Annalisa Colzi
diario

Il diario con disegno satanico e il diario per imparare il bullismo

di Annalisa Colzi

Ho sempre amato il diario scolastico. Era forse l’unico “libro” che aprivo, sfogliavo, leggevo e uno dei pochi “quaderni” in cui amavo scrivere. Lo confesso: non ho mai avuto voglia di studiare, ma il diario lo amavo profondamente. Come tutti gli scolari, lo sceglievo con cura e ci appuntavo di tutto meno che le cose legate alla scuola e ai compiti.

Erano diari con poche pretese, mentre oggi ne possiamo trovare di tutte, ma proprio tutte le specie, persino alcuni con contenuti satanici. E’ ciò che hanno scoperto alcuni genitori di Reggio Emilia.

Naturalmente la scoperta ha diviso, come era prevedibile, genitori e insegnanti in due squadre, quella del “cosa vuoi che sia” e quella del “questo diario è da buttare nella spazzatura”. Io, dopo aver visionato la pagina incriminata, dico: “Si poteva evitare di inserire un giochino di “trova i 21 particolari distorti” con simboli che richiamano in maniera esplicita a simbologie diaboliche, o meglio legate al satanismo ma, a questo punto, conviene strappare la pagina e tenerlo visto i costi alti che servono per stampare un diario che, comunque, viene dato gratuitamente”.

satanici simboli
il disegno contestato

Questo il mio pensiero per quanto riguarda se tenere o gettare il diario. A tutto questo, però, desidero aggiungere una breve analisi sulla pericolosità del giochino in questione. Apparentemente innocuo, questo giochetto, solletica la curiosità del bambino. Il gioco stesso “trova i 21 particolari distorti” richiede una vera e propria concentrazione sul disegno per carpirne le differenze e quindi, il bambino o ragazzino, sosterà a lungo sul disegno e su ciò che il disegno contiene. E’ chiaro che alcune simbologie presenti sul diario rimarranno impresse nella mente.

Fra l’altro il disegno in toto è molto cupo, brutto, mostruoso se poi ci aggiungiamo una stella a cinque punte (simbolo dei satanisti e della stregoneria), il 666 (numero dell’anticristo) rappresentato dai tre tergicristalli, un caprone con le corna che spunta da un auto ma anche un gatto infilzato da un ramo, una donna con la testa da serpente che sta per divorare un uomo e altre amenità simili, è ben comprensibile il disagio di alcuni genitori.

Ma non si trovano solo disegni satanici nei diari scolastici. Scrissi qualche tempo fa di un diario della Comix dal titolo “Io ti maledico. Diffondiamo l’odio. Con amore”. Scrissi di boicottarlo ma occorrerebbe denunciarne i contenuti per istigazione al bullismo.

10384893_1578720289028938_567243279406761351_n
Un disegno tratto dalla pagina fb legata al diario “Io ti maledico”

E’ davvero sorprendente l’ingenuità di tanti adulti, che dovrebbero aiutare a fare discernimento ai propri figli, nel difendere un diario del genere. Quando scrissi l’articolo http://www.annalisacolzi.it/boicottiamo-la-comix-e-il-suo-diario-scolastico-dal-intitola-io-ti-maledico-diffondiamo-lodio-con-amore/ non avevo ancora tra le mani il diario in questione. Ce l’ho invece adesso e sfogliandolo ho trovato frasi tipo: “Oggi sono di buon umore, vorrei regalarti qualcosa che tu possa usare. Una bara, ad esempio”. “Ti auguro una crociera stile Titanic”. “Vorrei poter dire di aver risolto tutti i miei problemi ma poi ci penso e noto che tu respiri ancora”. “Capiscimi, sto cercando di venirti incontro senza frenare!”.

Un inno di odio ma anche di prese in giro (bullismo) “Sai provo ancora qualcosa per te: schifo”. “Ti auguro un minuto di intelligenza per farti capire quanto sei coglione”. “Tu fai così schifo che quando passi davanti al pc mi scatta l’antivirus”. “Facciamo un gioco! Compra una vocale! V#FF#NC#L#”.

Ok, penso che possano bastare per capire il gioco sporco di questo diario.

La cosa inquietante è che un certo tipo di messaggio passa del tutto inosservato da genitori e adulti, anzi viene accettato come una innocua presa in giro. Ma, allora, perché combattere contro il bullismo? Perché prendersela se a tuo figlio viene detto che è: “ciccione, stupido, obeso, nasone ecc…” o se a tua figlia viene detto: “Sei una vacca, sei brutta, sei orrenda, puzzi ecc…”. Se questo diario è normale, le istituzioni che non hanno niente da dire su certe frasi, perché combattono il bullismo nelle scuole? Via, su, cerchiamo di capire che i ragazzi “scherzano” con le loro prese in giro….

Se invece non siete d’accordo su certi contenuti, ditelo, fatelo presente.

Sono rimasta allibita nel ricevere quanto scritto alla sottoscritta riguardo all’articolo precedente sul diario in questione:

Gentile signora, conosco personalmente i ragazzi del gruppo di “Io Ti Maledico” e le assicuro che sono persone degne di rispetto. Impegnati nel sociale, amanti dell’ambiente , della natura, della musica, estremamente disponibili con tutti. Il fatto che abbiano scelto una satira dissacrante, in alcuni casi forte non credo consenta di essere offensivi verso di loro e identificarli come persone violente , bulli o con gli altri pessimi epiteti che purtroppo ho letto. Dissacrare con una vignetta e’ un conto; offendere persone di cui non si conosce il vissuto, la storia, la famiglia e’ un altro conto.

Non e’ giusto che venga distorto il senso della loro satira che esula assolutamente dalla violenza; il loro motto e’ “diffondiamo l’odio con amore”. Sulle pagine social, si vedono immagini spaventose, articoli di famose testate giornalistiche che sono ben più preoccupanti di una semplice gag. Io rispetto la sua opinione pur non condividendola. Trovo l’azione del boicottaggio disdicevole. Ci sono tante agende scolastiche, il mercato offre ampie scelte a secondo delle varie eta’; e’ ovvio che se ha dei bimbi piccoli la scelta deve essere diversa. La saluto, e auguro buon scolastico ai suoi bambini . Carla Giordano

“Non è giusto che venga distorto il senso della loro satira che esula dalla violenza…”. Distorto il senso della satira? Ma stiamo scherzando? Questo diario è da denuncia! E’ un diario che incita all’odio, al bullismo, alla maledizione (dire male). Ricordo a questa signora che uno degli ultimi casi di suicidio, a  causa di bullismo, risale a pochi giorni fa, quando un giovane di 26 anni si è tolto la vita a causa delle prese in giro da parte dei colleghi di lavoro. Ma è l’ultimo caso di una lunga serie e tanto per riportarne alcune vi parlo di Aurora, 14 anni, stroncata da parole come: «Sei un cesso, vatti a nascondere». «Sei la vergogna delle 2000».

Sono queste parole ad averla convinta a salire al sesto piano del suo palazzo, in via Paganini 35 a Venaria, e a lanciarsi nel vuoto. Aurora Cerullo era un’adolescente come tante. Però non si accettava e si sentiva brutta: gracile e mingherlina a causa di una patologia renale che l’accompagnava dalla nascita, dimostrava meno dei suoi anni e ne soffriva. E i compagni la sfottevano. I carabinieri hanno interrogato amici e compagni e sequestrato il pc e il cellulare della ragazza: si sono resi conto che negli ultimi tre mesi aveva ricevuto parecchi insulti, tutti sfottò che insistevano sul suo aspetto fisico.

E poi, vogliamo parlare della quattordicenne che, insultata a più riprese, si è buttata dalla terrazza del tetto dell’ex hotel Palace a Cittadella? E sa, cara signora Carla cosa le veniva detto? «Secondo me tu stai bene da sola!!!!!!!!!!! fai schifo come persona!!!», «spero che uno di questi giorni taglierai la vena importantissima che c’è sul braccio e morirai!!!!»; «Sei una ritardata, grassa e culona, fai finta di fumare, ma non aspiri; fai finta di bere, ma non bevi; fai finta di essere depressa per attirare l’attenzione; sei patetica».

Sono queste le parole usate dai bulli. E sono le stesse che i suoi cari amici, degni di rispetto, hanno scritto nel diario “Io ti maledico. Diffondiamo l’odio. Con amore.”.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

9 commenti

Lascia un tuo commento

  • Cara Annalisa,
    mi complimento con te per il coraggio con il quale denunci tutte queste schifezze che ormai stanno dilagando ovunque ( diari, giochi satanici, discoteche ecc..). Mi vien da ridere ( per non piangere!) quando sento i telegiornali che parlano dei ragazzini di “buona famiglia” che “inspiegabilmente” si trasformano in bulli…poi si va ad indagare e si capisce il motivo: genitori che, per vari motivi, non hanno il tempo ( o la voglia!) di giocare e/o parlare con i loro figli, di trascorrere del tempo con loro, preferiscono piazzarli davanti la tv, magari farli rimbambire con videogiochi che ormai quelli più in voga sono pieni di delinquenza, guerre, uccisioni, ecc…
    E poi ci si chiede: come mai questi ragazzini son diventati così,passami il termine, “stronzi”? Magari andiamo a vedere cosa c’è dietro ai vari videogiochi, sembrano quasi che dicano: dai, uccidi per davvero!! Tra l’altro ci son stati degli studi che hanno appurato che chi passa tante ore davanti ai videogiochi violenti, poi finisce per diventarlo anche nella vita reale, poichè il ragazzo/a non capisace più la differenza dal mondo virtuale da quello reale…e cosa fanno le multinazionale dei videogiochi? Se ne sbattono, promuovendo giochi sempre più pericolosi!!…tanto per loro basta far soldi!!!..a scapito di giovani vite umane rovinate!!!
    Mi scuso per il lungo sfogo, ma veramente siamo arrivati ai limiti dell’intollerabile!
    Un tuo fan!
    Andrea

  • Un’altra piaga oltre a questo materiale satanico è l’indifferenza. Io ho subito bullismo sia a scuole che nell’ambito della setta dei testimoni di geova. I miei genitori non sono mai intervenuti e mi dicevano: sei tu che sbagli perché te la prendi troppo. Molto spesso le vittime di abusi non vengono comprese e si tende piuttosto a colpevolizzarle. L’indifferenza dei genitori porta i ragazzi a comportarsi così. Come ha detto Andrea, è più facile piazzarli davanti alla tv che passare del tempo con i figli insegnando loro i giusti valori.

  • GRAZIE Annalisa x il lavoro che fai! come neo mamma credo che è importante l’informazione su tutto ciò che circola in questa società! oggi più che mai abbiamo bisogno di discernimento!Non possiamo più rimanere ignoranti! l’ignoranza fa molto male! come la legge non ammette ignoranza così anche nello spirituale! sono pienamente che questi messaggi vanno boicottati!mi viene anche da dire che se certi messaggi partono da gente x bene AIUTO! che mondo!il maligno gioca proprio nel confondere il bene e il male,non saperli più distinguere!così ci fa cadere! è furbo il demonio si nasconde bene! grazie Annalisa che lo sai scorgere anche dietro gli angoli più oscuri!Buon lavoro Michela

  • Rimango sempre più stupita nel comportamento dei genitori che giustificano tutto. Come può un genitore pensare che le frasi riportate nei due diari in questione, letti per tutto il periodo scolastico, che diffondono solo odio e disprezzo per il prossimo, non siano in grado di influenzare il comportamento di un giovane ragazzo. Voglio ricordare un tempo molto vicino, anche se sono passati sessant’anni, in cui i giovani tedeschi furono influenzati ed incitati ad esaltare la razza ariana. Pochi videro il pericolo. Tutti noi sappiamo poi ciò che avvenne. Si dice che la storia insegna, ma invece dico che la storia non insegna niente altrimenti la Sig.ra Carla non avrebbe scritto ciò che è stato riportato. Come si può dire che si conosce a fondo un ragazzo personalmente. Quanti ragazzi sembrano degli angeli, dediti al sociale e poi si scoprono che non sono quelli che sono. Sei i ragazzi vengono bombardati da messaggi e disegni negativi come si può pretendere che il comportamento sia diverso dai messaggi recepiti ? Tutto ciò che offende la morale, è vista oggi come SATIRA.. Ma quella non è satira . Le frasi e i disegni riportati, non mettono in ridicolo comportamenti sociali, o, politici tali da mostrare le contraddizione per promuovere quindi il cambiamento. Quelle sono frasi messe per insegnare ai giovani che tutto ciò che è al di fuori del prototipo non potrà essere accettato.

  • Grazie Annalisa, Dio ti benedica e protegga per il grande ministero che ti ha affidato, mi auguro che i genitori ti siano riconoscenti per il bene cha fai ai loro figli e famiglie, un domani non dovranno piangere. L’ignoranza fa tantissimi danni.

  • Ho già parlato del libro di giochi di prestigio edito da una prestigiosa casa editrice che alla fine aveva disegni e frasi sataniche in latino ed in greco antico che avrei dovuto regalare ad un mio nipote e che ho cestinato quando me ne sono accorto. Aggiungo che ormai la volgarità ed il turpiloquio sono così diventati comuni anche fra gli adulti i quali non si rendono conto della pericolosità per i giovanissimi della pericolosità di certi diari, d’altronde uno non può dare ciò che non ha e se i genitori non hanno determinate cose non possono trasmetterle ai figli !

  • Grazie per i tuoi articoli.
    Questo diario della comix non è solo da boicottare ma da denunciare.
    Diffonde l’odio e non lo fa in modo implicito nascosto, ma proprio manifesto esplicito, con una dichiarazione chiarissima già affermata nel titolo!
    A questa certa Carla Giordano (della quale sarebbe interessante conoscere un indirizzo mail per poterla contattare) mi viene da chiedere se non ha un qualche interesse economico anche indiretto legato alle vendite di questo diario da difenderlo con tanto trasporto. Difesa tra l’altro sconclusionata e senza una logica. Non è che nel nome della satira si possa dire ogni scemenza offensiva e diseducativa o fare apologia di odio e discriminazione. Non è che provando a commuoverci raccontandoci che questi poveri ragazzi sono impegnati nel sociale allora si cambia il senso delle cose.
    Questo diario è diseducativo e deviante! questi ragazzi anziché appoggiati o difesi devono essere messi in discussione reindirizzati e fermati! Il diario DEVE essere boicottato!
    Fabio

  • brava annalisa. Grande e coraggiosa il Signore ti benedica e PROTEGGA.

    Giuseppe

  • Forse non ti è chiaro che i destinatari delle vignette di “Io ti maledico” è gente come te e chi ti legge 🙂 Il bullismo non c’entra niente, è solo sarcasmo destinato a chi se lo merita.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
/* ]]> */