Annalisa Colzi
il diavolo vuole dividere la chiesa

Il diavolo vuole dividere la Chiesa alla radice

Il diavolo vuole dividere la Chiesa

attaccando la Santa Messa

Il diavolo vuole dividere la chiesa – afferma Papa Francesco commentando la lettera ai Corinzi nell’omelia tenuta a Santa Marta il 12 settembre 2016. San Paolo scrive: “Non posso lodarvi, perché vi riunite insieme non per il meglio, ma per il peggio. Innanzi tutto sento dire che, quando vi radunate in assemblea, vi sono divisioni fra voi, e in parte lo credo”. Il diavolo vuole dividere la chiesa, seminando gelosie, ambizioni e cupidigia. E noi – afferma il papa – stiamo al suo gioco!

“Le divisioni distruggono la Chiesa e il diavolo cerca di attaccare quella che è la radice dell’unità, ovvero la celebrazione eucaristica. Il diavolo ha due armi potentissime per distruggere la Chiesa: le divisioni e i soldi. Divisioni ideologiche, teologiche, che laceravano la Chiesa. Il diavolo semina gelosie, ambizioni, idee, ma per dividere! O semina cupidigia. E come avviene dopo una guerra tutto è distrutto. E il diavolo se ne va contento. E noi, ingenui, stiamo al suo gioco. E’ una guerra sporca quella delle divisioni; è come un terrorismo”, quello delle chiacchiere nelle comunità, quello della lingua che uccide, butta la bomba, distrugge e rimango.

il diavolo vuole dividere la chiesa

E le divisioni nella Chiesa non lasciano che il Regno di Dio cresca; non lasciano che il Signore si faccia vedere bene, come è Lui. Le divisioni fanno sì che si veda questa parte, quest’altra contro di questa, contro di… Sempre contro! Non c’è l’olio dell’unità, il balsamo dell’unità. Ma il diavolo va oltre, non solo nella comunità cristiana, va proprio alla radice dell’unità cristiana. E questo che accade qui, nella città di Corinto, ai Corinzi. Paolo li rimprovera perché le divisioni arrivano proprio, proprio alla radice dell’unità, cioè alla celebrazione eucaristica. Gesù ha pregato il Padre per l’unità. Ma il diavolo cerca di distruggere fino a lì.

custodire la fonte

Io vi chiedo di fare tutto il possibile per non distruggere la Chiesa con le divisioni, siano ideologiche, siano di cupidigia e di ambizione, siano di gelosie. E soprattutto di pregare e custodire la fonte, la radice propria dell’unità della Chiesa, che è il Corpo di Cristo; che noi – tutti i giorni – celebriamo il suo sacrificio nell’Eucarestia.

Questo può dirlo Paolo oggi a tutti noi, alla Chiesa d’oggi. ‘Fratelli, in questo, non posso lodarvi, perché vi riunite insieme non per il meglio, ma per il peggio!’. Ma, la Chiesa riunita tutta… Per il peggio, per le divisioni: per il peggio! Per sporcare il Corpo di Cristo nella celebrazione eucaristica! E lo stesso Paolo ci dice, in un altro passo: ‘Chi mangia e beve il Corpo e il Sangue di Cristo indegnamente, mangia e beve la propria condanna’. Chiediamo al Signore l’unità della Chiesa, che non ci siano divisioni. E l’unità anche nella radice della Chiesa, che è proprio il sacrificio di Cristo, che ogni giorno celebriamo”.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Prossimo appuntamento con l’Esercito di Maria

App Ufficiale Android

Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 83 altri iscritti

Seguici su facebook

Il nuovo libro di Annalisa Colzi

Mercenari della fede

Seguici

Seguici sui nostri social network

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 83 altri iscritti