Annalisa Colzi

Manderesti tuo figlio a lezione di guida da chi non sa guidare?

Risposta ovvia: NO MAI. Perché? Altra risposta ovvia, no? Perchè, non sapendo guidare, non potrebbe insegnargli come si guida! Perfetto, siamo tutti promossi. Ma allora perchè non riusciamo ad applicare lo stesso principio al padrino e alla madrina di battesimo e di cresima? Cioè: come può una persona che non vive la fede, insegnare a vivere la fede? Non può! Ecco perché la Chiesa dice no a coloro che non possiedono certi requisiti.

E’ quasi banale, e invece quanti malumori a causa questa norma. Quale scandalo viene montato ogni volta che il sacerdote pone in chiaro la questione. Ecco a questo proposito l’articolo di fra Giuseppe Paparone. Bello, mi piace perchè è molto chiaro e dice la verità. Mi capita delle volte, purtroppo, di sentire dei sacerdoti che durante gli incontri con i genitori dei cresimandi, si esprimono, riguardo questo argomento in modo vergognoso, lasciando intendere che se fosse per loro agirebbero diversamente; ma la Chiesa, ancora arretrata in merito, richiede queste condizioni. Quale occasione perdono… quella di fare catechesi; di far crescere queste persone nella conoscenza della fede e delle infinite premure che Dio ha per noi.  Ma è più facile e popolare dire che la Chiesa è arretrata… mah! Dio ha veramente una grande pazienza, altrimenti…

Dalla stampa apprendo che il deputato Nunzia De Girolamo avrebbe scritto una lettera al Papa; lamentandosi di non aver potuto essere la madrina di Cresima della nipote perché non sposata in Chiesa. La nostra si meraviglia molto di questo trattamento, non lo accetta; non lo comprende e, soprattutto, minaccia di votare la legge sulle unioni civili, compresa la “stepchild adoption”.

Questo episodio mette bene in luce la confusione che regna nelle menti e nell’immaginario di moltissimi italiani riguardo alla vita religiosa dei cattolici.

Essere padrino o madrina, infatti, è concepito come un puro e semplice rito di società dovuto a chiunque lo chiede, a prescindere.

Stupisce, poi, che un deputato, un rappresentante del Parlamento, una persona eletta per comprendere e difendere il bene comune non si renda minimamente conto di aver scritto una assurdità.

Avrebbe potuto almeno consultare il codice di diritto canonico. Apprendere che il Parroco ha fatto quello che era tenuto a fare; “Per essere ammesso all’incarico di padrino, è necessario che (questi) … conduca una vita conforme alla fede e all’incarico che assume” (Canone 874).

E la signora De Girolamo, come convivente non sposata in Chiesa, è sicura di avere questo requisito ritenuto “necessario” dal Canone?

Ma, al di là delle argomentazioni giuridiche, c’è da chiedersi, come mai né all’Onorevole, né ai suoi congiunti sia minimante venuta in mente la cosa fondamentale. Il padrino e la madrina devono essere in grado di aiutare il battezzato a conoscere e a vivere la fede cattolica!

Può aiutare a vivere la fede una persona che non la vive anche se si dichiara cattolica?

Non avrebbe dovuto essere stata lei stessa a rifiutarsi, a sentirsi inadatta?

 A discolpa della signora De Girolamo, possiamo dire che nell’immaginario comune tutte queste cose non sono minimamente sentite come importanti; né dai genitori e forse nemmeno da tanti sacerdoti, che tendono a fidarsi e si limitano a verificare solo la correttezza giuridica come se questa fosse di per sé sufficiente.

In un tempo in cui regnano sovrane la confusione, la superficialità, il qualunquismo, il diritto individuale come criterio assoluto, la Chiesa tutta dovrebbe tirare i remi in barca e iniziare un nuovo modo di essere nel mondo.

Non certo per diventare una setta elitaria di puri. Ma sicuramente per aiutare i fedeli a essere persone impegnate e convinte nel vivere quello che professano.

Assumendo sì la misericordia come criterio di base nel relazionarsi con il mondo, cosi come esorta Papa Francesco. Ma, nel contempo, evitando di svendere l’appartenenza cristiana.

Oggi più di ieri c’è l’assoluto bisogno che i credenti diventino sale e luce della terra. Questo passa soprattutto da un cordiale e fermo rifiuto delle confusioni socio-religiose e del buonismo sterile che ostacola e spesso impedisce quell’autentica crescita umana e cristiana per cui Gesù è morto in croce.

Il Signore ci aiuti tutti ad essere accoglienti ma anche chiari ed esigenti.

Soprattutto ci aiuti a vivere la nostra fede con impegno, gioia e gratitudine.

                                                                                                                                                                           fra Giuseppe Paparone o.p.

http://comunita-abba.it/?p=24352

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

5 commenti

  • Purtroppo la co fusione e la l’arroganza regnant sovrane dobbiamo far capire che essere cristiani è i conformarsi a Cristo e non si può concedere e scambiare un desiderio come un diritto atteniamoci alle regole con tutta la misericordia di Dio

  • Si pensa solo all’apparenza e non alla sostanza. Che il Signore illumini la loro via.

  • Siamo messi male c”e’ bisogno di riconvertire le famiglie, ci vuole un lavoro che parts dalle basi.

  • Il caso di miei nipoti divisi risposati sono padrini e madrine con il bene placido dei sacerdoti che onestamente dopo averli avvisati hanno chiesto semplicemente se credevano in Dio alla risposta affermativa hanno detto che erano idonei a fare i padrini e le madrine.Sacerdoti che danno l’Eucaristia ai divorziati.C’è anche nei sacerdoti tanta confusione e non conoscono il catechismo della Chiesa Cattolica e altro.

  • C’è anche un problema concreto…. e se non conosciamo persone “vicine” quindi cari amici o parenti davvero qualificati…. che facciamo?!
    Niente cresima per i propri figli? Quanti, oggi, sono qualificati? È un grosso problema ben concreto !

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 292 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

App Ufficiale Android

Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 292 altri iscritti

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes

/* ]]> */