Annalisa Colzi
preghiera

La battaglia è tra Dio e satana

Circa un mese fa, partecipando ad un incontro, rimasi colpito da un intervento di un carissimo amico. Sponsorizzando l’iniziativa “unoradiguardia” contro il ddl Cirinnà concluse, lasciando il microfono, quasi a bassa voce, con la seguente frase: “Se passerà il ddl sulle unioni civili vuol dire che non avremo pregato abbastanza”.

Sono rimasto a questa frase dopo averne sentite tante sull’argomento; dopo essermi documentato; dopo aver partecipato al Family Day di sabato scorso; dopo aver assaporato la battaglia da fonti cattolice e laiche; mi sono sorbito il vomito della televisione, le continue falsità dei nostri politici, l’assuefazione di tanti, troppi cattolici storditi da una comunicazione battente tanto da diventare complici della menzogna. Ora ritorno a quella frase, mai così attuale, frase che si può estendere a tutti i drammi che quotidianamente viviamo: non solo le unioni civili e la maternità surrogata, ma la droga, l’alcolismo, il bullismo, il divorzio, l’aborto ecc.

Ed io cosa faccio? Ascolto, forse mi scandalizzo e concludo lamentandomi? “…non avremo pregato abbastanza”. La preghiera è la grande spada del cristiano. Ci credo ancora? Credo che la preghiera vera, forte, sincera possa commuovere il cuore di Dio? Credo che, nella Sua Volontà, la preghiera possa cambiare le sorti del mondo? Può un Padre non ascoltare il grido del figlio? Preghiera e digiuno (digiuno? cos’è?), Maria a Medjugorje è anni che continua a ripetercelo e se il Suo grido è costante e senza tregua da decenni forse vuol dire che perseveriamo nel non ascoltarlo.

I cattolici hanno queste grandi armi che i “laici”, pur nella buona battaglia, non hanno: preghiera, rosario, confessione, eucaristia, digiuno, Bibbia… Il nemico, satana (e non altri), lo conosciamo. Coraggio, siamo in tanti, il Signore non mancherà (“E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui e li farà a lungo aspettare? Vi dico che farà loro giustizia prontamente” Lc 18, 7-8).

DAL BLOG DI COSTANZA MIRIANO (costanzamiriano.com):

Siamo alla battaglia finale sulla legge Cirinnà. Nonostante una piazza che ha espresso chiarissima la volontà di un impressionante numero di cittadini di voler difendere l’istituto naturale del matrimonio, nonostante nel paese anche grazie al nostro lavoro si è diffusa la consapevolezza della grave ingiustizia che la legge legittimerebbe – usare corpi umani come merce, sottrarre ai bambini i loro veri genitori, impedire ai bambini di sapere da dove vengono – quasi tutti i politici con incredibile arroganza e superficialità si riempiono la bocca con parole svuotate di senso come “diritti civili” e cercano di aggirare lo scempio che si preparano a fare cambiando il nome alle cose (“stepchild adoption”, “affido rinforzato”).

La legge salterà la fase della commissione e andrà in aula. Dopo mesi di offensiva su tutti i mezzi di comunicazione cercheranno di ignorare ciò che pensa ancora la maggioranza del paese, cioè che i bambini hanno diritto a un padre e a una madre. Noi non abbiamo mezzi di comunicazione, e, a parte pochissimi di noi, non sediamo in Parlamento. Abbiamo però un’arma potentissima: la preghiera. Dobbiamo chiedere, chiedere, chiedere con tutte le forze a Lui che intervenga. Dio è troppo rispettoso della libertà dell’uomo per intromettersi nelle sue faccende. Lo fa solo se noi gli chiediamo di farlo. Dobbiamo farlo fino a spolmonarci, appoggiandoci alle parole di Gesù: chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto, cercate e troverete. Dobbiamo chiederlo con fede cieca. QUESTO SITO creato da amici ha trovato il modo di organizzare un calendario di preghiera ininterrotta.

Forza!!!! Riempiamo tutte le caselle di questa griglia di “pregatori” contro la legge Cirinnà. Un’ora per uno da qui al 28 gennaio. Pregare è l’arma più potente che abbiamo, e soprattutto è quella che gli altri non hanno. Ci sfotteranno per questo ma pazienza. Alla fine come sempre se noi glielo chiediamo, ma solo se glielo chiediamo, Dio rovescerà i potenti dai troni soprattutto se questi sono anche prepotenti e bugiardi. Spargete la voce, chiedete ad amici sacerdoti, vescovi, cardinali di farlo. Chiamate a raccolta monasteri e conventi, ditelo a movimenti, comunità, gruppi.

Aggiungerei che abbiamo un’altra arma infallibile: il digiuno. Si può fare in molti modi, secondo la tradizione della Chiesa. Per esempio a pane e acqua, per esempio il venerdì, per esempio anche altri giorni. Ma ognuno troverà qualcosa di suo e di prezioso da offrire – magari anche rinunciare a un caffè, a uno shopping, a una maldicenza – ricordando che le preghiere e i sacrifici se non ottengono sempre il risultato sperato nei modi o nei tempi sperati, sempre fanno il nostro vero bene, e salvano prima di tutto noi. http://www.unoradiguardia.it/

immagine da: http://aiconfinidellanima.com/dio-e-satana/

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

4 commenti

Lascia un tuo commento

  • nel versetto riportato di Lc 18, 7-8, è stato tradotto nelle versioni CEI con “prontamente”, mentre il termine verosimile è “rapidamente”: si sarebbe contraddetto altrimenti Gesù, nel rimandare “il taglio dell’albero” che il Battista aveva preannunciato ma che il “buon contadino” chiedeva al Padrone di temporeggiarne l’abbattimento. Quando invece, alla “fine del secolo corrente” e cioè “alla fine dell’era presente” e non “alla fine del mondo”, come la CEI ha voluto tradurre nel brano di Matteo 13,40-50, arriveranno gli angeli per estirpare gli scandali e gli empi, allora i giusti risplenderanno nel Regno di Dio, finalmente privilegiato.

  • Sono grata a Gesù che ci ha dato la preghiera con la quale il male
    Non trionferà

  • La libertà che Dio Amore concede a noi figli è sovrapposta al potere assoluto che volontariamente sopprime la libertà. – il popolo di Dio combatte contro satana – “anime senza presenza d’Amore, senza sensibilità ,assetate di potere,danaro consci che possono distruggere e annientare.!.”La lotta è qui in questa terra martoriata dove solo ed es
    clusivamente Gesù può ribaltare la vita di innocenti.

  • Si non ci resta che pregare e supplicare e ubbidire alla Madonna!!! Coraggio abbiamo un’arma potentissima quella del rosario, e come diceva sempre padre Reginaldo ogni ave va diretta al bersaglio. A te cara Annalisa Dio ti strabenedica.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: