Annalisa Colzi
giochi on-line

La pericolosità dei giochi on line una testimonianza

Il satanista dietro il gioco

una triste probabilità

I giochi on line possono essere divertenti ma occorre molto discernimento. Leggiamo questa testimonianza.

Sono Simone e ho 37 anni. Faccio l’autista di scuolabus in un paese di montagna di 2000 abitanti. Con il lavoro che svolgo sono a contatto con tantissimi bambini dai 3 ai 14 anni. Bambini internauti. Abituati ad utilizzare le applicazioni più svariate. Con la maggior parte dei genitori completamente digiuni di internet e di giochi on line.

La mia esperienza personale riguarda il gioco on-line del tetris. Ma vale per tutti i giochi on line.
Il gioco del tetris è divertente e semplice. Anche piacevole poiché dà la possibilità di interagire con persone reali. La maggior parte delle volte i dialoghi sono in inglese. A volte si incontrano anche italiani e si può comunicare nella propria lingua. Nel comunicare con gli altri si può fare anche amicizia, come nel mondo reale.

Inizialmente lo si fa nel gioco stesso cosi da potersi ritrovare ogni volta che si è on-line per giocare. Successivamente ci si scambia l’indirizzo dei social network per potersi conoscere ed incontrare anche al di fuori del gioco. Naturalmente sempre nel mondo virtuale.

Si comincia a pubblicare foto, riferimenti che localizzano la persona nei social. Si entra in confidenza rivelando pezzi importanti della propria vita. Il tutto senza prudenza.

giocare su internet spesso può rovinarci

Il problema è che tra le persone che si incontrano vi possono essere anche dei satanisti. Persone che seguono le cose inerenti a Lucifero. Musica satanica, gruppi di satanisti, pedofili. Si travestono molto bene. Pochi si accorgono del tranello. Parlano con dolcezza. Sostengono la conversazione con argomenti che sono sulla stessa lunghezza d’onda dell’interlocutore. Si fa amicizia e si comincia a chattare.

A questo punto potrebbero iniziare i problemi. I ragazzi mancando di discernimento possono cadere nella trappola. I grandi se hanno dei dubbi cancellano o bloccano. I ragazzi fanno molta più fatica essendo più ingenui. Tali individui però possono corromperli anche solo con il dialogo. O peggio con la video chat. Ecco quindi l’importanza della presenza dei genitori. Essi devono monitorare i social e gli amici virtuali. Devono cercare di capire se vi è un’ influenza nefasta tra gli amici virtuali.
Il satanista, nel gioco, è incredibilmente mimetizzato. Un comune giocatore che si rivela solo dopo averci fatto amicizia. In genere all’esterno del gioco nei social. Ma a quel punto sei già entrato in confidenza e non hai occhio critico. Anzi, forse ciò che lui fa comincia a piacerti.

Quindi, genitori interessatevi di tutto ciò che i vostri figli fanno in internet.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

7 commenti

Lascia un tuo commento

  • A mio giudizio l’allarme dovrebbe essere molto più grande, e non solo limitarsi a contenuti o ad amicizie pericolose. Il fatto in sé che i minori, spesso a precocissima età, sostituiscano – perché di questo si tratta – in larga misura il mondo reale con il mondo virtuale, fossero anche i contenuti in se stesso innucui o anche buoni, rimane un fatto fortemente negativo. Dare un celluare ultima generazione a un uomo di sessant’anni è una cosa; darlo a un bambino è tutt’altra cosa. Il primo è già formato nel suo rapporto con la realtà; il secondo si sta proprio allora formando. Necessariamente avviene che la sua formazione, anziché avvenire in un raporto con la realtà vera, avverrà in un rapporto con la realtà artificiosa del virtuale. Tutto il fascino delle funzioni elettroniche contribuisce ad incantare il bambino, distogliendolo dalle dimensini della realtà, escluse, per definizione, dal virtuale. Questo è il primo e basilare danno. I contenuti pericolosi sono un’aggiunta, ma non devono distogliere l’attenzione dal problema di fondo. Le scienze neurologiche, in accordo con quelle pedagigliche, dovrebbero indicare i tempi e i modi sani di un graduale approccio al virtuale. Purtroppo, nonostante l’immenso ritardo, ancora tutto questo non viene avvertito dalla maggior parte delle persone, anche responsabili.

  • Ti ringrazio per quello che ci hai sottoposto. E’ un grande problema per i genitori di oggi. Io ho le nipoti e veramente sono preoccupato perche’ non sappiamo come intervenire difronte a un tale pericolo. Anche la tecnologia aiuta poco secondo me, ci vorrebbe qualche sano filtro tecnologico che bloccasse o desse la possibilita’ di bloccare certi accessi ai giovani e giovanissimi. Non so veramente dove andremo a finire. Auguro che alla maggiore vigilanza da parte dei genitori ci siano leggi piu’ severe e piu’ ordine nell’ accesso ai media.
    Grazie ancora..Preghiamo ….

  • Grazie Simone per questa testimonianza e grazie Don Massimo per le tue precisazioni.Volevo aggiungere qualcosa che mi sovviene alla mente. L’intento del maligno che è principe di questo mondo (definito così da Gesù stesso ) è portare l’uomo alla perdizione. Io credo che nella fase finale della nostra storia umana avvicinandoci non alla fine del mondo, ma alla fine di questo sistema di cose ( così faccio capire che non sono un profeta di sventura) è all’attacco di tutto e tutti per portare quante più persone possibili alla perdizone, compito nostro è di mettere sempre in guardia tutti, sopratutto i giovani dai pericoli che il maligno mette di fronte a loro sottoforma di belle cose anche utili. Ripeto che la preghiera è alla base di tutto insieme ai sacramenti e l’affidamento nostro e dei nostri ragazzi alla Madre di Dio, la nostra cara Madre che viene raffigurata mentre schiaccia la testa al serpente. Dovremmo leggere di più i Vangeli, perchè li vi è scritto tutto. Verrete perseguitati, avrete i nemici in famiglia ed alcuni potrebbero essere anche uccisi. Siamo a mio avviso in questi temoi. Sosteniamoci a vicenda nella preghiera. Ora un caro saluto a tutti e siano sempre lodati Gesù e Maria

  • Se vi fosse permesso, la vostra sarebbe una dittatura, già il fatto che cancellate i messaggi che non la pensano come voi la fa vedere lunga sulla cosa.

  • Quando i commenti sono intelligenti e costruttivi, allora nessuno li cancella. Quando sono stupidi ed offensivi allora è inutile far leggere la stupidità che non serve a nessuno

  • Caro Stefano, meglio sempre la dittatura della fede in Dio e in suo figlio che le varie dittature che qualcuno si permette di chiamare libertà.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
/* ]]> */