Annalisa Colzi
discriminazione

Gender e ginecofobia: sono le donne ad essere discriminate

di Sabino Sabini

(seconda parte)

Don Massimo; secondo lei l’affermarsi delle pretese di equiparazione degli omosessuali come cambia il ruolo della donna ed il suo rapporto con l’uomo?

Secondo questa cultura, il fatto di essere “donna” nel senso tradizionale, che legava insieme struttura biologica, naturale tendenza alla vita in comune con il partner maschile – intesa in senso non soltanto fisico, ma anche psichico e spirituale, quale integrazione di esseri complementari a tutti i livelli – maternità fisica e maternità spirituale, non avrebbe riscontro nella realtà, ma non sarebbe che una costruzione socio-culturale che la società di oggi deve rifiutare come non fondata in natura e perciò fonte di reazione e di discriminazione verso altri modi di essere e di sentire e di esercitare la sessualità.

In questa prospettiva il vincolo matrimoniale che unisce un uomo a una donna non sarebbe qualitativamente diverso. O in alcun modo privilegiato rispetto al vincolo matrimoniale che unisce due uomini o due donne. Ovvero anche più persone dell’uno o dell’altro sesso.

E se non c’è differenza qualitativa e privilegio, ovviamente non vi sarà alcun legame materno/paterno qualitativamente diverso fra una coppia biologicamente feconda e il figlio fisicamente da essa generato rispetto a quello che si crea fra due (o al limite più) persone dello stesso sesso e il figlio a loro affidato per adozione o generato per loro o per uno di loro in qualsiasi altro modo.

Se questo modo di intendere la sessualità, il matrimonio e la filiazione è corretto e fondato nella realtà; allora è obbligo che fin dalla più tenera età esso si insegni ai bambini.

Da qui l’idea di imporre questa visione della sessualità anche nelle scuole dell’infanzia?

Certo. Si dirà loro che essere donna (o uomo) non è un dato di natura, bensì una scelta psichica. Essi saranno perciò invitati a scrutare la propria tendenza. E a incominciare al più presto a fare, riguardo ad essa, una libera scelta. Eventualmente anche verso forme di tendenza sessuale varie e non catalogabili secondo le obsolete categorie uomo/donna.

In tal modo si sradicherà dalla loro psiche il pregiudizio che essere donna (o uomo) sia un fatto naturale; dal quale discenderebbe il privilegio di essere la vera naturale partner dell’altro “sesso naturale”; e la vera unica generatrice, e perciò madre, nutrice ed educatrice, della prole. Questo pregiudizio dovrebbe essere eliminato sul nascere. Poiché sarebbe causa di discriminazione verso altri orientamenti sessuali, per i quali ovviamente, in detta prospettiva, il ruolo di coniuge, padre e madre non potrebbe essere considerato se non “contro natura”.

Dunque, fin dall’infanzia i bambini dovrebbero essere avviati a considerare del tutto normale la transizione dal genere tradizionalmente legato al sesso biologico; al genere liberamente scelto – cioè dal genere femminile al maschile, o viceversa; ovvero dall’uno o l’altro a un nuovo genere di libera scelta – eventualmente anche con l’ausilio di cure ormonali o di interventi chirurgici.

Sappiamo che per una corretta crescita psico-affettiva i bambini hanno bisogno di un rapporto-confronto con la figura distinta del padre e della madre. Come cambierebbe questo rapporto?

Un altro pregiudizio che dovrebbe essere sradicato fin dall’infanzia è che il bambino avrebbe bisogno, per crescere psichicamente sano, delle figure tradizionali del “padre” e della “madre”. Cioè dell’uomo e della donna biologici. Se fosse così, ovviamente si reintrodurrebbe il privilegio della “donna biologica” rispetto ad altre figure parentali. Ma ciò sarebbe causa di discriminazione e perciò violazione di diritti di una o più categorie.

Non potendosi tollerare discriminazioni verso alcun gruppo particolare, diverso o minoritario in una società moderna e democratica, bisogna che i bambini siano educati fin dalla più tenera età a considerare del tutto uguale la convivenza di minori con due persone di sesso diverso; e la convivenza di minori con due (o più) persone dello stesso sesso, senza discriminazioni.

Se poi la condizione omosessuale – o eventualmente altra – non è più da considerare “innaturale”, non sarà proponibile alcun percorso “terapeutico” per il ritorno ad una condizione cosiddetta “eterosessuale”.

Ovviamente ogni transizione sarebbe lecita; purché sia ben chiaro che non c’è una condizione “naturale” privilegiata alla quale ci si debba orientare; e che perciò chi detiene una condizione di genere che coincide con quella biologica sia persuaso che può ritenerla esclusivamente come libera scelta e non come condizione naturale; che dunque deve accettare il principio di poter transire. Aiutato eventualmente dagli adulti di lui/lei responsabili, anche con opportune terapie, a qualsiasi altro orientamento.

(continua)

Prima parte articolo http://www.annalisacolzi.it/gender-e-ginecofobia-sono-le-donne-ad-essere-discriminate/

Articolo già pubblicato su La Croce Quotidiano del 12/02/2016

Gender e Ginecofobia: Sono le donne ad essere discriminate.

Immagine: http://www.iltempo.it/cronache/2015/06/21/il-family-day-contro-i-mammi-gay-1.1428671

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

4 commenti

Rispondi

  • Ciao…scusate non ho capito o sono tardo…questo don Massimo

    Da che parte sta???

  • Tutta questa teoria del gender mi ricorda il pensatoio di Socrate nella commedia di Aristofane “Le nuvole” (Aristofane confonde erroneamente Socrate con i sofisti che Socrate ha decisamente condannato). I sofisti, con la loro abile parlantina, erano capaci di convincere chi ascoltava che il bianco fosse nero e viceversa; tutta questa teoria del gender e ciò che ci orbita intorno è una cosa analoga. Se certa gente ha idee “strane” se le tenga per sé (ognuno è libero di pensarla come vuole, per carità) ma non abbiano la pretesa assurda di imporle a tutti gli altri, magari (come sta accadendo), facendole passare come leggi dello stato; Hyperaghìa Theotòke sòson hemàs ( = Santissima Madre di Dio salvaci (in greco)).

  • Il gender e’ l’apoteosi più squallida di prostituzione, nella quale ancora una volta le donne diventa oggetto alla merce di uomini egocentrici e viziati disposti ad imporre il loro denaro per comprere la vita umana.

  • Qualcuno ha obiettato che si presenta il punto di vista degli avversari con troppa ampiezza e, inizialmente, senza obiezioni, tanto da far credere che lo si voglia appoggiare. Ma faccio notare che il fair play esige che si presenti la posizione a cui ci si oppone con la massima obiettività, senza diminuire la forza dei suoi argomenti e mostrando di averla ben capita. Solo a questa condizione si potrà poi opporre una valida argomentazione contraria. L’articolo non finisce qui.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: