Annalisa Colzi
esorcisti

«Il diavolo agisce così». Parlano gli esorcisti

di Alessandra Turrisi

L’ascolto curato da personale specializzato, i riti di liberazione, l’accompagnamento spirituale. Ma soprattutto un’intera comunità che veglia e prega nel silenzio per coloro che stanno lottando per venir fuori da un incubo. In Sicilia il ministero degli esorcisti compie passi in avanti; sempre più frequentemente coinvolge gruppi di fedeli che accolgono i fratelli e le sorelle disturbati dal maligno; con perseveranza e fiducia, mese dopo mese seguono un percorso di vita spirituale e di frequenza dei sacramenti. Come avviene a Palermo, nella parrocchia di Santa Maria degli Angeli, coi Frati minori rinnovati.

«Lì c’è una comunità di 700 persone coinvolte nella preghiera per tutti coloro che vivono questa difficile situazione». Racconta fra’ Benigno Palilla, consigliere dell’Associazione internazionale degli esorcisti e responsabile del centro di formazione regionale “Giovanni Paolo II”. «Lo scorso anno a Palermo sono state liberate dal maligno 32 persone – continua –, ma sono circa 1.600 gli uomini e le donne seguiti dai centri di ascolto che abbiamo istituito con i 25 laici che compongono la nostra équipe.

Settimana dopo settimana, queste persone che hanno bisogno di aiuto, ma che magari non hanno reali problemi di possessione o di disturbo da parte del maligno, partecipano a una preghiera comunitaria di guarigione e liberazione nella parrocchia di San Tommaso che ci ospita. Cominciando anche un percorso di formazione spirituale. Cominciando con l’annuncio kerigmatico “Dio ti ama”. Proseguendo, di mercoledì in mercoledì, con un percorso di fede».

È un lavoro complesso quello che si trovano a vivere ogni giorno i 41 esorcisti siciliani. In questi giorni si sono riuniti a Poggio San Francesco, vicino a Monreale, per il dodicesimo incontro di formazione organizzato dal Centro regionale “Giovanni Paolo II” della Conferenza episcopale siciliana. Tra i partecipanti anche il cardinale Salvatore De Giorgi, che da presidente della Conferenza episcopale siciliana (Cesi) volle avviare questo percorso formativo, l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, l’arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi, e l’emerito di Monreale, Salvatore Di Cristina.

Un momento di approfondimento per chi ascolta storie e sofferenze; e cerca di discernere quando la causa è un’azione straordinaria del maligno. Assolvendo così a un importante ministero della Chiesa. Il demonio può impossessarsi della mente e dell’anima delle persone, devastate da dolori inspiegabili, dall’avversione al sacro, dall’odio nei confronti dei propri cari.

A giudizio degli esorcisti, sono varie le cause per cui una persona può avere disturbi di origine malefica. Di solito il demonio agisce quando «si lascia una porta aperta ». La causa può essere data da un maleficio che si subisce (fattura, maledizione, malocchio). Ma anche dalla presenza di ferite dell’infanzia o di una ipersensibilità cresciuta a scapito dell’intelligenza e della volontà. Lo spiega padre Paul Marie De Mauroy, della Congregazione religiosa dei Fratelli di San Giovanni, che ha tenuto un corso sulle azioni del diavolo. E altre porte aperte sono costituite dalla mancanza di perdono, da peccati gravi ripetuti, come aborto e adulterio.

http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/%C2%ABil-diavolo-agisce-cos%C3%AC%C2%BB-parlano-gli-esorcisti/ar-BBpNMyZ?li=AAaxHVJ&ocid=SL5MDHP

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

11 commenti

Lascia un tuo commento

  • Restiamo sempre stretti nell’abbraccio di Amore della Madre Celeste e di Gesù,solo così saremo al sicuro da qualsiasi insidia, e il diavolo resterà solo un “povero diavolo”.
    W GESU’ e MARIA

  • Il demonio esiste e sotto tantissime forme non ultime le cosi dette tentazioni, che lasciano supporre essere delle suggestioni personali.
    Quello che non capisco come facciano degli eminenti teologi e Sacerdoti a negare l’evidenza dei fatti, oltretutto, negando persino i passi dei Vangeli dove nostro Signore Gesù Cristo operava liberazioni dal demonio e dove Lui stesso venne tentato, adducendo tutto questo a malattie mentali all’epoca sconosciute.
    Gesù è il Signore.
    Alleluia

  • “…ipersensibilità cresciuta a scapito dell’intelligenza e della volontà… ”

    Questa cosa mi sfugge….

  • cara Annalisa, nella nostra parrocchia c’e un missionario, un padre bianco , che non crede al diavolo , e ogni volta che nel Vangelo se ne parla alla fine della S. MESSA si ferma x dirci che, le guarigioni che GESU’ compie a queste persone e perche’ sono malati di mente ,ne abbiamo gia’ parlato alcune volte , ma se ci permettiamo di farle osservare che questi non erano malati di mente ma indemoniati , si infuria e a sua volta sembra lui un indemoniato , a questo punto abbiamo pensato di non rispondere, ma non ci sembra giusto nemmeno cosi perche’ ci sono anche persone che condividono le sue esternazioni, che fare? spero in una risposta che ci sia di aiuto. grazie

  • Su dailymotion i video di padre Paul Marie Demauroy che spiega in parte le porte aperte come l’ipersensibilità

  • Cara Anna. Due risposte: 1°- Ok, se per lei il diavolo non esiste vuol dire che le regaleremo il Catechismo della Chiesa Cattolica. 2°- Questa sera pregheremo affinché il diavolo venga a casa sua e lo faremo tutte le sere fino a quando non le si presenterà.

  • Il Diavolo esiste e come. se tu segui un cammino di fede, cerca sempre di tentarti e se non ci riesce, ti scaglia contro le persone piu’ care. semina zizzania nella tua famigli, ti mette nel ridicolo, usa tutte le armi possibilied immaginabili. il migliore antitodo e’ il santo rosario, la frguenza ai sacramenti, le letture del vangelo ed i gruppi di preghiera.

  • NO, no, non mi sono spiegata bene io ci credo eccome il periodo del terremoto in emilia dal 20 al 29 maggio l’abbiamo sentito , eccome quando arrivavano le scosse piu’ forti insieme , alle scosse arrivava un lugubre urlo che agghiacciava il sangue , e dal sottosuolo un movimento che ci sembrava di sentire un rettile sotti i piedi ,era spaventoso, no a me fa stare molto male sentire un sacerdote che dice queste cose e tante altre, altrettanto brutte, volevo sapere cosa ci consigli di fare parlate in diocesi a monsignore o cosa, perche’ come dicevo ci persone che ci credono e questo fa molto male alla nostra chiesa, aspetto la tua la risposta grazie.

  • Effettivamente il vangelo riporta vari casi di guarigioni di liberazione dai demoni effettuate da Gesù. È altrettanto evidente che, almeno in Milano, i preti non amano parlarne. Ciò fa riflettere su possibili lacune pastorali odierne.

  • “…ipersensibilità cresciuta a scapito dell’intelligenza e della volontà… ” Sono completamente d’accordo. Questo è un aspetto molto importante. Il discernimento operato con l’intelligenza dell’introspezione e dell’autocritica, corroborato dalla volontà può ridurre o chiudere quei “canali” cioè quelle porte da cui gli spiriti demoniaci ci avvicinano per influenzarci. La dimensione della “responsabilità” è importante anche nella traduzione della fede in azioni. Sempre essere vigili e non riposare sugli allori di facili certezze. Nessuno è immune da influssi del maligno. Tutti dobbiamo usare sia cuore sia testa nel dare spazio alla fede, alla misericordia (anche verso noi stessi intendo) e mettere in atto la volontà.

  • Cara Annalisa, capisco la sua foga, ma suggerire di pregare affinché il diavolo si manifesti a casa di qualcuno, anche se detto con tono sarcastico, non mi sembra comunque una cosa particolarmente affascinante… sa quasi di invocazione!

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 373 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 373 altri iscritti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
/* ]]> */