Annalisa Colzi
immigrati

I fatti violenti di Colonia? Siamo incapaci di fronteggiare la loro sfida

E’ passato oramai un mese e mezzo dai fatti violenti di Colonia; ma trovo molto interessante, veritiera e quindi preoccupante, l’analisi fatta da fra Giuseppe. Vediamola insieme.

di fra Giuseppe Paparone o.p.

La bruttissima vicenda appena accaduta in Germania, che ha generato rabbia nel mondo intero, mi ha molto impressionato. Mi ha fatto pensare che la si debba considerare seriamente, con molta attenzione.

Come abbiamo ampiamente letto nella stampa, nella notte di Capodanno, migliaia d’immigrati si sono riuniti, appositamente, in alcuni luoghi particolarmente affollati per molestare e derubare le donne che erano in strada per festeggiare il nuovo anno.

Di fronte a questo non mi sono sentito semplicemente indignato; ma particolarmente preoccupato, attraversato da una spiacevole sensazione che stiamo entrando in una dimensione sociale molto pericolosa e problematica.

Se riflettiamo sul fatto che alcuni di questi immigrati, clandestini o meno, fuggiti dai loro Paesi e in qualche modo accolti, si permettono di agire in modo così oltraggioso e prepotente verso coloro che li accolgono, non possiamo esimerci dal chiederci quali siano i motivi che li hanno spinti a perpetrare questo genere di violenze.

Le risposte possono essere tante, ma esaminiamone alcune.

Prima di tutto, molti di questi immigrati vengono in Europa non per condividere il nostro stile di vita; ma semplicemente perché costretti dalla fame o perché pensano di poter trovare una facile soluzione ai loro problemi economici.

In secondo luogo, molti di questi nutrono, probabilmente, un forte risentimento, anche inconscio, verso gli europei che in qualche modo li hanno sfruttati e ancora approfittano della loro debolezza economica.

Infine, ed è il motivo più preoccupante perché più difficile e problematico da rimuovere, la loro percezione di impunibilità, di fronte ad una nostra incapacità di tenere sotto controllo situazioni complesse.
Così come siamo incapaci di trovare una soluzione adeguata al problema dei flussi immigratori o come siamo incapaci di far rispettare le leggi; in tal modo, ai loro occhi, sembriamo incapaci di fronteggiare la loro sfida.

Io credo che la percezione che queste persone hanno della nostra società sia quella che ognuno “si fa i fatti propri”. E che, alla fine, tutto viene sistemato sempre in modo indolore.

Non pensano di vivere in una società dove leggi, regole, rispetto, tolleranza, accoglienza fanno parte di una cultura e di uno stile abituale di vita.

E questo è imputabile anche a noi, che non siamo sempre osservanti delle regole. E spesso, le scavalchiamo per i nostri interessi.

Quale può essere il rimedio?

Solo quello di conformare il nostro modo di vivere ad un’Etica senza compromessi.

Penso che, se vogliamo che gli immigrati rispettino le nostre leggi e la nostra cultura, se non vogliamo sprofondare nel caos, dovremmo tutti impegnarci per essere a un tempo aperti e accoglienti. Ma contemporaneamente, severi e intransigenti, sin da subito, verso ogni abuso e trasgressione. Mi riferisco a qualsiasi trasgressione, da chiunque commessa, perché lo Stato sia un’entità credibile.

Questo perché la democrazia e il vivere fraterno esigono un personale e libero rigore morale e sociale. Altrimenti, si genera una pericolosa e selvaggia anarchia.

Noi credenti dobbiamo essere i primi a impegnarci in questo senso. E sperare di poter diventare un fecondo lievito per una convivenza libera, matura e responsabile.

 http://comunita-abba.it/?p=23975

 

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

2 commenti

Lascia un tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Unisciti a 368 altri iscritti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
/* ]]> */