Annalisa Colzi
nuovo libro di Papa Francesco quando pregate dite padre nostro
Giovanni Pellielo

Giovanni Pellielo il tiratore di Dio è un uomo di grande fede

Giovanni Pellielo ha vinto l’argento a Rio

e non ha fatto mistero della sua fede

Qualcuno è rimasto spiazzato. Giovanni Pellielo ha vinto la medaglia d’argento a Rio. Nonostante la sua età non più giovanissima, Pellielo è l’atleta più forte della storia del tiro al piattello. Ha al suo attivo quattro vittorie al campionato del mondo e quattro medaglie in altrettante Olimpiadi.

Giovanni Pellielo

Ma non è stato questo a spiazzare numerose persone nei giorni scorsi. Giovanni Pellielo ha invece spiazzato gli ascoltatori parlando, nelle interviste del post gara, della sua forte fede religiosa. Non capita spesso di ascoltare una testimonianza di fede da uno sportivo. E questa cosa, detta tra noi, a qualcuno ha dato molto fastidio.

prega e spara

Così chi si aspettava di sentirlo parlare di tiro al piattello si è dovuto accontentare di sapere, ad esempio, che ogni sera si addormentava leggendo un brano dei tre libri che Joseph Ratzinger ha dedicato alla figura di Gesù. Forte no?

Già nel lontano duemila Giovanni Pellielo è stato definito “il killer predicatore” perchè lui prega e spara, spara e prega.

la coscienza del peccato dipende dal livello di santità che ha ciascuno

E sempre nel duemila dichiarò in un’intervista: “ […] Anche per tirare ad un piattello devi avere la coscienza a posto, perché in quei cinque decimi di secondo ti porti dietro tutto quello che sei stato e hai fatto, di buono o di male, prima. Se domini te stesso, domini anche quello che ti sta intorno. La coscienza del peccato dipende dal livello di santità che ha ciascuno. La fede è importante, specie in tempi di decadimento in cui tutti pensano che l’ inferno non esista più”.

E questo è quello che disse un anno fa ai mondiali:

Giovanni Pellielo

Che ne dite? Secondo me, Pellielo ha vinto l’oro come cattolico praticante. Grande Pellielo! Non vediamo l’ora di vederti alle Olimpiadi di Tokyo. Noi, ovviamente, faremo il tifo per te.

                                                                                                                                              Sabina

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Per capire come manipola la mente una setta

michelle huzinker

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Una fedeltà senza fili, che unisce un piccolo esercito di mendicanti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

misericordina rosario dell'anima

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli