Annalisa Colzi
amore che salva e se fosse una ciabatta a salvarci

Amore che salva, e se fosse una ciabatta a salvarci?

L’amore che salva, l’esperienza di un incontro

Storiella di una ciabatta incorniciata per avere “la visione e la certezza che è l’amore che salva“.

Si narra di una storiella, della casa di un parroco, alle cui pareti era appeso un quadro con una vecchia e consunta ciabatta ben incorniciata. Eh sì, perché, tempo prima, durante una lunga malattia del parroco, la madre, ogni mattina si recava davanti alla porta della camera per vedere come stesse il figlio. Il primo suono che l’uomo ascoltava era il trascinare della materna premura quotidiana, il rumore delle ciabatte tenacemente presenti! Poi col tempo il sacerdote guarì e, agli altri familiari, chiese di avere soltanto un oggetto della madre: la ciabatta. Così, a chiunque chiedesse il significato di quel quadro con la ciabatta incorniciata, egli rispondeva: «PER AVERE SEMPRE, DINANZI AGLI OCCHI, LA VISIONE E LA CERTEZZA CHE È L’AMORE CHE SALVA!».

Cosa resta di questa meravigliosa storiella? Lo sguardo di ciò che agli occhi può sembrare invisibile; ma che dietro cela l’intero significato e cioè l’esperienza di un incontro!

Incontro e innamoramento

Cosa è accaduto ad esempio quando due fidanzati si sono conosciuti? Un incontro fatto di sguardi, parole, battute per suscitare il massimo interesse, sensi e doppi sensi, dare il meglio di sé, attirare l’altro in tutte le maniere possibili, essersi vestiti nel miglior modo per il primo appuntamento, aver scelto il ristorantino più adeguato, aver speso tutti i complimenti, e altro.

Poi ci si scambiano doni particolarissimi e, quando si va in un luogo significativo, si scattano foto speciali e si acquistano oggetti “ricordativi” e soprattutto si vivono momenti che mai si scorderanno.

amore che salva l'esperienza di un incontro

Poi si va avanti nel percorso dell’innamoramento e si stampano nella memoria situazioni specialissime che solo quelle due persone hanno saputo vivere.

Può essere accaduto che l’anello di fidanzamento sia stato consegnato in ginocchio declamando la più bella poesia. Può darsi che, camminando mano nella mano, siano state pronunciate bellissime parole; e che ricorreva sempre una frase molto speciale che accomunava tantissimo la sintonia dei due.

Matrimonio e famiglia

Poi si è andati avanti nel percorso dell’amore e ci si è sposati. Quanti sorrisi e quanti ricordi quel giorno super specialissimo che mai può dimenticarsi. Saremmo addirittura degli sciocchi a criticare e a detestare ciò che da soli, senza alcuna costrizione, abbiamo deliberatamente scelto, voluto, desiderato, conquistato ed accolto pienamente: l’altro o l’altra! Un sì pronunciato dalla nostra stessa bocca, quella con cui fin dall’inizio ci siamo relazionati.

È vero, spesso tutto accadeva nella fretta, o nella superficialità del tempo che scoccava sempre più velocemente mentre si dovevano acquistare oggetti, arredi, camere, cucine, stoviglie, fedi, biancheria, viaggio di nozze, viaggio di ritorno.

Poi si va avanti e la vita cambia con il lavoro, i bambini; forse non è detto che ci siano bambini. C’è la crescita umana e personale dove ciascuno deve fare i conti con se stesso, con i propri limiti e i limiti dell’altro.

Poi, se ci sono bimbi essi crescono; c’è l’adolescenza, quella dei figli si spera (e degli eterni adolescenti… ahimè…) e poi ci sono i suoceri, i consuoceri, i rapporti familiari e interpersonali.

amore che salva l'esperienza di un incontro

Ciò che davvero ti serve

Tutto intanto corre, come l’attività pastorale del sacerdote della storiella.

Ma il sacerdote a un certo punto si ammala ed è costretto a fermarsi, a vivere un po’ di tempo relegato nella solitudine, nell’intimità di se stesso, obbligato vuoi o non vuoi a quell’immobilità dove tutto quello che prima scorreva, ora si è fermato, almeno fisicamente. Rimane però una cosa che non riesce a fermarsi: l’alterità!

C’è un altro che si muove per te. Un altro che striscia le sue ciabatte per vedere come stai, se hai bisogno di qualcosa, di ciò che DAVVERO TI SERVE. All’inizio non te ne accorgi; anzi, quella ciabatta rumorosa che passa può infastidirti anche parecchio. Tu forse nella tua immobilità hai imbroccato una strada sbagliata o sei proprio fuori strada. Forse stai “rinnegando” ciò che tu avevi scelto, forse sei molto confuso. Si è vero, ora sei ammalato; ma sappi che quelle ciabatte che arrivano a destinazione per guardarti davanti alla porta sono quella certezza: LA CERTEZZA DELL’AMORE CHE SALVA.

E se fosse quella ciabatta a salvarti?

Il sacerdote guarì.

Puoi incorniciarla anche tu se vuoi!

Cristina

Cristina Righi

Cristina Righi

Mi chiamo Cristina Righi, sono Umbra e vivo a Perugia. La mia vocazione è anzitutto essere moglie, poi madre di quattro figli e poi figlia di un Padre che mi venne a cercare e mi ha trovata!

Con mio marito Giorgio, proprio perché rinati nella coppia, serviamo a tutto campo la famiglia. In particolare io vivo l'accompagnamento spirituale alle persone ferite per donare la GIOIA e uscire dalla tenebra. Insieme a Giorgio siamo Padrini di battesimo di ben 41 figliocci.

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Seguici su facebook

Segui L’Esecito di Maria su Facebook

Scarica l’App ufficiale di Annalisa Colzi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

/* ]]> */