Annalisa Colzi
nuovo libro di Papa Francesco quando pregate dite padre nostro

Beyoncé con i suoi deliri di onnipotenza al Grammy Award 2017

Beyoncé e i suoi deliri

Ce l’ha fatta! Finalmente è riuscita a paragonarsi alla Madonna. E per l’occasione è stata contornata da 12 apostole da un lato e 12 dall’altro lato, mentre lei, la regina del niente sfilava con abito regale. Sì, Beyoncé con i suoi deliri ha avuto qualche ora di onnipotenza terrena. Questi osanna terreni probabilmente l’hanno gratificata e compiaciuta ma la verità di fondo rimane una: Beyoncé con i suoi deliri diventerà polvere come tutti i comuni mortali.

Questa è la verità. Nonostante i deliri di onnipotenza nessuna persona ha il potere di allungare di un secondo la sua vita terrena e tanto meno di rendersi immortale.beyoncè e i suoi deliri

Tutti noi dovremo fare i conti con Dio

Nessuno potrà esimersi da questo traguardo. Arriverà un giorno, fosse anche tra 150 anni, in cui singolarmente verremo convocati davanti al trono di Dio. Allora e solo allora ci ritroveremo davanti l’Onnipotenza, quella vera, non quella dei vari cantanti di turno. Ci ritroveremo faccia a faccia con il giudizio di Dio. Se fino al momento della morte vi è la possibilità di convertirsi, cioé di cambiare radicalmente vita, dopo la morte non sarà più possibile. Il tempo non sarà più e come un lampo ci ritroveremo faccia a faccia con Colui che in vita abbiamo disprezzato o amato, rinnegato o accolto. Atei, blasfemi e santi tutti in un batter di ciglia si prostreranno davanti al Creatore. E immediatamente arriverà la retribuzione: Inferno, Paradiso o l’anticamera del Paradiso che è il Purgatorio.

Il Grammy Award sarà solo un lontano ricordo

E i deliri di onnipotenza altrettanto. Ma sarete curiosi di sapere dove, come e quando Beyoncé con i suoi deliri ha sfiorato la blasfemia. Ebbene è accaduto alla premiazione del Grammy Award 2017. Durante questa cerimonia dove vengono consegnati i premi Grammy la cantante Beyoncé con i suoi deliri di onnipotenza si è presentata vestita, o meglio svestita, con un abito dorato tutto trasparenze e ricami. Ma il top lo ha raggiunto con la corona che portava in testa. La regina del niente indossava una corona dorata a  punte con rose in rilievo. Una corona molto, molto simile alla corona che la Vergine della Salette indossava quando è apparsa ai due pastorelli Melania e Massimino.

annalisa colzi

Mi chiamo Annalisa Colzi e di professione faccio la scrittrice anche se non possiedo nessun titolo di studio. Sono nata il 20 novembre del 1962 sotto il segno della Croce (questo è il mio segno zodiacale). Sono sposata, abito in una delle più belle zone d’Italia, la toscana e precisamente a Montemurlo, un paese in provincia di Prato.

2 commenti

Rispondi

  • Credo che per la Madonna sia più doloroso vedere i suoi figli allontanarsi dalla misericordia, che poi è il significato di quella particolare rappresentazione della Madonna.
    Credo che se olre a rappresentarlo lo praticassero anche, il problema non sussisterebbe.
    Sono persone che le cose sacre le conoscono bene, e le usano per i loro rituali.
    Non credo però che la soluzione sia minacciare l’inferno…

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Per capire come manipola la mente una setta

michelle huzinker

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Una fedeltà senza fili, che unisce un piccolo esercito di mendicanti

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: