Annalisa Colzi
la perla preziosa

La perla preziosa

La perla preziosa, il tesoro nascosto, l’acqua viva

C’è un linguaggio che faccio sempre più fatica a sopportare; per esempio se mi si dice che bisogna amarsi gli uni gli altri e Dio sopra tutto, o che bisogna essere casti, non mentire, ecc…; è evidente e non dirò il contrario: è la morale cristiana. Ma non di meno è l’acqua viva, la perla preziosa o il tesoro, è la preparazione necessaria per ricevere la perla del Regno.

Ti si lascia credere che bisogna costruire un mondo migliore, amarsi gli uni gli altri, ecc… e non dirò il contrario, ma questo non è comunque il Vangelo. Dio, e suo Figlio Gesù, non sarebbe salito sulla croce per questo, perché “tutti i ragazzi del mondo si diano la mano!”. In ogni caso, non è ciò che Gesù ha promesso al buon ladrone sulla croce, non gli ha promesso nient’altro che il cielo. Il cielo, è la presenza delle tre Persone della santa Trinità in te; questo è ciò che Gesù ti annuncia e ti promette. E’ l’acqua viva, il fuoco, in una parola l’intensità, l’amore, la felicità, la luce e tutto ciò che puoi immaginare, ma all’infinito.

Folle del volto di Cristo

[…] Scoprire la perla preziosa o il tesoro, è divenire “folle” del volto di Cristo. Solo dopo si pone il problema di amarlo e di vendere tutto ciò che si ha. Non è più un obbligo, direi anzi che è una necessità, perché tutto l’oro del mondo appare allora come spazzatura al confronto di questo unico tesoro (Fil 3,8). Solo Cristo può permettersi di domandare tutto, perché è colui che ti dà tutto alla potenza infinita. Per primo si è spogliato di tutto (Fil 2,7), per lasciarsi invadere dalla gloria. Diffida di quelli che non ti promettono l’acqua viva o il fuoco del cielo, soprattutto quando ti domandano di rinunciare a tutto; sono mercanti di illusioni, anche se ti promettono la luna!

Se, un giorno, vedi brillare da qualche parte la perla preziosa o se trovi il tesoro del Vangelo, non continuare il tuo cammino. E’ come se tu “vedessi” il volto di Cristo nella preghiera: fermati subito. Di’ come la sposa del Cantico che ha trovato il suo Beneamato: “L’ho stretto fortemente e non lo lascerò” (Ct 3,4).

(tratto da: Jean Lafrance “Quando pregate dite: “Padre…” 1992 Edizioni OR – Milano pg 128-129)

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Aggiungi commento

Rispondi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli