Annalisa Colzi
isola di adamo ed eva

Adamo, Eva, Luxuria e il serpente. Mixiamo il tutto ed ecco a voi: “L’isola di Adamo ed Eva”. Il porno è servito.

di Sabina Tognetti

Non mi viene proprio voglia! No, non mi viene proprio voglia di scrivere oggi! Mi sarebbe piaciuto condividere con voi qualcosa di bello, di interessante, magari di divertente…. qualcosa insomma che potesse farci bene, e aiutarci a vivere meglio questa giornata. Invece poi leggo certi articoli che mi fanno innervosire e ve ne devo necessariamente parlare…. vabbé sarà per la prossima volta.

Campione d’ascolti in 9 paesi (Francia, Olanda, Polonia, Danimarca, Spagna, Germania, Olanda, Finlandia, Norvegia) e vincitore del Best Competition Reality Format Awards.

“L’Italia dovrebbe guardare questo programma per imparare a togliersi tutta quella morbosità, quel vouyerismo, quella lente deformata della nudità vissuta come peccato. Siamo nati nudi, tutto il resto è travestimento”.

“E’ un programma socialmente utile. Servizio pubblico. C’è troppa gente in crisi, coppie che non si formano, gente che si vede soltanto a distanza sui social, no! Ritorniamo alla carne! Ritorniamo ai corpi! Basta virtualità!  (…) L’autostima è una cosa importante, una donna che è sicura di sè è una donna che risulta più vincente”.

(Questo reality è) “una metafora della ricerca dell’amore senza gli status symbol: vestiti, gioielli, sovrastrutture”.

E poi c’è Luxuria che mette l’impegno civico in qualsiasi cosa, e anche qui. Dice che il format potrebbe sensibilizzare l’Italia ad aprire spiagge nudiste cosicché i fan del genere possano non emigrare all’estero. In effetti è una battaglia di cui si sentiva la mancanza… (eh già, da un sacco se ne sentiva la mancanza…!!!)

“Qualità e innovazione”: questi gli ingredienti del dating-show secondo il boss di Discovery Laura Carafoli.

“E’ un programma – sottolinea la conduttrice e attenta commentatrice e soprattutto unica con qualche panno a coprire quelle che una volta erano chiamate le pudende – che mi ha consentito di fare un piccolo esperimento sociale. Mi sono sentita come Piero Angela, anzi Angela Piero, che studia la fauna umana, che messa a nudo di indumenti, di Rolex, di extensions, si ritrova su un’isola per cominciare a conoscersi veramente. Ci siamo trovati in una situazione paradisiaca e animale e  queste persone hanno cominciato a corteggiarsi ma mancando ogni sovrastruttura sono scaturite infinite tipologie di corteggiamento. Quello che diventa interessante è capire se prevale il fisico o la parola. Tutte tecniche che proverò anche io per individuare il mio Adamo”.

«E’ stato molto divertente e mi sono sentita una esploratrice dei sentimenti umani in condizioni sicuramente non comuni».

Luxuria spiega al Messaggero il suo programma. “O crediamo solo nell’amore platonico o dobbiamo renderci conto che nelle fasi di innamoramento c’è sempre anche l’elemento fisico. Qui ci troviamo di fronte a due persone che si vedono per la prima volta e a parlare non sono le etichette, gli orologi firmati o i vestiti di marca: c’è solo il corpo”.

Basta! Allora carissimi, di cosa stiamo parlando? Qualcuno è così bravo da indovinare qual è questo eccezionale reality socialmente utile, campione di ascolti in nove paesi, che sensibilizza l’Italia su alcune problematiche direi fondamentali per la sopravvivenza del pianeta, che toglie la morbosità, che annienta i rapporti virtuali, ecc. ecc.? Sìì? Indovinato?? Ma certo è “L’ISOLA DI ADAMO ED EVA” condotto da VLADIMIR LUXURIA. 

“E’ arrivato su Deejay Tv il reality dove i partecipanti sono tutti in tenuta adamitica in onda da mercoledì 7 ottobre dalle 21,15, mentre la versione XXX è trasmessa alle 23,55”.

Lascio che siano le parole della conduttrice a spiegare di che cosa di tratta:
Sarà un appuntamento in un’isola paradisiaca, … ricca di comfort, dove si mangerà e berrà. I protagonisti saranno ragazzi e ragazze sconosciuti (tra i 18 e i 45 anni) scelti sulla base di requisiti fisici e caratteriali richiesti durante i colloqui pre-show. I due si incontreranno nudi e dovranno vivere a stretto contatto senza un guardaroba. Inizialmente le prime valutazioni saranno di carattere fisico, ma successivamente subentrerà il corteggiamento, l’alchimia e, chissà, l’amore. L’obiettivo è quello di formare delle coppie. Le coppie saranno messe alla prova da un terzo incomodo per verificare la verità e la forza del feeling e del sentimento creato”.

“Meglio cominciare nudi con chi ti piace.”  Vladimir Luxuria racconta la sua nuova “Isola” hot. “Ogni occasione è buona per formare una coppia e magari chissà se dopo questa esperienza ci saranno coppie che perdurano, sarebbe una gran cosa. Nella vita di tutti i giorni ci sono varie occasioni per conoscersi: in ufficio, in vacanza. Noi offriamo una location abbastanza insolita. Dei ragazzi che si incontrano con i presupposti per piacersi sono su una bellissima isola della Croazia, con spritz, lenzuola di seta, insomma ce la mettiamo tutta. La cosa particolare è che qui la persona che ti piace la vedi subito nuda. Superato lo step del desiderio erotico di vedere l’altro nudo, si passa al corteggiamento. E’ un processo inverso. Di solito di comincia dal romantico e si va a finire nudi, qui invece si comincia nudi ed effettivamente può funzionare”.

Inizialmente si parlava di due versioni del reality: quella censurata, in onda in prima serata, e quella senza censura per la seconda serata, ma a quanto pare una leggera sfocatura sulle parti intime dei concorrenti non viene mai eliminata. C’è ancora troppo pudore nella tv italiana?

“Il pudore non viene né da me né da Deejay tv (e ci mancherebbe!), c’è un regolamento televisivo. Stiamo approfondendo la cosa con i nostri consulenti legali per vedere fin dove ci possiamo spingere, ma mostrarsi completamente nudi su un canale in chiaro non è possibile in Italia. Non siamo né l’Olanda né la Spagna. Ma a parte i genitali il resto si vede. La cosa importante è sapere che loro si incontrano nudi, poi se uno guarda l’Isola di Adamo ed Eva solo per vedere una passerina, che tristezza”.

Ok, che tristezza, dice Luxuria. Allora, scusate la pesantezza ma sono costretta a mettere un suo ulteriore commento:

“Un ragazzo lo abbiamo soprannominato “il lattina”. Ricordo ancora l’imbarazzo degli operatori che lo riprendevano. Ovviamente abbiamo pixelato tutto, ma dalle dimensioni del pixel si può capire molto…Ogni tanto ti viene la voglia di grattar via i pixel come fossero biglietti di un gratta e vinci”. 

Ma allora se gli uomini guardano solo… che tristezza, e per le donne invece vogliamo il gratta e vinci? Ma Luxuria che dici, non sei coerente!!!

Dato che il programma è (purtroppo) già iniziato, andiamo a vedere quali sono stati i magnifici sviluppi di questi giovani messi lì tutti nudi solo per amarsi, proprio come Adamo ed Eva.

Ci sono state scene di sesso?
Ovviamente sì. In alcuni casi i concorrenti hanno fatto sesso subito. In una puntata, una ragazza si è data più di qualche bacetto sia con il primo che con il secondo Adamo. Ovviamente noi non trasmettiamo la scena integralmente – anche se i concorrenti vengono sempre seguiti dalle GoPro – ma facciamo capire che sta accadendo qualcosa.

Interazioni di tipo omosessuale?
C’è stata una ragazza che ha fatto chiaramente capire di essere interessata all’altra Eva.

Qual è stato il momento più divertente?
Sicuramente quando alcuni dei ragazzi avevano degli “apprezzamenti”, nelle parti basse, nei confronti della donna. Apprezzamenti che erano molti visibili. Tutti e due cercavano di far finta che non stesse succedendo nulla, parlando del più e del meno, ma era davvero difficile.

Eh no! Cara Luxuria, il Paradiso che abbiamo perduto non era così. La situazione iniziale che Adamo ed Eva (e non due Eva, era il serpente che insidiava la donna, non un’altra donna, era tutto molto più ordinato, allora) vivevano prima del peccato era di grande purezza, non nel senso che non potessero stare insieme e fossero frustrati o repressi, ma all’opposto vivevano una condizione di assoluta libertà, di assoluta complementarietà e di simbiosi che ora, a causa del peccato originale, l’uomo non può più vivere. Questo perchè quel peccato ha cambiato qualcosa nel nostro cuore e dove c’era la purezza è subentrata la concupiscenza, il desiderio di una sessualità animale (parli anche tu di situazione Paradisiaca e animale), sregolata che vede l’altro più come oggetto di piacere che come soggetto da amare.

Ma l’uomo ha la dignità di Dio, perchè è stato creato a sua immagine, non è un animale. E non basta lasciare un uomo e una donna nudi su un’isola deserta per ricreare questo equilibrio primordiale. Il vero amore vive a livelli più alti, mi verrebbe da dire, dalla cintola in sù. L’unione carnale fra un uomo e una donna che si amano è stata sublimata da Dio stesso (e non parliamo di uno qualsiasi). Ma nasce come frutto di un percorso di conoscenza vissuto insieme; e magari con i vestiti addosso.

Gesù ci ha riguadagnato il Paradiso, con la sua morte. Ci ha insegnato quale sia il vero amore; quello che si dona, quello che accoglie, che rispetta, che va in profondità. Se è questo amore che i ragazzi del reality cercano, sono sicura che non torneranno a casa felici; ma solo con qualche cicatrice in più nel loro cuore.

Cara Luxuria temo tu sia caduta in un terribile tranello, quello di chi vuole sfruttarti per lanciare questi format che deturpano l’uomo e che lo privano della dignità. Il divertimento provocato da queste trasmissioni mi ricorda la risata sguaiata di colui che continuamente ci vuole convincere che non valiamo nulla, e che nessuno possa amarci. Ogni tanto cerchiamo di liberarci da questo pantano pensando che fare tutto quello che ci passa per la testa possa farci star bene. Ma sappiamo che non è così.

Per finire ecco la ciliegina sulla torta:
Nella scorsa edizione dell’Isola dei famosi alcuni naufraghi hanno affrontato le insidie della temuta Playa Desnuda, rigorosamente senza veli. Se lo avessero chiesto a te anni fa avresti accettato?
“L’Isola dei famosi in questo ha strizzato l’occhio all’Isola di Adamo ed Eva, format che all’estero già andava in onda. Io non l’avrei fatto, ho un rapporto molto pudico col mio corpo. Non mi metto neanche in topless al mare. Non sono una di quelle che va a Formentera e si lamenta che l’hanno fotograta senza reggiseno”.
SENZA PAROLE!

 

L’Isola di Adamo ed Eva, tutti nudi con Vladimir Luxuria alle origini dell’amore

Luxuria presenta L’isola di Adamo ed Eva: un reality show “senza veli”

http://video.gazzetta.it/luxuria-isola-adamo-ed-eva-tutti-nudi-meglio/18f4840c-6b88-11e5-9577-91e5116c3d7b?refresh_ce-cp

http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11835012/Vladimir-Luxuria-nel-reality-in-cui.html

Luxuria come Piero Angela: all’Isola di Adamo ed Eva c’è anche “Il lattina”

L’Isola di Adamo ed Eva, a tu per tu con la conduttrice Vladimir Luxuria (INTERVISTA)

L’Isola di Adamo ed Eva, tutti nudi con Vladimir Luxuria alle origini dell’amore

http://www.today.it/media/vladimir-luxuria-isola-adamo-ed-eva-intervista.html

http://www.leggo.it/SPETTACOLI/TELEVISIONE/vladimir_luxuria_isola_di_adamo_ed_eva/notizie/1607598.shtml

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

12 commenti

Lascia un tuo commento

  • Reputo che questa lunga e particolareggiata descrizione poteva essere evitata.
    Se proprio si voleva segnalare lo scandalo, bastava un moderato
    accenno e poi passare al finale elogiante la dignità.
    Penso a quante persone che fidandosi del nome di Annalisa Colzi
    si sono trovate davanti a questa lunga intervista sfiorante il porno.
    Penso a quanti, specialmente ragazzi, cercheranno il canale trasmettente per proseguire la visione.dello sceneggiato…
    penso che il famoso “angelo decaduto” si serva anche di certe buone intenzioni..

  • Cara Graziella, pensi davevro che i ragazzi abbiano bisogno della nostra pubblicità? Si vede che conosci poco la situazione attuale.

  • Cara Annalisa, ma Luxuria non è per caso il soggetto (dico soggetto perché non so proprio se sia maschio, femmina, o che cosa) a cui il card. Bagnasco ha dato la comunione insieme allo scandalo?. ma si sa rifiutandola non sarebbe stato “politicamente corretto”.

    Per Graziella
    Capisco il tuo disappunto, Annalisa ha scritto ciò che purtroppo accade a certi cattolici, riguardo ai giovani, convieni che sono più tecnologicamente più informati di noi, almeno di me certamente, e non avrebbero difficoltà a trovarlo se veramente lo vogliono, purtroppo cara Graziella viviamo in un periodo di disfacimento a 360 gradi, ma sicuramente anche tu saprai che la nostra Madre Celeste ci mise molte volte in guardi sull’arrivo di questi tempi, e per come la vedo sembrerebbero proprio gli “Ultimi Tempi”
    Francesco

  • Francesco Franco, te la senti di escludere che il card. Bagnasco, lì per lì, possa non aver immediatamente riconosciuto Luxuria? E se avesse sbagliato, magari in un momento di imbarazzo, te la sentiresti di scagliarli una pietra contro? A te non è mai successo di ferire Gesù, anche gravemente, magari nelle persone che incontri? E se vedi qualcuno scivolare nel male gli allunghi una mano per aiutarlo o, indignato, lo disprezzi? Basta guardare come tratti Luxuria per vedere di quanta sottile strafottenza sei, alle volte, capace. Luxuria è un uomo, ma che lui si senta intimamente donna, a mio modesto parere, potrebbe anche esser dovuto a un suo rifiuto, magari per chissà quali profonde ferite, della sua identità maschile. E un fratello in difficoltà va aiutato o disprezzato?

  • Ricordo che la comunione la ricevette ai funerali di ( Don) Gallo . Aggiungiamo che ognuno è libero in coscienza di fare la comunione, ma questa se non è ricevuta in stato di grazia (vi sembra che il soggetto lo sia ? vedi i trascorsi e la sua vita ) diventa giudizio di condanna. Quindi sono tutti problemi suoi con il Padre Eterno. Gli rimane sempre la confessione e qui sinceramente non possiamo sapere se la abbia fatta. Io credo che se la avesse fatta bene, non avrebbe accettato di fare codesta trasmissione televisiva. Diciamo anche che il Card Bagnasco non avrebbe dovuto somministrargli la comunione, ma qui ci fermiamo perchè noni abbiamo solo un video furbescamente fatto girare apposta con solo quel momento e magari non altro. Puo essere che anche lui faccia parte con quella sua anima bonaria a quella schiera di nemici che la Chiesa ha da sempre e che ( non sanno quello che fanno ) quindi abbisognano delle nostre preghiere. Un caro saluto a tutti

  • Anche l’autrice di questo articolo si è fatta ingannare dal sistema che vorrebbe denunciare e smascherare. Si rivolge a Luxuria usando infatti il femminile, mentre Vladimiro Guadagno in arte Luxuria è un uomo con tutti gli attributi al posto giusto

  • Caro Francesco Franco, nessun sacerdote può rifiutarsi di somministrare la comunione a qualcuno: NESSUNO. Questo perché nessuno (eccetto Dio) può avere la certezza che la persona in questione sia o meno in stato di Grazia. Luxuria potrebbe essersi precedentemente confessata/o e, di conseguenza, avere diritto alla comunione. Il fatto vi fossero validi motivi per sospettare, finanche al 99,99%, che non si fosse confessata/o non significa che il Cardinale Bagnasco non dovesse somministrargli l’eucarestia. Tu ed altri dimenticate che il giudizio delle anime spetta SOLO E SOLTANTO a Dio. Se Luxuria fece la comunione non in stato di Grazia, dovrà renderne conto al Signore (a Lui e a nessun altro). L’ingoranza religiosa, fra l’altro, potrebbe, almeno in parte, attenuare tale eventuale colpa. Vi sostituite a Dio nel giudizio degli altri e, per giunta, attaccate un povero cardinale per aver applicato, né più, né meno, ciò che dice il diritto canonico. Anni fa un altro prelato fu accusato della stessa cosa per aver dato la comunione ad un noto politico divorziato. Mons. Fisichella rispose così ed aveva ragione http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/fisichella_laquo_la_comunione_berlusconi_si_egrave_separato_da_veronica_pu_ograve_farla_raquo/notizie/98905.shtml Se poi quel politico fosse realmente o meno in grazia questo lo sa soltanto Dio. Noi dobbiamo sperare che lo fosse, dicasi lo stesso per Luxuria. Per quanto concerne il programma televisivo di cui si parla nell’articolo, dico solo che ormai, purtroppo, non mi stupisce più nulla. Siamo nelle mani del Signore. Maranatha, vieni o Signore!! Sia lodato Gesù Cristo

  • Graziella, Annalisa ha fatto benissimo a scrivere il suo sdegno.
    Quel maiale di satana vorrebbe che nessuno si esprimesse e facesse opposizione ai suoi piani. Far sentire la propria voce contraria è un, seppur infinitesimale ma non banale, modo per mettergli i bastoni tra le ruote.

  • Edoardo scusa , non se ti sei accorto ma non si capisce niente perchè alcune parti del tuo post sono tagliate. Se lo puoi riproporre gentilmente .

  • Mah, che dire ? Un tempo cose di questo tipo erano chiamate pornografia, ma in questi giorni in cui ció che é male viene chiamato bene e ció che é bene viene chiamato male ?

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: