Annalisa Colzi
studenti di hong kong guardano più porno

Gli studenti di Hong Kong guardano più porno

Guardano più porno ma…sanno meno di sesso

Gli studenti delle scuole superiori di Hong Kong guardano più porno, e per essere precisi, molta pornografia online, ma la loro conoscenza del sesso è diminuita, questo è ciò che dimostra un esauriente nuovo sondaggio.

L’ultimo studio sulla sessualità giovanile della Family Planning Association, ha rilevato che il 59% dei ragazzi e il 33% delle ragazze delle scuole superiori guardano più porno, visionando materiale esplicito, pari a circa 5 punti percentuali rispetto all’ultimo studio del 2011 e ha rilevato un declino della loro conoscenza sessuale.

Tuttavia, pochissimi studenti delle scuole superiori avevano effettivamente fatto sesso.

Uno su cinque ragazzi ha ammesso di aver guardato pornografia più di 15 volte nel mese passato, una tendenza che il direttore esecutivo dell’associazione, Dott.sa Susan Fan Yun-sun, ha definito ‘preoccupante’.

Con il sondaggio che evidenza una mancanza di consapevolezza sulla conoscenza sessuale, specialmente riguardo la gravidanza, la Dott.sa Fan ha incoraggiato gli insegnanti a potenziare l’educazione sessuale nelle scuole superiori.

La pornografia è oggi così largamente diffusa su Internet che non possiamo semplicemente mettere barriere e impedire ai giovani di guardarla”, ha affermato Fan al Monday.

Abbiamo bisogno di affrontare gli argomenti sollevati dalla pornografia quando parliamo dell’educazione sessuale, come ad esempio il degrado delle donne, il sesso violento e così via”.

La maggior parte dei teenagers afferma di essere stato esposto al materiale attraverso i loro cellulari.

Il sondaggio, condotto ogni cinque anni dal 1981, mira a monitorare il cambiamento delle tendenze nella mentalità e nei comportamenti verso la sessualità.

Ha intervistato 5.146 scolari e giovani di età compresa fra i 18 e i 27 anni.

Su una serie di domande riguardo il concepimento, le infezioni sessualmente trasmissibili e HIV/AIDS, poste a giovani dalla terza alla sesta classe, gli studenti hanno segnato una media di 8 risposte corrette su 12, meno rispetto alle nove del 2011.

Fra gli studenti della prima e seconda classe, la media è scesa da 6 a 5.

Fan ha affermato che gli studenti se la sono cavata male sulla gravidanza e il concepimento e ha incoraggiato le scuole a discutere di questi argomenti in modo più dettagliato.

Il 2% degli scolari delle classi prima e seconda e il 7% degli scolari delle classi dalla terza alla sesta hanno avuto rapporti sessuali, leggermente meno rispetto alla situazione nel 2011.

L’età media del loro primo rapporto è rimasta invariata a 15 anni.

Tra quelli dai 18 ai 27 anni, circa il 45% ha avuto rapporti sessuali, a 19 anni il primo.

Lo studio ha inoltre mostrato una maggior accettazione delle minoranze sessuali, ha affermato Fan, mentre il 15% delle studentesse e il 13% degli studenti erano insicuri del loro orientamento.

Circa il 50% degli studenti vuole sposarsi in futuro, mentre il 74/78% afferma che vorrebbe avere figli, in rialzo rispetto il 2011 che segnava 61/68%.

I giovani sono curiosi riguardo i temi sessuali e c’è la necessità di introdurre un’istruzione sessuale completa precoce nelle scuole”, afferma Fan.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli