichiarazione fuori dal coro … E’ ovvio che il prefetto voleva dire una iperbole per denunciare il fatto che è più comodo fare gli STRUZZI e nascondere la testa sotto la sabbia che affrontare le proprie responsabilità educative; usando lo stesso metro i personaggi che tu hai citato andrebbero processati per istigazione di minore.. invece sono messi in mostra e osannati: mi sembra che satana abbia un bel pò di adoratori…

  • il fatto è che IL SOLITO intelligentone risponderebbe:
    SONO SOLO CANZONETTE!..

  • Che tristezza . Se Annalisa e noi denunciamo messaggi di incitamento all’uso di droghe e suicidio siamo integralisti cattolici che attacchiamo i progressisti,; loro possono cantare quello che vogliono perchè troppi denari circolano in quegli ambienti. vedono solo i denari del Vaticano. Complimenti a Renzi di vero cuore , ma d’altronde con il 40 % di consensi si puo fare questo e altro. E’ proprio il caso di dire : Vieni presto Signore Gesù a sistemare tutti i demoni che ci sono in circolazione.

  • Cara Annalisa,
    consentimi di dissentire. Non mi addentro sul fatto se il Governo abbia fatto bene o male a rimuovere quel prefetto, ma vorrei dare una spiegazione al tuo “domandone” finale. Il Governo non rimuove alcun cantante dal loro incarico perché, semplicemente, non può farlo in quanto nessuno di loro svolge un incarico istituzionale (nessuno di loro, cioè, è dipendente dallo Stato) mentre il prefetto dipende direttamente dal Ministero dell’Interno. La sola cosa concreta che il Governo potrebbe fare contro certi cantanti sarebbe applicare la censura ma, se facesse ciò, verrebbe fatto un primo passo contro il diritto alla libertà di pensiero e di espressione; proprio come già accade in tanti paesi del mondo e che, francamente, penso non dovremmo prendere ad esempio come l’Iran, la Cina, la Corea del Nord, l’Afghanistan dei talebani ed altri ancora. Fra l’altro, alla fine, anche censurando, il problema non verrebbe risolto: lo insegna la storia. Ad esempio, ll proibizionismo, in America, non risolse il problema dell’alcol. Ti faccio un esempio che spero non venga giudicato né da te, né da altri, “blasfemo”. L’uomo, da sempre, si interroga sul perché Dio permetta che vi sia il male. In effetti, essendo Egli onnipotente, potrebbe sdraricarlo dal mondo in qualsiasi momento ma allora perché lo tollera? La teologia cristiana , e dunque non solo quella cattolica, da sempre, spiega tale problematica attraverso il concetto di “libero arbitreo”. In sostanza, Dio, che è amore assoluto, né pratica il male, né vorrebbe fosse commesso, anzi, chiama tutti noi alla santità, tuttavia, proprio perché ci ama, ci lascia liberi di scegliere quale strada seguire. Dunque, se Dio ci dà questa libertà, perché non dovrebbe farlo anche lo Stato? Il cattivo esempio dato da certi cantanti (e non solo loro) lo si combatte all’opposto e cioè dando il buon esempio, impartendo giusti valori. Se molti giovani si lasciano sedurre da certe influenze davvero fin troppo cattive, la colpa è anche, e soprattutto, di chi non ha saputo dal loro una giusta educazione. Ebbene, la buona educazione la si crea all’interno di un contesto familiare sano, purtroppo, però, sempre più carente. Su questo, sì, che le istituzioni andrebbero criticate. Alla base della profonda crisi etica e morale che ammorba il mondo c’é la crisi della famiglia. Non è, però, la censura a risolvere certe problematiche, né si può chiedere al Governo che vengano stilate liste di proscrizione.

  • Ma se io, Annalisa, che non ho nessuna carica istituzionale dico a tuo figlio di andarsi a fare una striscia di coca perchè fa bene, tu che mi dici? Mi accusi di aver istigato tuo figlio ad assumere droga o lasci che la mia libertà e creatività possa esprimersi? In fondo se a me la coca sembra una cosa buona sono libera di pubblicizzarla. O no?

  • Penso che questi cantanti siano un pessimo esempio, basta vedere l’ultimo video di Fabri Fibra.

  • Caro Edoardo, se un chirurgo trova un tumore fa di tutto per curarlo , altrimenti lo estirpa con il bisturi. Certo , è giusto che i primi siano le famiglie ad insegnare ai figli, ma se io insegno loro una cosa ed il circuito mediatico che è molto potente continua anche subliminalmente ad insegnare loro un’altra cosa sai bene anche tu( senza dire a me che non sono capace di educare) che hanno gioco facile. per questo che lo Stato dovrebbe intervenire , anche perchè a volte è intervenuto su tante cose in cui avrebbe fatto meglio a stare zitto. Detto questo, seguendo il tuo consiglio lasciamo che il male faccia il suo corso democratico , noi continuamo ad insegnare ai nostri figli il bene e sopratutto affidiamoli alla materna protezione di Maria. offro a Maria anche il tuo di pensiero ( anche perchè non ho capito bene che discepolo di Cristo sei)

  • La tristezza più grande è che in certi ambienti , si fa passare questo modo di esprimersi in musica come cultura.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: