Annalisa Colzi
preghiera del santo rosario

La stupenda preghiera del Santo Rosario ci dona la santità

Gesù fa entrare in noi i frutti dello Spirito per mezzo di Maria

con la preghiera del Santo Rosario

Una bella riflessione di Andrea Palmentura sulla preghiera del Santo Rosario. Una preghiera che riesce a rivelare i gemiti inesprimibili dello Spirito Santo, conducendoci alla santità.

“Vado a pregare il Santo Rosario”. Magari è pomeriggio… il solito orario… già… a dirlo sembra una frase fatta e in effetti lo è. Sì, ma è una frase fatta con il cuore, perché è il cuore il luogo dove il Rosario merita di essere pregato; ed è il cuore il luogo dove tale preghiera acquista la sua massima efficacia e la sua massima dignità.

Gesù ci ricorda che, quando compiamo qualcosa di malvagio, è dal cuore che “nascono le intenzioni cattive” (Mt 7,21). La preghiera del Santo Rosario invece ha esattamente l’obiettivo opposto. Quello di far nascere intenzioni buone, alimentare pensieri belli e coltivare sentimenti puri, che pongono al centro un grande desiderio: quello della santità.

il Rosario ispira desideri santi e di santità

Il Rosario non è “Santo” solo perché fa riferimento a Dio o alla santità eccellente di Maria; o ancora perché preghiamo “qualcosa di santo”; il Rosario è tale anche perché dispensa e ispira desideri santi e di santità. E questi desideri, questi sentimenti, questi “gemiti inesprimibili” (Rm 8,26) dello Spirito sono espressi e pregati uno dopo l’altro, consecutivamente, come una collana di rose, appunto un “rosario”.

preghiera del Santo Rosario

recitare il Santo Rosario è frequentare Gesù e Maria

Ma la preghiera del Santo Rosario è anche abituarsi alla più bella delle compagnie: quella di Gesù Cristo e di Sua Madre. E’ volerli far entrare nella propria vita; è uscirci insieme, avendo sempre come punto di incontro il cuore, il luogo dove Gesù e Maria depongono i loro regali più belli. I regali della conversione, della guarigione, della liberazione.

Ma per mezzo di Maria, per mezzo della sua intercessione materna, Gesù fa entrare in noi anche i frutti dello Spirito; “amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé” (Gal 5,22).

La preghiera del Rosario dunque non è una ripetizione di parole, ma una serie di incontri costanti, di esperienze nuove… E’ stare alla presenza di Dio e contemplare la vita di Gesù, guardandola dal punto di vista di Maria. Ed è contemplare anche la vita di Maria, cercando di scorgere in essa la misericordia di Gesù; e guardandola con gli occhi di Gesù.

chiedere allo Spirito Santo lo sguardo interiore di Gesù e Maria

Ecco perché prima di cominciare a pregare il Santo Rosario dobbiamo sempre chiedere allo Spirito di donarci lo sguardo interiore di entrambi.
Questo è indispensabile per poter guardare tutto con occhi innamorati di Dio. Perché questi sono Gesù e Maria: due innamorati di Dio. E nel chiedere a entrambi di entrare nelle nostre vite, non facciamo altro che innamorarci di Dio anche noi; non facciamo altro che assumere progressivamente “gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù” (Fil 2,5) i suoi comportamenti, le sue virtù…

preghiera del Santo Rosario

A questo servono i misteri gloriosi, gaudiosi, dolorosi e luminosi; a partecipare alle glorie, alle gioie, ai dolori e alla luce che le vite terrene di Gesù e di Maria irradiano.
Perciò il Rosario non è “Maria che porta a Maria” ma “Maria che porta a Gesù”; ed è anche “Gesù che ci dona Maria”, come la donò a Giovanni ai piedi della croce. Pregare il Rosario è ascoltare le parole di Gesù, che rivolto verso di noi, e indicando Maria ci dice: “Ecco Tua Madre” (Gv 19,27).

Con la preghiera del Santo Rosario riceveremo la pace

Praticare questa santa devozione dunque è obbedire ancora al comando della Scrittura che ci esorta a far sì che “tutto ciò che è giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri. Ciò che avete imparato, ricevuto, ascoltato e veduto in me, è quello che dovete fare. E il Dio della pace sarà con voi” (Fil 4,8-9).
E dato che la preghiera del Santo Rosario è qualcosa di giusto, puro, amabile, onorato, virtù e merita lode, diventa oggetto dei nostri pensieri. E tutto ciò che nel Rosario abbiamo imparato, ricevuto e ascoltato e veduto, meditando i misteri, siamo chiamati a farlo.
E riceveremo pace. E con tale pace sarà facile invocare e riconoscere Maria nelle litanie come “Regina della pace”.

Sentiremo allora, come necessità, quella di diffondere a tutti questa santa devozione. Diremo a chi incontreremo che ciò che in questa preghiera abbiamo spiritualmente “veduto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi” (1Gv 1,3).

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 373 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 373 altri iscritti

/* ]]> */